Passa ai contenuti principali

CINQUECENTOVINTAGE: Gremlins, So Cosa Hai Fatto l'Estate Scorsa, The Blair Witch Project, Nigtmare (Remake)

Rieccomi qui, in attesa di "Dunkirk", di raccontarvi come a Nizza i cinema siano pieni ad agosto e della piacevole sorpresa di un'anteprima, di un settembre che si preannuncia più impegnativo che mai (perché l'anno nuovo comincia a settembre e finisce a giugno per noi mamme lo sapete vero?) carico di buoni propositi pronti ad essere disattesi...riecco i qua pronta a farvi una rapida panoramica vintage di film rivisti grazie allo schizofrenico catalogo di Netflix Francia...perché d'estate non c'è niente di meglio  di un ritorno al cinema che fu...
Gremlins: non lo vedevo da tempo immemore e debbo ammettere di avere trovato le adorabili creature di Joe Dante invecchiate abbastanza bene . Con tutte le ingenuità del caso, "Gremlins" rimane un piacevolissimo modo per trascorrere un'oretta e mezza di sano divertimento. La tenerezza di Gizmo non diminuisce con il tempo mentre i mostriciattoli fanno sicuramente meno paura, quasi come quelli della nostra infanzia di cui non ci ricordiamo neppure più.
So cosa hai fatto l'estate scorsa: quando uscì "Scream" diede vita, grazie al suo strepitoso successo, ad una serie di epigoni alcuni riusciti un pò meglio. "So cosa hai fatto" lo andammo a vedere io e l'allora non ancora marito al cinema e mi pareva un discreto slasher...visto oggi dimostra inesorabilmente i segni del tempo. Certo non gli ha giovato la feroce parodia nel primo "Scary Movie", guardando alcune scene non riuscivo a smettere di ridacchiare, ma attori cani e serial killer ridicolo lo rendono ormai ben poca cosa...
The Blair Witch Project: sono tra le vittime del primo vero fenomeno di viral (quando non c'era ancora il viral) marketing della storia...sono andata sempre con l'allora marito e ho fatto la fila per vedere il filmino delle vacanze girato da mio cugino deficiente uscendone con la nausea nonché la sgradevole sensazione di essere stata presa per il naso. Quasi vent'anni dopo la seconda sensazione è sparita, mi ci sono avvicinata sapendo bene quello che avrei visto, la prima no.  Ci ho messo due sere a rivederlo in preda alla noia più Tota Ale.Sto' film rimane la più grande presa per i fondelli della storia del cinema e gli anni non gli hanno di certo giovato.
Nightmare dal profondo della notte: posso dirlo??lammerda...L'incubo di una generazione trasformato in un pupazzo ustionato che biascica stronzate come fosse un carlino con la raucedine. Rooney Mara da prendere a schiaffi dall'inizio alla fine insieme agli altri cagnacci che paiono usciti da Tuailait...meritate l'oblio eterno.





                                          




                                         






Commenti

  1. I Gremlins sono di una "simpatia" allucinante, ogni volta che lo vedo infatti è un'esperienza nuova e nostalgica :)
    Il secondo è solo fare due risate, niente più, gli ultimi due visti ma non mi sono per niente rimasti impressi, seppur essi sono comunque dei cult ;)

    RispondiElimina
  2. Nightmare, forse ci sono degli episodi più fiacchi di altri, ma non manderei a bruciare tutti. Anzi, tra gli horror del periodo per me è tra le serie migliori.

    RispondiElimina
  3. "Nightmare"... una voglia pazzesca di rivederlo

    RispondiElimina
  4. Concordo con tutto ma non con Blair Witch. Mi aveva spaventata allora e anche oggi, quando lo rivedo, l'angoscia sale un bel po' :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…