Passa ai contenuti principali

ROMEO E GIULIETTA AMA E CAMBIA IL MONDO




Regia: Giuliano Peparini
Interpreti
Giulietta: Giulia Luzi
Romeo:  Federico Marignetti
Mercuzio: Luca Giacomelli Ferrarini
Tebaldo: Gianluca Merolli
Benvolio: Riccardo Maccaferri
Lady Montecchi: Roberta Faccani
Lady Capuleti: Barbara Cola
Nutrice: Silvia Querci
Padre Capuleti: Luca Maggiore
Principe: Leonardo di Minno
Frate Lorenzo: Giò Tortorelli


Oggi abbandoniamo per un momento il cinema per affrontare un argomento da queste parti toccato raramente, il teatro, e più precisamente il musical.
Confesso, da brava romanticona, di avere una predilezione per "Romeo e Giulietta"; è forse la tragedia di Shakespeare che preferisco. E probabilmente la più rappresentata in tante, tantissime maniere, alcune meravigliose, "Romeo + Juliet"(si, di nuovo lui...e che ve lo dico a fare???) altre talmente brutte al limite dello stupro, mi viene in mente quella cosa indegna di "Gnomeo e Giulietta", una porcheria a cartoni animati per cui il Bardo probabilmente si è rivoltato nella tomba.
Dal 29 al 31 gennaio un teatro bolognese aveva in cartellone "Romeo e Giulietta - ama e cambia il mondo". E noi, madri di future ballerine lasciarci sfuggire l'occasione di portare le bimbette ad uno spettacolo del genere? Ovviamente no. Quindi, biglietti prenotati da dicembre, maschi lasciati tra divani di casa e stadio, domenica 31 ci siamo vestite eleganti e siamo andate a teatro, pronte a goderci un pomeriggio tra donne di tutte le età .
"Romeo e Giulietta ama e cambia il mondo" è la versione italiana dello spettacolo francese "Roméo & Juliette, de la haine à l'amour" ;  e se a sentire le parole "versione italiana" vi sta venendo un attacco di orchite sappiate invece che quella di cui ciarlerò per un po' è stata una esperienza conciliatoria con il tanto bistrattato mondo dello spettacolo italico.
Ho avuto la fortuna di vedere ben due spettacoli a Brodway, "Chicago" e "Mamma Mia", e senza dubbio quando si tratta di musical gli americani non hanno rivali. Per questo ho sempre maturato una piccola diffidenza nei confronti delle versioni italiane di grandi classici come "Grease" o "Dirty Dancing".

Ma nel caso di "Romeo e Giulietta" ammetto di essermi ricreduta dopo pochi minuti.
Quello portato in scena con la regia di Giuliano Peparini è, infatti, uno spettacolo di livello altissimo  in ogni suo aspetto.

Scenografia, costumi,musica, tutto  Pur mantenendo l'impianto classico della storia l'inserimento di
musica di impostazione più moderna crea un connubio interessante che sarebbe piaciuto al Bardo stesso.
Ma la vera sorpresa è il cast, da applausi tutti, corpo di ballo e attori.
In un paese infatti dove la massima espressione artistica ultimamente pare essere Checco Zalone (persona dotata comunque, l'ho ascoltata recentemente in un'intervista, di garbo e buona educazione), in cui youtubers (non so neppure se l'ho scritto bene) o ex tali si atteggiano ad attori consumati e bellone con le chiappe di fuori si atteggiano a ballerine, dove la De Filippi impera, signori e signore, sappiate che esistono fior fiori di artisti. E non si parla dei soliti, consueti professionisti ormai già in età avanzata. Parlo di ragazzi di grande talento, preparati, che cantano, ballano e recitano in maniera quasi impeccabile. Bravi tutti davvero, da quelli già più esperti come Luca Maggiore e Barbara Cola, quelli della my generation la ricorderanno ad un San Remo in coppia con Gianni Morandi, fino ai giovani Luca Giacomelli Ferrarini, applauditissimo Mercuzio, Federico Marignetti e soprattutto lei, Giulia Luzi, dolcissima Giulietta di cui ovviamente le bimbette si sono immediatamente innamorate.
Insomma, tanta roba e soprattutto tanti meritatissimi applausi alla fine per questo gran gruppo di professionisti. Lo spettacolo ora è a Reggio Calabria poi si prenderà una pausa...quando riprenderà se dovesse capitare dalle vostre parti andate, ve lo consiglio caldamente, e non ve ne pentirete.






Commenti

  1. Ho avuto modo di vederlo - ma solo in tivù, sfortunatamente - e l'ho trovato splendido davvero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non appena riprendono la tournée vai se ti è possibile perché veramente merita

      Elimina
  2. Ho sentito parlare di "Roméo & Juliette, de la haine à l'amour" ma finora non sono mai riuscito a vedere la versione italiana.
    Dovrò recuperare quanto prima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ora son curiosa invece di vedere la versione francese...

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…