Passa ai contenuti principali

ROAD TO OSCARS - IL CASO SPOTLIGHT



Regia: Tom McCarthy
Interpreti: Michael Keaton, Mark Ruffalo, Liev Schreiber,  Rachel McAdams, Brian d'Arcy James, Stanley Tucci.

Trama: il racconto dell'inchiesta, premiata con il premio Pulitzer, condotta nel 2002 dal team di giornalisti investigativi del Boston Globe soprannominato Spotlight, che rivelò la copertura sistematica da parte della Chiesa Cattolica degli abusi sessuali commessi su minori da quasi un centinaio di sacerdoti locali.


E facciamo un altro piccolo passo verso la notte degli Oscar, quest'anno più che mai caratterizzata,
causa cronica mancanza di tempo,  da una spartana selezione delle pellicole da vedere, ovvero, prima
quelle che mi interessano, poi, sorry Leo, con tutta calma, gli altri candidati.
Oggi affronto quello che, fra tutti, sulla carta suscitava da queste parti più interesse di tutti, nonchè il più quotato, se Inarritu si accontentasse (si, c'è una lievissima nota di ironia nella mia affermazione...) del premio come miglior regia, forse a ricevere la statuetta come miglio film.
Farsi continuamente delle domande e soprattutto non smettere mai di cercare delle risposte; il mantra di un giornalismo forse ormai sparito, quello investigativo, che se nella realtà ha scoperchiato parecchi pentoloni al cinema ha regalato opere davvero egregie.
"Spotlight" non ha la forza dirompente di un capolavoro come " Tutti gli uomini del presidente", a cui potrebbe essere accostato, ma rimane comunque un ottimo film.
Cosa fa di "Spotlight" forse non un capolavoro ma un film sicuramente molto al di sopra di tanti altri, così al di sopra che l'eventuale vittoria come miglior film agli Oscar non farebbe certo gridare allo scandalo?
Prima di tutto una sceneggiatura che funziona come un metronomo. Leggendo qualche parere sparso a molti "Spotlight" è sembrato un compito fatto con diligenza, un report (appunto) senza nulla di particolare. Personalmente credo invece che il raccontare  una problematica così grave nonché purtroppo ben lontana dall'essere risolta, recenti fatti di cronaca lo dimostrano, come i casi di abusi sui minori all'interno della Chiesa, tendosi lontani da qualunque sensazionalismo sia uno dei punti di forza del film.

Quella di McCarthy, che ha scritto il film basandosi su gli atti dell'inchiesta stessa e gli articoli del "Globe" è sceneggiatura molto scarna, pulita, eppure emotivamente incredibilmente potente, impossibile restare indifferenti a quanto viene raccontato. Ad uno script praticamente impeccabile aggiungiamo uno dei cast forse meglio assemblati visti di recente, capitanato da un Michael Keaton anche lui ormai avviato verso una seconda parte di carriera quasi impeccabile (la sua interpretazione ricordo essere l'unica cosa che avrei salvato di "Birdman" lo scorso anno..). Giuste le candidature della McAdams e di Ruffalo, attore che non mi stanco mai di dire ha ottenuto meno di quanto meriterebbe, entrambi molto bravi e coinvolti, ma una candidatura "globale" all'intero cast sarebbe stata perfetta. Piccola nota personale, è sempre un piacere rivedere quel magnifico attore di Stanley Tucci, uno che riesce a brillare sempre ed ovunque appaia.
Sceneggiatura e cast. Due pezzi importanti che, incastrati perfettamente insieme fanno di "Spotlight" un film solido, nella migliore tradizione di quel cinema di denuncia un pò vecchio stile da queste parti assai apprezzato. E soprattutto importante.
Andatelo a vedere, nonostante la mia brutta recensione, magari in lingua originale, premiatelo, non so dalle nostre parti quanto potrà essere apprezzato,perché merita davvero.




Commenti

  1. Pur essendomi piaciuto molto, tra tutti i film in odore di Oscar visti finora scelgo Room, parecchie spanne sopra a Spotlight sia in termini di storia, che di regia, che di interpretazioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Room mi manca e sono convinta sia un capolavoro ma siccome emotivanente è parecchio impegnativo, come ho scritto da te, aspetto il momento
      giusto

      Elimina
  2. Concordo in pieno: non un film dai colpi di genio, ma un film importante, impegnato e recitato molto bene.
    Promosso anche dalle mie parti.

    RispondiElimina
  3. visto sabato sera, piaciuto molto. Ruffalo non sbaglia un ruolo, da un po' di tempo a questa parte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ruffalo è davvero bravo, ma temo
      che l'Oscar questa volta non lo vincerà

      Elimina
  4. Bombetta, mi è piaciuto un sacco, il modo giusto per trattare una storia vera, avercene di film come questo ;-) Cheers!

    RispondiElimina
  5. State tutti parlando di questo film e io neanche sapevo esistesse, pensa un po' come sto messo ultimamente. Comunnque lo voglio recuperare, a sentire tutti voi è un film da vedere assolutamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. recupera recupera, secondo me ti piacerà!

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…