Passa ai contenuti principali

NATALE COL BOSS


Regia: Volfango De Biasi
Interpreti: Lillo e Greg, Paolo Ruffini, Francesco Mandelli, Peppino Di Capri,  Giulia Bevilacqua

Trama:  Cosimo e Leo sono due poliziotti completamente "deficienti " vengono mandati a sorvegliare un boss della camorra proprio perché tali, dal loro capo corrotto. Ciò nonostante riescono a fotografare il boss, che è costretto a rifarsi letteralmente la faccia, per questo assolda due chirurghi plastici, Alex e Dino, che, più o meno volontariamente,  si mettono all'opera per esaudire la sua richiesta: diventare il gemello di Leonardo di Caprio. Peccato che i due medici, non propriamente sveglissimi neppure loro  capiscano Peppino Di Capri e rendano il criminale identico al cantante campano scatenando una serie di curiosi equivoci.

No boss, due più imbecilli di questi da mettere sul suo caso non ce li avevo.

Nonostante gli strali su quella vaccata di "Vacanze ai Caraibi", giusto per dimostrare che una seconda possibilità non la si nega a nessuno e tanto per concludere il discorso su cinepanettoni ed affini (no, Zalone non l'ho visto, l'hanno visto bacarospo e marito, ma credo sarà difficile convincerli a scrivere una recensione), oggi due chiacchere le spendo per "Natale col boss".
Cosa mi ha convinto a vedere "Natale col boss"? Beh, il giorno di Santo Stefano 2014 siamo andati tutti insieme a vedere "Un Natale stupefacente". Pensavo mi sarei trovata di fronte ad una minchiata clamorosa, invece ho visto un filmino simpatico, divertente nonché praticamente del tutto privo di volgarità, ben scritto diretto e discretamente interpretato, insomma, un modo per trascorrere un'oretta e mezza piacevole senza troppi pensieri.
Quindi, pur avendo appena preso la colossale fregatura del cinebidone di parentiana fattura, quando mi han proposto "Natale con il boss" non ho brontolato più di tanto.
Ed alla fine non me ne sono pentita.
Pur facendo un minuscolo passettino indietro rispetto a "Un Natale stupefacente" De Biase confeziona comunque, lui si, una piacevole commedia degli equivoci.
Ma De Biase oltre ad essere un discreto regista si rivela anche un intelligente sceneggiatore.
Perché se "Natale con il boss" non ha nessuna ambizione se non quella di divertire, bisogna dargli il merito di riuscire a farlo anche piuttosto bene soprattutto senza ricorrere a volgarità e peti assortiti.
"Natale col boss" riesce nel suo intento grazie anche ad un cast particolarmente in forma.
Lillo e Greg ormai sono forse davvero la migliore coppia comica sulla piazza.
 Ruffini e Mandelli, quest'ultimo in uno spassosissimo look "simil Serpico", altre volte, irritanti come non mai, sono due simpaticissimi deficienti (mi raccomando la "ci" aspirata) alla ricerca di riscatto.
Ma la vera sorpresa è Peppino Di Capri.
Al suo debutto sullo schermo, e presente praticamente ininterrottamente, riesce a cavarsela più che egregiamente, dimostrando un notevole senso dell'ironia, rubando la scena ad attori più consumati.
Insomma, niente di nuovo sullo schermo italiano ma una volta ogni tanto raccontato in maniera simpatica.


 

Commenti

  1. Concordo con te. Non ho riso più di tanto, ma non l'ho deriso. Carino.

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…