Passa ai contenuti principali

IL FIUME HA SEMPRE RAGIONE





Regia: Silvio Soldini

Trama:  Proprio come Johannes Gutenberg, Alberto Casiraghy ha trasformato la sua casa di Osnago in una vera “bottega editoriale”, con una vecchia macchina a caratteri mobili stampa piccoli e preziosi libri di poesia e aforismi. Non molto lontano, oltre il confine svizzero, Josef Weiss per realizzare le sue edizioni artistiche unisce la sensibilità del grafico con la tecnica del restauratore. Silvio Soldini ci regala il ritratto di due artisti-artigiani che hanno scelto di fare un mestiere antico in un mondo moderno, ed hanno conquistato il successo più grande. Imparare a tessere la più eterna delle magie, quella delle parole. 


“chi dice la verità prima o poi viene scoperto “ (O.Wilde)


Civiltà digitale , internet presente praticamente ovunque, iperconnessione, velocità. E per raccontare, paradossalmente, questo nuovo mondo al meglio ogni tanto bisogna fermarsi, ritornare indietro, scoprire persone che non pensavi neppure esistessero più.
Lo ha fatto Silvio Soldini, ritornando al documentario, dopo il premiatissimo “Per altri occhi-m avventure quotidiane di un manipolo di ciechi”, con “Il fiume ha sempre ragione” presentato in anteprima mondiale al 12 Biografilm Festival.
Dovete sapere che uno il mio primo lavoro dopo la maturità è stato in una tipografia. Internet praticamente non esisteva, si sono così vecchia, si lavorava ancora in rotativa, pochi i computer, le bozze di legatoria si facevano sulla lavagna luminosa, a mano, tagliando pezzi e schemi.
Un lavoro meraviglioso, di grande precisione.
Alberto Casiraghy e Josef Weiss sono due artisti usciti da un tempo antico. Il primo ama le poesie, gli 
aforismi, lui stesso ne scrive di deliziosi; i "bei pensieri" che raccoglie in meravigliosi piccoli libri, veri e propri gioiellini pubblicati attraverso la sua piccola casa editrice; il secondo forse, è maggiormente restauratore, ridona vita ai libri, preparandoli all'eternità.
Soldini racconta le loro giornate al lavoro, tra carta, inchiostro e rotative. 
Lo fa con meravigliosa levità ed affascinante lentezza, usa i tempi necessari per farci amare due personaggi irresistibili, forse tra gli ultimi custodi di un'arte destinata a scomparire. E lo fa in parallelo, mostrandoci prima uno e poi l'altro, fino all'incontro tra i due che scopriamo essere uniti da lunga amicizia e profonda stima.
Un delizioso momento in cui, di fronte ad un lago bevendo vino da un fiaschetto che ricorda un "quadro di Cezanne" si filosofeggia con intelligenza e arguzia della vita.
È un film rasserenante "il fiume ha sempre ragione", una pellicola di cui, di questi tempi, si ha davvero bisogno. 
Perché ti insegna a non avere fretta, a guardare i particolari, a fermarti a riflettere. 

Forse lo vedranno in pochi, ma quei pochi che avranno questa fortuna posso assicurare una cosa, uscirete dalla sala più leggeri e amerete alla follia questi due uomini meravigliosi pronti ad insegnarci "i tempi del fiume".

Commenti

  1. Dall'immmagine e dal tuo post si capisce che è un film che ti fa amare il cinema e la vita, come i migliori film.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo sia impossibile non innamorarsi di questa pellicola e di due persone cosí meravigliosi..cercatelo che ne vale davvero la pena!

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…