Passa ai contenuti principali

ROAD TO OSCARS - "TRUMBO" E "45 ANNI"


Siamo arrivati all'ultima tappa della marcia di avvicinamento agli Oscar. Lo so, da vedere c'è ancora una vagonata di pellicole ma il tempo è pochissimo, anzi mi meraviglio di essere riuscita a guardare qualcosa, e la cerimonia si terrà domenica, quindi il resto verrà recuperato con tutta calma.
Concludo quindi questo viaggetto con due pellicole diversissime tra di loro, entrambe apprezzate, e con una sola cosa in comune. Entrambi hanno ottenuto una sola, meritata, candidatura destinata, salvo clamorosissimi colpi di scena a cui l'Academy non ci ha certo abituato, a non trasformarsi in premio.

"TRUMBO"

Regia: Jay Roach
Interpreti: Bryan Cranston, Diane Lane, Helen Mirren, Elle Fanning, John Goodman
 
"Gli unici che rispondono ad una domanda con un si' o un no, sono solamente gli schiavi o gli stupidi".
 
Premessa importante, a me i biopic incuriosiscono sempre un po' specialmente quando si tratta di scoprire qualcosa in più su personaggi che conoscevo poco. Quello su Dalton Trumbo, uno dei più grandi sceneggiatori hollywoodiani finito, per le sue simpatie comuniste, nella celeberrima "lista nera" in pieno maccartismo, è il film che, sinceramente, non mi sarei mai aspettata e mi ha fatto, tra l'altro, scoprire cosa si cela dietro una delle pellicole da me più amate, "Vacanze Romane".
Un ritratto della Hollywood anni cinquanta girato davvero bene, intelligente, arguto e dal buonissimo ritmo. Ma soprattutto un film "d'attori" . Non conoscevo Bryan Cranston, ho iniziato il recupero di "Breaking Bad" soltanto la settimana scorsa, ma qui è a dir poco superlativo. Strameritatamente candidato all'Oscar, per quanto mi riguarda se la gioca con un delicatissimo Redmayne ma, salvo clamorosissimi colpi di scena, il premio quest'anno è già in tasca a Di Caprio. Lo affiancano una brava Diane Lane, più bella ora di vent'anni fa, una odiosissima Helen Mirren, questa grandissima attrice non sbaglia un colpo, Elle Fanning, la ragazza ha un futuro radioso al contrario dell'antipaticissima sorella Dakota e, tra gli altri, un simpatico John Goodman. Da vedere.
 
"45 ANNI"
 
Regia: Andrew Haigh
Interpreti: Charlotte Rampling, Tom Courtenay
 
Strano come ci dimentichiamo delle cose che amiamo.

Una vita insieme, ricordi, niente figli, niente foto alle pareti, tante consuetudini, il darsi forse un po' per scontati. E allora basta il raffiorare di un segreto tenuto nascosto per 20 anni (perché io so tutto di te e tu sai tutto di me...) a far crollare il castello e a chiederci: "è stato amore o solo fumo negli occhi??".
Film lento composto, a tratti gelido, eppure gli ho voluto bene. Gli ho voluto bene perché non puoi non fermarti a riflettere, su quello che è, è stato, e soprattutto sarà quando gli anni trascorsi saranno davvero tanti.
Charlotte Rampling, meravigliosa signora (darei un braccio per invecchiare come lei...) è algida ed elegantemente furiosa come soltanto le grandi dame ferite nei sentimenti sanno essere. Non vincerà, l'Oscar è già della Larson, ma regala comunque una interpretazione di grandissima classe e la candidatura è strameritata.
Film difficile, non per tutti.

 

Commenti

  1. Già sai, concordiamo.
    E sì, la Rampling rimane davvero stupenda, anche a settant'anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già...veramente una donna meravigliosa.

      Elimina
  2. 45 anni non credo che riuscirò a vederlo, su "Trumbo" la pensiamo uguale, aspetto di leggere i tuoi commenti di "Breaking Bad" già mi frego le zampette all'idea ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se riesci "45 anni" anche dopo gli Oscar guardalo che merita. Per BB temo sarà un po' lunga l'attesa...ma l'inizio ci piace assai!

      Elimina
  3. 45 anni o lo recupero domenica o mai più. E' l'unico che mi è rimasto da vedere.
    Trumbo mi è piaciuto tantissimo e lui merita mille volte più di Di Caprio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'unico da vedere???ma come hai fatto!!!:-0
      Cranston strameriterebbe l'Oscar mannaggia...

      Elimina
  4. 45 anni l'avevo visto all'epoca dell'uscita, e mi era piaciuto. Delicato e ben recitato. Rampling e Courtney bravissimi.
    trumbo l'ho visto una decina di giorni fa (sono in arretrato coi post in una maniera vergognosa) e, dopo aver visto anche The Danish Girl se davvero quest'anno danno sta statua a DiCaprio io grido allo scandalo!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh...nun me lo di va'....io Revenant non l'ho ancora visto ma per me quest'anno la partita era tra Redmayne e Cranston...

      Elimina
  5. Team Cranston, io ci sono! 45 anni lo mancai al cinema mannaggia a me, però a me è rimasta nel cuore Cate Blanchett, anche se Brie Larson merita lo stesso alla grande!

    RispondiElimina
  6. piaciuto molto anche a me. Cranston meritava l'Oscar. Peccato

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…