Passa ai contenuti principali

ROAD TO OSCARS - CREED NATO PER COMBATTERE





Regia: Ryan Coogler
Interpreti: Sylvester Stallone, Michael B. Jordan

Trama: Adonis Creed è il figlio illegittimo di Apollo Creed. Cresciuto dalla moglie di Apollo, lascia un lavoro ben retribuito ed una vita di agi per dedicarsi alla boxe professionistica. Ma vorrebbe farsi un nome senza sfruttare l'ingombrante ombra del padre. Per farlo volerà a Philadelphia e chiederà aiuto al vecchio Rocky, ritiratosi da tempo.

Un passo alla volta
Un pugno alla volta...una ripresa alla volta..


Quando ho letto della vittoria di Stallone ai "Globes" una parte di me ha esclamato "ma che davvero?"  l'altra però ha ribattuto con un sonoro "alè'" perchè, nonostante Rambo e la partecipazione
a robaccia immonda come "Driven" fondamentalmente io al buon Sly voglio un gran bene.
Andiamo, è inutile fare i radical-chic...sono della generazione che, con Rocky, ci è cresciuta; ricordo bene una gita alle superiori, Roma, scalinata Trinità dei Monti fatta di corsa ed una volta in cima tutti ad urlare "Adrianaaaaa!!!"...
Chiuso il momento "Amarcord", passiamo al film.
Proprio perchè con "Rocky" ci sono cresciuta avevo nei confronti di "Creed" più di un dubbio. È stata la bacarospetta affetta da un po' di tempo da CAA, ovvero Cinefilia Acuta Anomala, se consideriamo ha appena compiuto sette anni, dopo aver visto i trailer, a convincerci che il film poteva essere bello.
Diciamolo subito, ogni perplessità è andata a farsi benedire pochi minuti dopo l'inizio del film.

Perchè "Creed" è un film davvero bello. Non pensate ad una furbo remake, o reboot, confezionato ad
arte per far conoscere il personaggio ai giovani e far ingastrire noi "anziani" (se state pensando a "Point Break"ci avete azzeccato) .
"Creed" funziona semplicemente perché è dannatamente genuino. È uno di quei film che coniuga tecnica sopraffina, guardate il momento in cui Adonis corre circondato dalle moto e gli incontri di box, con un cuore grande così.
L'incontro tra il vecchio leone,  stanco, provato dai lutti, e il giovane allievo a cui insegnare tutti i segreti della boxe e che gli fornirà a sua volta una ragione per combattere ed andare avanti esalta e commuove nella tradizione del miglior cinema. Ed ovviamente tutti gli occhi sono rivolti a lui Sylvester Stallone, vero mattatore del film. Si dice non avesse nessuna intenzione di tornare nei panni  di Rocky, poi gli è arrivata la sceneggiatura di "Creed" e alla fine Sly ha ceduto.
Ed è stato un bene, perchè senza di lui probabilmente, anzi sicuramente, il film non funzionerebbe così bene. A sessant'anni suonati, ingrassato, invecchiato (nonchè forse finalmente libero da insensati ritocchi) offre la migliore interpretazione della sua carriera. Da quando appare per la prima volta in scena Sly si mangia letteralmente il film dimostrando una totale identificazione con un personaggio evolutosi nella maniera più naturale e migliore possibile.
Il vecchio che insegna al giovane a farsi largo nel mondo, lo guida e lo accompagna regala momenti di grande cinema, ogni tanto quasi scappa persino la lacrimuccia. Vi dico di più, se vincesse l'Oscar non ci sarebbe nulla di scandaloso. Michael B. Jordan ha la consapevolezza di stare confrontandosi con un mito e l'intelligenza di comportarsi di conseguenza. È bravo, ma gli "occhi della tigre" gli spuntano soltanto verso il finale.
Completiamo il tutto con una magnifica colonna sonora e abbiamo una delle più belle sorprese di questo 2016 destinato a candidarsi tra i migliori film dell'anno.

                                                                                   






Commenti

  1. Anche secondo me ci troviamo di fronte ad una bella sorpresa… Avercene di settimi capitoli (o spin off) così ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. veramente...forse al momento la sorpresa dell'anno!

      Elimina
  2. Una sorpresona anche per la sottoscritta, che si è ritrovata tra lacrime ed entusiasmi ad amare questo film... e pensare che di Rocky, dall'inizio alla fine, non è visto nemmeno uno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Consiglio recuperi allora di tutta la serie!

      Elimina
  3. Inutile dire che sono d'accordo totalmente.
    Sly ci mette l'anima, e conferma l'importanza di un personaggio giustamente destinato a fare la Storia del Cinema e di chi il Cinema lo ama.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sly qui veramente maestoso, speriamo si porti a casa l'Oscar!

      Elimina
  4. Sorpresona, soprattutto per Sly, che non è che sorprende (noi lo sapevamo già) ma stupisce perché quando compare lui, nel film, tutto il resto non conta più nulla!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senza Sly forse il film, comunque di buon livello, funzionerebbe indubbiamente meno!

      Elimina
  5. La bacarospetta ha gusto eh? Bello, il film pregevole che non mi aspettavo proprio! E tanto amore per Sly, sempre!

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…