Passa ai contenuti principali

BLU PROFONDO




Regia: Renny Harlin
Interpreti: Saffron Burrows, Samuel L.Jackson, Thomas Jane, LL Cool J, Stella Skargard

L'indovinello è questo: Che cosa pensa uno squalo mako di tre tonnelate e mezza, con un cervello grande quanto un motore a 6 cilindri e senza predatori naturali? 

Trama: Nel laboratorio sottomarino "Aquatica" un gruppo di scienziati, guidato dalla dottoressa Susan Mcalester sta effettuando degli esperimenti sui cervelli di alcuni squali mako, per trovare una cura al morbo di Alzheimer. Russell Franklin finanziatore del progetto, ha  fretta e minaccia di tagliare i fondi qualora non veda a breve dei risultati concreti. Così la  dottoressa per accelerare i 
tempi, decide di modificare il codice genetico degli squali, facendoli diventare più aggressivi e
 intelligenti  .La situazione  ovviamente, ben presto precipiterà e tornare in superfice sarà durissima... 


C'era una volta il centro di Bologna pieno di cinema (ora ne son rimasti proprio pochi). Uno dei più frequentati dalla sottoscritta e (l'allora non ancora) marito era "l'Imperiale". Ci abbiamo visto, in ordine sparso, tra gli altri "Titanic", "Moulin Rouge" e, la sera dopo aver scelto il luogo dove
avremmo festeggiato il nostro matrimonio (fa molto "4 matrimoni"lo so, ma non mi veniva in mente un modo diverso per dirlo) noi, romantici inside, siamo andati a vederci "Blu Profondo". Squaloni aggressivi ed intelligenti?Potevamo perdercelo??No, direi proprio di no...tra l'altro, forse sfiniti dalla giornata piuttosto impegnativa, all'epoca il film ci divertí parecchio.
Sono passati parecchi anni e l'ho rivisto senza troppa attenzione a spizzichi e bocconi quelle poche volte che è passato in TV....ma soltanto l'altra sera grazie a quella meraviglia di Netflix, l'ho scoperto nello splendore dell'HD...ed ovviamente è scattata l'operazione nostalgia.
Debbo innanzitutto confessarvi che "Blu Profondo" è invecchiato benissimo.
Stiamo parlando, ovviamente di un filmaccio, ma nel senso migliore del termine.
Perchè lo so bene che se pensate "squali", al di là del Grande Classico (scritto appositamente in maiuscolo) di zio Spilby vi vengono in mente le peggio cose, ma vi assicuro che "Blu Profondo " è un  film che a 17 anni, cinematograficamente equiparabili ad un secolo, dalla sua uscita diverte ancora e di più di tanta altre cose ben più recenti.
Vediamo, in breve, di capire il perchè.
Prima di tutto il contesto in cui si sviluppa tutta la vicenda. Intrappolati a "decimillemilia" metri sotto il livello del mare rischiando di essere sepolti da una struttura di una miriade di tonnellate pronta a crollare, assediati da squali enormi dotati di intelligenza e raziocinio...intelligenza e raziocinio regalato loro dall'uomo. E si sa, quando l'uomo gioca a fare Dio è destinato a prendere sonore mazzate.
Renny Harlin, un cialtrone di prima categoria, ricordiamo essere responsabile  di quella immonda robaccia di "Driven" oltre un'altra serie di obbrobri che non sto' a elencare, questa volta sfrutta abilmente il giochino e azzecca praticamente tutto, regalandoci tra l'altro qualche
momento deliziosamente crudele come la disgraziatissima morte di Skargard o il monologo di Samuel L. Jackson.
Ed è proprio il cast ad essere, a mio parere, l'altro punto di forza del film. Tra Thomas Jane "uomo che sussurrava agli squali" dalle poche parole e due espressioni, "una con la fiocina e l'altra senza", una Saffron Burrows mai più ritrovata (ed un po' mi dispiace) così efficacemente fastidiosa da farti fare il tifo per gli squaloni, ed un LL Cool J ciarlero il gruppo si sforza quanto meno di uscire dal consueto cliché "morite in fretta e possibilmente male" che caratterizza questo tipo di filmaccio.
E il finale forse, non è quello più scontato.
Insomma, una cavolatona girata con i controfiocchi diventata col tempo un mio cult personale che mi sento spassionatamente di consigliarvi di recuperare, o rivedere, magari proprio in una calda serata di primavera.









Commenti

  1. Renny Harlin è un adorabile idiota, gli si vuole bene perchè ha fatto Die Hard 2 e campa di rendita, questo film ha anticipato gli squali della Asylum regalandoci il più bel monologo motivazione di sempre, quello di Sam Jackson che termina con sorpresa finale, scemissimo ma spassoso ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grandissimo monologo motivazionale, praticamente un cult!

      Elimina
  2. Dopo lo Squalo, uno dei migliori film su questi insani e micidiali predatori ;)

    RispondiElimina
  3. Noooo, quanti ricordi che mi hai fatto venire! Era il mio film preferito alle medie :D chissà che effetto mi farebbe a vederlo ora...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ottimo fidati!è invecchiato alla grande!

      Elimina
  4. Effettivamente questa è una delle poche volte in cui Harlin ci ha azzeccato. ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…