Passa ai contenuti principali

LOST IN NETFLIX

 Dovessi definire queste vacanze natalizie direi "ospedaliere".
A partire dalla sera della Vigilia tutti e quattro a turno, al momento ad essere ko è il marito, siamo finiti preda dell'influenza che appesta mezza Italia. 
Risultato: cenone di Capodanno cancellato, naso fuori di casa praticamente soltanto per comprare le medicine, due palle cubiche nonchè sfruttamento smodato di Sky e Netflix virato ovviamente, alla commedia vista  la presenza della bacarospetta che, fosse stato per il fratello, avremmo visto per davvero le peggio cose.

Abbiamo cominciato con "Cose nostre-malavita " la sera di Capodanno. Lo ammetto, mi aspettavo decisamente di più. Certo, a tratti si ridacchia, ma alla fine la trama è veramente inesistente e il cast così importante risulta abbastanza sprecato. Robert De Niro cerca di prendersi in giro ma come si vede non ne ha voglia; non raggiunge i livelli di inenarrabile squallore delle sue più recenti interpretazioni ma diciamo che aveva il mutuo della villa da pagare e la finiamo lì. Un pochino più di impegno ci mette una meravigliosamente invecchiata Pfeiffer ma nemmeno lei ne aveva una gran voglia. 
Voto:6/10.
Si prosegue con "Special correspondents" , produzione originale Netflux, commediola senza infamia e senza lode. La satira sul potere dell'informazione poteva graffiare decisamente di più e meglio, soprattutto vedere Bana di "Munich" ridotto a recitare in stronzatine del genere fa malaccio ma alla fine non sono riuscita a volergli troppo male soprattutto grazie ad una Vera Farmiga fetente come non mai che, da sola, salva il film.
Voto:6/10 
Altra produzione Netflix "Autobiografia di un finto assassino" ; action degli equivoci questa si abbastanza divertente con Kevin James uomo qualunque che, per un equivoco, viene scambiato per un killer mercenario. Sulla carta tutto già visto ma  alla fine ci si diverte.
Voto:6,5/10
Conclusione con il botto, o meglio con "Come ammazzare il capo e vivere felici". Marito abbattuto e io e i bacarospetti in preda a risate isteriche di fronte ad una delle commedie più politicamente scorrette di questi anni eppure clamorosamente divertente,
Bravi tutti ma Kevin Spacey e Jennifer Aniston in versione ninfomane mi han fatto, lo ammetto con un po' di vergogna, davvero parecchio ridere.



















Commenti

  1. Ho visto l'ultimo e il primo, discreti entrambi, anche se quello con la Aniston é migliore ;)

    RispondiElimina
  2. Pure io ho visto solo l'ultimo che è stata una gradita sorpresa: risate e divertimento, alla faccia dei miei pregiudizi.
    Buona guarigione ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non sono una da commediaccia del genere ma quella mi ha fatto davvero un sacco ridere

      Elimina
  3. Hai descritto una scena a me molto familiare... XD
    Però mi mancano tutte queste visioni. Da noi spiccano Dexter, Westworld e This is us. =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vacanze difficili anche dalle tue parti eh?

      Elimina
  4. anche io ho visto il primo e l'ultimo, come Pietro
    il primo non mi è parso niente di entusiasmante, anzi... l'ultimo invece è carino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il primo è oggettivamente moscetto, l'ultimo è sorprendentemente divertente

      Elimina
  5. Il primo Come ammazzare il capo... aveva fatto morire anche me all'epoca dell'uscita cinematografica!
    Il sequel invece non è davvero nulla di che...

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…