Passa ai contenuti principali

EXTRAORDINARY TALES - PHANTOM BOY (FFF 2016)

Per la Festa della mamma qual'è il miglior regalo ad una mamma cinefila e un po' pazzerella? Una giornata al Future Film Festival dove, se si passa sopra ad una organizzazione un pochettino "approssimativa" (ragazzi, io davvero vi voglio tanto bene, ma 40 minuti di ritardo sulle proiezioni rispetto al programma sono davvero troppi...) puoi pescare davvero dei bei film. E quest'anno è andata particolarmente bene, grazie a due vere e proprie sorprese di cui, ovviamente, non potevo non parlarvi.
EXTRAORDINARY TALES


Un film di: Raul Garcia
Con le voci di: Christopher Lee, Julian Sands, Roger Corman, Bela Lugosi, Guillermo del Toro
Portare sullo schermo Edgar Allan Poe in versione animata era senza dubbio una bella sfida. Raul Garcia storico animatore Disney,  forte di una carriera che annovera, tra gli altri "Alladin" e "il Re Leone", l'ha senza dubbi vinta. "Extraordinary Tales" è un film riuscitissimo.
5 episodi per 5 adattamenti di Poe; "La caduta della casa degli Usher", "Il cuore rivelatore", "la verità sul caso di Mr Valdemar", "il pozzo e ill pendolo" e "la maschera della morte rossa". Il risultato una pellicola stilosissima, suggestiva e terrificante allo stesso tempo, adatta ad un pubblico adulto, (ho visto dei bambini in sala...ecco...no....), cupa come si confà al maestro. Da applausi le musiche e le splendide voci narranti di vere e proprie leggende del cinema. Ottimo davvero, con una predilezione per "Il pozzo e il pendolo" narrato da Guillermo del Toro anche se il più terrificante in assoluto mi è parso "La maschera della morte rossa". Da recuperare in qualche modo, perchè, ma credo lo immaginiate già, al momento non è prevista una distribuzione dalle nostre parti.
Voto:8/10


PHANTOM BOY

Un film di: Jean Lou Felicioli - Alain Gagnol
Con le voci di: Edouard Baer, Jean Pierre Marielle, Audrey Tatou

Arriverà invece ad ottobre incredibilmente anche dalle nostre parti il vincitore del Platinum Gran Prize "Phantom Boy" e se riuscirete a trovarlo vi dico subito di non perdervelo assolutamente.
Non lasciatevi fuorviare dal disegno semplice, dai tratti quasi infantili dei personaggi.
"Phantom Boy" è il gioiellino che non ti aspetti.
Dagli stessi autori di "Un gatto a Parigi" racconta una bella storia di amicizia tra un ispettore di polizia bloccato in ospedale dopo un incidente e Leo, un bambino malato con la capacità di "uscire" dal proprio corpo trasformandosi in una sorta di fantasma. Grazie proprio a questo potere Leo potrà aiutare l'ispettore a catturare un pericoloso criminale sfigurato che sta tenendo in ostaggio la citta'.
Due eroi un po' per caso protagonisti di un noir fantastico, con accenni ai film di supereroi tanto di moda oggi, forse soltanto in versione un po' tenerella.
Dinamico e divertente, in alcuni momenti si ride davvero di gusto, ma non solo.
Affronta anche con intelligenza la malattia senza mai perdere la sua leggerezza.
Voto: 9/10








Commenti

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…