Passa ai contenuti principali

RESIDENT EVIL SAGA


Lo ammetto, la saga di "Resident Evil" ha su di me un fascino simile a quello della musica di Enrique   Iglesias, fa schifo, ne sono consapevole però quando la sento il piedino si muove sempre...allo  stesso modo i film della saga, pur non avendo la minima conoscenza del videogioco, li ho visti tutti (è un po' mi vergogno lo confesso). Recentemente poi, questa signora qui, che ritengo essere ancora la miglior blogger in circolazione, ha effettuato una analisi davvero interessante in merito ai film di una delle saghe più cafone della storia del cinema. Leggendola, ho preso un po' ispirazione ed ho deciso di scrivere due, ma proprio due parole su tre dei film della saga (sono un po' a corto di argomenti per il blog, debbo confessarlo...)
Perché solo tre? E gli altri?Perché sono i tre che ho trovato più piacevoli da guardare e ogni tanto il primo lo riguardo, , belli no dai, e perchè gli altri sono talmente orrendi che non ho avuto il coraggio di una seconda visione.


Resident Evil: il capostipite della serie dimostra di essere invecchiato più che discretamente. Rivisto qualche settimana fa ha l'aurea di quei giocattoloni vintage che vanno ancora parecchio di moda.
Già nel 2002 si capiva come il buon Paul W.S.Anderson non fosse certo un autore avvezzo a parecchie finezze, e il peggio doveva ancora venire, ma il risultato non è niente male.
'Resident Evil' rimane quindi una sorta di zio matto del  cinema cafone con un gruppo di soldati destinato a morire malissimo, c'è persino James Purefoy, un po' meno imbecille di tanti altri. Certo, la Michelle Rodriguez del tempo somigliava parecchio a Sylvester Stallone, ma Milla dallo stacco di coscia chilometrico che mena come un fabbro prometteva già di diventare un'icona e gli zombie,dobermann compresi, funzionano assai.
Voto:6.5


Resident Evil- Extinction: capitolo terzo, Paul W.S.Anderson lascia la baracca in mano a Russel Mulchay, che i diversamente giovani come la sottoscritta ricorderanno per aver diretto quella gran figata di "Highlander-l'ultimo immortale" e i video dei Duran Duran (ah...gli anni ottanta...).
Il risultato è il miglior film della saga. "Mad Max in mezzo agli zombie", lo so lo han già' detto in tanti ma sfido chiunque abbia visto il film almeno una volta a non pensare alla saga con Gibson (Fury Road era ancora in divenire ovviamente..).
Godibilissimo westernaccio post apocalittico con un paio di scene abbastanza d'effetto, l'attacco dei corvi e l'aggressione dei super zombie abbastanza slegato dal resto della saga e senza quelle atmosfere da videogame che renderanno i due seguiti abbastanza bruttarelli.Mulchay ha l'intuizione di affiancare ad una tostissima Milla, la bèlla Ali "dove l'ho già vista questa" Larter che funziona decisamente meglio di Michelle Rodriguez.
Voto: 7

Resident Evil - The Final Chapter:
ma come, l'ultimo capitolo è stato moderatamente spernacchiato a destra e manca ed io lo piazzo trai tre migliori della saga?
A volere essere sinceri "The Final Chapter" preso come film in se è abbastanza bruttarelllo;  una corri-mena-spara di qua e di là con gli zombie e i mostri volanti ma al contrario dei due suoi predecessori, gli orrendi "Afterlife" e "Retribution" sono riuscita a non odiarlo nemmeno troppo. Il merito va principalmente ad una Milla Jovovich più bella e carismatica ora che nel 2002 (e altrettanto bella è la piccola Ever Gabo, primogenita dell'attrice e del regista qui al suo debutto); Milla saluta il personaggio che le ha segnato praticamente la carriera, e a cui é molto affezionata, con una interpretazione tostissima. Milla si mangia letteralmente il film, tutti gli altri spariscono.Apprezzabile anche il tentativo di Paul W.S. di scrivere una sceneggiatura cercando di mettere ordine in tutto il casino generale.
Nulla di che quindi, ma come chiusura poteva andare molto peggio..ma siamo sicuri sia proprio finita?
Voto:6.5



Commenti

  1. Io pure li ho visti tutti, ultimo compreso.
    Vanno scadendo anno dopo anno, ma mi diverto assai. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi un discreto guilty pleasure, e la Jovovich è perfetta dai..

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
  2. Mi duole dirlo ma anch'io li ho visti tutti (tranne l'ultimo) e anche piaciuti, tanto ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, un paio li ho trovati davvero brutti per la verità...

      Elimina
  3. Extinction malgrado i difetti (che ci sono in tutta la saga) resta il mio capitolo preferito, sarà per l'elemento alla Mad Max ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rimane senza dubbio quello fatto meglio..:

      Elimina
  4. Ho visto solo il primo, che non mi era dispiaciuto ma non è rimasto nei miei annali degli horror preferiti. Magari prossimamente li recupero tutti anche io anche se attualmente ho altre priorità :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma si, giusto per divertiti un po'...

      Elimina
  5. Anche io ho visto solo il primo ( tra parentesi prima che arrivasse Anderson si era ventilato perfino il nome di George Romero come regista, ma poi non se ne fece più nulla). Gli altri ammetto di averli volutamente ignorare, magari sbagliando, però ero rimasto troppo legato al videogioco e non volevo vederne alterato il ricordo da una operazione hollywoodiana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapevo di questa cosa di Romero e un po' è rimasta la curiosità di vedere cosa ne sarebbe uscito fuori.Non conosco il videogioco quindi non riesco a fare confronti..

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…