Passa ai contenuti principali

RECUPERI INVERNALI-EVEREST e THE FINAL GIRLS.

In questi giorni, fra film vincitori dell'Oscar passati e futuri ho recuperato due film di cui si è parlato nei mesi scorsi, due prodotti davvero diversissimi tra di loro che erano comunque riusciti ad incuriosirmi.
EVEREST 
Odio il freddo, per mettermi a disagio basta il colle di San Luca, non sopporto la neve.Tanto basta per approcciarmi ad "Everest" come ad un film horror. Scemenze a parte, avevo letto il libro da cui è tratto "Aria Sottile" parecchi anni fa e lo avevo trovato piuttosto emozionante, quindi il film era già programmato per una visione in sala. Arrivate davanti alla multisala io e la mia amica alla fine abbiamo optato per "Sicario" (scusa ufficiale...troppa neve in sto' film..). Dopo aver recuperato il film a casa posso confermare, e ci mancherebbe pure il contrario visto che "Sicario" è stato il miglior film del 2015 da queste parti, la bontà della scelta fatta quella sera. Perchè fondamentalmente "Everest" è una grossa occasione sprecata. Cast discreto decisamente sottoutilizzato, specialmente Gyllenhaal,qualche momento di tensione, la tempesta che piomba all'improvviso sulla spedizione, ma decisamente troppi momenti patetici, l'insopportabile professorino che deve raggiungere la vetta in nome della sua classe, l'ultima telefonata tra Rob Hall (un insipidissimo Jason Clarke) e la moglie Jen. Insomma, alla fine questa lotta uomo contro natura, e mi sono chiesta come si fa a sborsare 65.000 dollari sapendo di correre un rischio così alto di non tornare più indietro, non riesce forse nel suo intento principale, quello di suscitare tensione ed empatia con i personaggi. Resta soltanto una dannatissima sensazione di freddo addosso.
Voto:6/10

THE FINAL GIRLS
Faccio una confessione. Non sopporto Malin Akermann. Per carità, sarà una personcina deliziosa, ma come attrice per me è sempre stato un grande, oserei dire gigantesco "No". Almeno fino a "The final girls". In "The final girls" la Akermann è così falsamente svampita, così deliziosamente tenera da risultare irresistibile. Il film forse non è un capolavoro ma è indubbiamente destinato a diventare cult tra noi, ex ragazzi degli anni '80.
                                                     
"The final girls" è una fantastica cavalcata a colori, rigorosamente pastello, dentro un cinema horror che disgraziatamente non esiste più.
Come già capitato con "Quella casa nel bosco" viene preso un genere, nel caso specifico lo slasher, rimasticato completamente e ributtato fuori in maniera eccelsa. Quando penso a quei "filmacci" mi vengono in mente soffitte al mare o cinema dalle poltrone scomode, pop corn stantio e compagnie
rumorose...quindi non potevo non innamorarmi di "The final girls" che tra l'altro oltre ad essere una
riuscitissima "operazione nostalgia" è una storia d'amore tra una madre e una figlia conclusasi troppo presto a cui, inaspettatamente, viene concessa un'altra possibilità.
E sulle note di "Bette Davis eyes" fa scendere pure la lacrimuccia.
Non mi dilungo oltre, altri hanno analizzato il film prima e meglio di me, attendo soltanto una giusta distribuzione dalle nostre parti, e intanto recupero "Turbo Kid"
Voto:8/10



Commenti

  1. Aspetto il tuo commento di Turbo Kid quello per me è stato il film a sorpresa del 2015 ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. prima o poi arrivera'...vado un po' a rilento ultimamente...

      Elimina
  2. Il secondo è già un mio cult: nel 2015, è finito perfino nel listone. Everest non l'ho visto, rimando e rimando, ma capisco che non è imprescindibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si puo' evitare, mi aspettavo decisamente di meglio....

      Elimina
  3. Final girls, quando si dice: chi lo avrebbe mai detto ;)
    Everest ce l'ho in lista d'attesa, ma devo aspettare una sera che Silver non c'è (dice che sono malato di montagna e quando propongo film sul tema mi guarda come il medico del sert guarda il tossicomane) ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Final Girls veramente sorpresona!Everest secondo me, seppur tu sia malato di montagna, puoi serenamente saltarlo!

      Elimina
  4. Nemmeno a me la Ackerman ha mai fatto impazzire ma, come dici tu, qui è perfetta. E Turbo Kid manca ancora anche a me!! :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…