Passa ai contenuti principali

BARBIE THE ICON - LA MOSTRA

Barbara Millicent Roberts ....chi era costei??
Forse se vi dico Barbie vi suona un po' più familiare.
Dopo essere passata per Milano e, credo, anche per Roma, è approdata a Bologna a Palazzo Albergati dove resterà fino ad ottobre la mostra Barbie The Icon.
Approfittando dell'assenza dei maschi di casa io e la  bacarospa non ci siamo certo perse l'evento, organizzando una giornata per sole donne.
Prima pranzo veloce presso l'Osteria del Podestà posticino carino nel Centro Storico perfetto per una breve sosta, dove si mangia discretamente spendendo ragionevolmente.
E poi, ovviamente, la mostra.
Oltre 500 Barbie, distribuite su due piani. Ce ne sono veramente di ogni tipo. Abbiamo le prime, targate 1959 e le ultime.
Ogni tipo di abbigliamento è presente, da quello disegnato dallo stilista più famoso a quello cucito in casa; alcune per la verità sono più veri e propri pezzi da Museo, ed hanno prezzi esorbitanti, da conservare dietro ad una vetrina, che bambole con cui giocare, altre mi han riportato all'infanzia.
Bello sottolineare la presenza delle Barbie curvy (poi tanto curvy non mi è sembrata..) di quella più piccolina, create appositamente per sconfiggere il brutto stereotipo, "alta-bella-magra"; come ho detto  alla bacarospa, in fondo siamo tutte diverse e tutte uniche, uniformarsi è pericoloso, siam belle come siamo...lei, sveglia come al solito, ha capito "si mamma, perchè mica son tutte come questa qui (indicando Barbie top model) nella realtà..." e io mi sentivo già madre dell'anno per il discorso sensato quando dietro di noi arriva altra coppia madre-figlia e la piccola esordisce con "quella Barbie è cicciona ma almeno ha i capelli blu" e la mamma, indicando la Barbie top model " è vero, quella è normale.., l'altra avrebbe bisogno di una dieta".
Vabbè, gente ignorante a parte, la mostra è davvero una goduria da visitare, se passate da queste parti.
Vi lascio, tra le tante foto fatte, quelle forse più attinenti alla tematica del blog:



Muldern e Scully...X Files






Rossella O'Hara





Andy Warhol


Morticia e Gomez Addams



Cher








Karl Lagefeld...come potete vedere...






Marylin





The Queen...Audrey Hepuburn




















Commenti

  1. sei stata premiata con il liebster award :)

    RispondiElimina
  2. quasi non oso chiedere del museo corner shop...
    comunque, essendomela persa a Milano, la debbo A S S O L U T A M E N T E recuperare a Bologna, e ne approfitterò per una visitina della città di certo

    RispondiElimina
  3. Ciao, ti ho assegnato un Liebster Award!!! Vai a questo link: http://cuoredicelluloide.blogspot.it/2016/06/liebster-awards-2016.html

    RispondiElimina
  4. Non ho premi per te, ma mi complimento per il pezzo, e le foto cult (la più somigliante è Cher vestita da indiana, sembra lei).

    RispondiElimina
  5. Che meraviglia, speriamo passi anche da Genova questa mostra prima o poi!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…