Passa ai contenuti principali

HUSH - IL TERRORE DEL SILENZIO





Regia: Mike Flanagan
Interpreti: Kate Siegel, John Gallagher Jr.

Trama: Maddie fa la scrittrice e vive in una bella, isolata, villa nel bosco. Unica compagnia una gatta "stronza" e una vicina che ogni tanto le fa visita. A turbare la quiete arriva una sera un misterioso assassino. Dopo aver ammazzato la vicina inizierà con la povera Maddie un gioco "gatto-topo" che potrà finire in un solo modo....

Non avevo mai visto nulla di Mike Flanagan, nè "Absentia" nè "Oculus", di cui ho letto tutto e il contrario di tutto, ma dopo aver visto "Hush" arrivato anche da noi su Netflix con l'orrido titolo "Il terrore del silenzio" ho capito che Flanagan è tutto tranne che un incapace.
"Hush" (utilizziamo il titolo originale molto migliore), è un home invasion classicissimo.
Abbiamo una ragazza che vive in una casa isolatissima nel bosco, abbiamo un'unica vicina di casa destinata ovviamente a morire presto nonchè male e, ovviamente, un misterioso assassino pronto, dopo aver ammazzato la suddetta amica, a fare altrettanto con la nostra protagonista.
Visto e stravisto? Si...o meglio..."ni".



Perchè Flanagan, autore della sceneggiatura insieme alla protagonista Kate Siegel, piazza nel gioco due pedine abbastanza insolite.  Maddie è sordomuta. Quindi impossibilitata a sentire il killer...se lo perde di vista è morta. Killer che spiazza lo spettatore con una mossa un po' a sorpresa dopo pochi minuti, e si rivela un coglione di proporzioni epocali, probabilmente pensava sarebbe stato troppo facile, mentre lei, nonostante l'handicap, possiede risorse inaspettate.
Nonostante tutto faccia pensare  ad una stroncatura di quelle epocali, lo confesso: a me "Hush" non è dispiaciuto per niente. Certo, stiamo parlando di un film scarnissimo e, salvo appunto le due caratteristiche accennate prima per niente originale, ma alla fine, da chi ama il genere, si lascia guardare senza insultarlo troppo.
I (numerosi) momenti WTF sono bilanciati da qualche trovata carina. Apprezzato poi il fatto di non spiegarci praticamente nulla, non sappiamo perchè Maddie abbia deciso di isolarsi da tutto, non sappiamo quali siano le motivazioni dell'assassino, però spesso nel silenzio più assoluto la tensione riesce ad essere alta. Il merito principale della riuscita di "Hush" e' di una protagonista principale, in scena praticamente sempre, brava ad interpretare un personaggio con cui si riesce ad empatizzare presto e che,per una volta, non vorresti veder morto dopo pochi minuti.
Insomma, niente di trascendentale ma una pellicola abbastanza piacevole, adatta ad una serata di intrattenimento, che assicura qualche saltino sulla sedia ma senza esagerare troppo..













Commenti

  1. L'ho trovato un po' noiosetto, un po' giallo di Rai Due.
    E che era roba del buon Flanaghan l'ho capito dopo un'ora e mezza, ai titoli di coda. Attendiamo Somnia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. alla fine non mi è dispiaciuto, niente di che ovviamente ma meno peggio di altro visto. Aspetto Flanagan alla prossima prova

      Elimina
  2. A me è piaciuto, vero non è nulla di particolarmente originale, ma sfrutta bene personaggi e situazioni, "Oculus" era molto meglio, ma alla fine è un film che si lascia guardare ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma si dai, intrattenimento con una brava protagonista.Oculus prima o poi lo ripescheró

      Elimina
  3. mi ha fatto lo stesso effetto, tanti difetti ma può passare

    RispondiElimina
  4. in giro c'è indubbiamente molto peggio...

    RispondiElimina
  5. Lui è talmente coglione che anche per aspetto fisico mi ricorda... no, non te lo dico, ti toccherà aspettare il mio imminente post XD

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…