Passa ai contenuti principali

DEATH NOTE





Approfittando degli ultimi, quieti e (speriamo ancora per poco) caldissimi giorni di fine estate, ho visto anche io su Netflix "Death Note" film di cui si è parlato parecchio in questi giorni.
Light (la madre era un po' hippie) entra in possesso di un misterioso "quaderno della morte"che gli conferisce un immenso potere; gli basterà scrivere il nome di una persona sulle pagine del quaderno e questa morirà.All'inizio Light e Mia, la sua ragazza, lo useranno per uccidere criminali di ogni risma, ma la situazione sfuggirà presto loro di mano.
Ho visto il film senza aver prima letto l'anime da cui è stato tratto, anzi non sapevo neppure esistesse.
Di Wingard mi erano piaciuti "You're next" e "The Guest" decisamente meno l'orrido, nonché inutile, "Blair Witch".
Questo "Death Note" mi è parso una discreta idea buttata nel cesso dopo pochi minuti.
La voglia di indirizzare il tutto ad un target adolescenziale, e la paura di finire sotto la mannaia della censura, hai fatto combinare a Wingard e soci un discreto casino; il risultato è un horror dove di spaventoso c'è ben poco.
"Death Note" ha due grossi difetti capaci di affossare qualsiasi film. Il primo è la sceneggiatura, scritta su un fazzolettino di carta, la mancanza di spiegoni, altre volte molto apprezzata, qui degenera in sciatteria, con momenti sconclusionati e personaggi superficiali verso cui è davvero difficile provare qualunque forma di empatia.
Problema numero due sono, ahimè, gli attori.
Dafoe a parte, non riesco davvero a salvare nessuno. Il protagonista è tremendo, l'attrice che interpreta la sua ragazza fa le faccette ma la figura peggiore la fa senza alcun dubbio il personaggio di  Elle, anche se li temo si tratti di un problema di scrittura.
L'ambiguo e misterioso superinvestigatore somiglia ad un Enzo Ceccotti nero con disturbi comportamentali, e pure lui fa le faccette.
Wingard spinge poi troppo su quella sua tipica estetica videoclippara piacevole a piccole dosi ed irritante, almeno per noi anziani, quando è eccessiva come in questo caso..
Finale aperto di rito in vista di un probabile sequel.
Insomma "Death Note" è un (molto)teen (poco) horror che passa e si dimentica alla velocità della luce.
Netflix ha fatto decisamente di meglio.

Commenti

  1. Non sapendo nulla del manga originale è comunque chiaro che hanno messo troppa carne al fuoco, perccato perchè gli amamzzamenti non erano nemmeno male, non mi ha annoiato durante la visione, ma è chiaro che questa storia avrebbe meritato lo spazio di una serie tv. Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sinceramente troppo videoclipparo per i miei gusti.Idee buonine ce ne sono ma son sviluppate malaccio, forse in forma di serie sarebbe stato più guardabile...

      Elimina
  2. Brutto, tremebondo, inconcludente... boh, non saprei che aggettivo usare per questo film. Concordo: forse con una serie tv avrebbe avuto più giustizia :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari, quel finale aperto più che a un sequel aprirà a una serie TV..chissà...

      Elimina
  3. Ti dirò che a me Elle non è dispiaciuto nella sua fisicità peculiare, il resto (Willem Dafoe a parte) è interamente da scrivere su un Death Note sperando che scompaia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me Elle è parso un po' schizofrenico, il resto un videoclippone dimenticabilissimo.

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…