Passa ai contenuti principali

THE VISIT


Regia: M. Night Shyamalan
Interpreti: Olivia DeJonge, Ed Oxembould, Deanna Dunagan, Peter McRobbie, Kathryn Hahn

Trama: La quindicenne aspirante regista  Rebecca raccoglie in video le confidenze della mamma, che racconta come a 19 anni si sia innamorata di un uomo più grande, che l'ha poi lasciata sola con i due figli,  e questo abbia causato una profonda rottura con i suoi genitori, con cui non parla da 15 anni. Gli stessi genitori l'hanno però di recente cercata via internet, manifestando il desiderio di conoscere i nipoti. I ragazzi sono d'accordo, loro trascorreranno una settimana dai nonni e la mamma si godrà una vacanza con il nuovo compagno. Rebecca ne approfitterà per girare un documentario amatoriale sulla propria famiglia che, a quanto pare, nasconde qualche segreto. I nonni si rivelano gentili e li portano nella loro grande casa, tra i boschi Ma ben presto i due deliziosi vecchietti cominceranno a comportarsi in maniera davvero strana...

Scrivo del film poco dopo averlo visto,senza il tempo di rifletterci bene su,  perchè "The visit" merita veramente un commento a caldo, nonostante il rischio di eccesso di improperi.
Premetto che, per quanto mi riguarda "Scibalà" (o Sci Babà che dir si voglia...) è una sòla dai tempi di "Signs", quello dei cerchi nel grano, visto in un cinema newyorkese e trovato già orribile in lingua originale, figuriamoci dopo averlo rivisto in italiano, pertanto, forte anche delle recensioni agghiacciate lette in giro, mi son evitata alberi fruscianti e sirene nella vasca, nonché il marchettone alla famiglia Smith, ovvero "After earth".
Di questo "The visit" avevo letto cose egregie e, nonostante si trattasse di un found footage (ebbasta...) ho deciso di dargli il beneficio del dubbio concedendogli la visione.
Il dubbio di stare facendo una gran cretinata mi é venuto quando ho scoperto che dietro al progetto c'erano Jason Blum, nuovo Re Mida dell'orrore e la sua Blumhouse, non sempre garanzia di alta qualità, ma io stoica sono voluta andare avanti.
Dopo mezz'ora avevo voglia di scagliare il monitor giù dalla finestra (no, otto euro per Scibalà non li spendo). 
"The visit" ha un punto di partenza abbastanza inverosimile. Una madre manda i suoi figli dai genitori, con cui non parla da 15 anni, soltanto perchè "l'hanno cercata via internet e loro ci vogliono andare", nessun contatto preventivo, nessun accordo, soltanto "Bon...voi andate dai nonni che non vedo da 15 anni e mi hanno maledetto quando sono andata via mentre io vado in vacanza con il mio fidanzato...ciao". Assurdo. Ma per l'appunto si tratta di un film, non di un documentario.Quindi cerchiamo di non essere troppo schizzinosi. Perché il vero problema di "The visit" è l'avere una trama scritta su un fazzolettino da naso, e Scibalà, dimostrando di essere un miracolato pari forse solo a Oren Peli, la gestisce alla cazz  malissimo. Il fatto di essere un found footage, genere che, se mai ce l'ho ha avuto, ormai non ha più nulla da dire da un bel po', non lo aiuta. Per una volta l'effetto nausea è attenuato, non si può dire dell'effetto noia. D'accordo, Rebecca sta girando un documentario e vanno bene i momenti famigliari,  ma mostrarci anche la quotidianità più spicciola e soprattutto l'insopportabile fratello che rappa francamente è davvero troppo. Il risultato è per tre quarti del film una noia così preponderante da affossare anche quella parte del film che secondo Scibalà dovrebbe essere inquietante.
Sul fronte alta tensione, perchè non si può parlare di horror (seppur Scibalà pensava il contrario) le cose non vanno meglio. A parte forse la scena del nascondino comunque pasticciocchiata pure quello, il resto sono una serie di jumps scare abbastanza telefonati, la nonnina che fa "buuuh" alla telecamera e scene ridicolmente agghiaccianti come quella dei pannolini, evidentemente è l'anno della cacca, si veda anche "The Green Inferno" per documentarsi in proposito...peccato per Deanna Dunagan che, nei panni della nonnina pazza, ci mette l'anima.
E alla fine, se il sonno non vi ha ucciso, arriva il twist finale, nonchè, evidentemente, il momento in cui i soldi sono finiti vista la fretta e l'approssimazione con cui si conclude il pasticcio. Persino la telecamera si mette a sballonzolare con effetto nausea e non si capisce molto. Non contento di averci ammorbato per quasi due ore, mettiamoci un pistolotto sulla necessità del perdono (SPOILER "non portare mai rancore" dice la mamma a una Rebecca un po' risentita nei confronti del padre FINE SPOILER), prima che sia troppo tardi e, come se non bastasse, l'insopportabile rap finale dell'insopportabile ragazzino simpatico come una pustola in un'occhio.
Insomma, per quanto mi riguarda (perchè ripeto, ci sono state parecchie recensioni positive) un disastro. L'ennesimo pastrocchio in salsa found footage nonchè la conferma definitiva di come Scibabà, nonostante il tocco d "Re Mida" Jason Blum (il film sta incassando piuttosto bene) rimanga una pippa clamorosa.
Persino Roth, in questo 2015, ha fatto decisamente meglio.
  
 
 
 
 


Commenti

  1. Non avevo considerato il buco di logica della premessa, brava.
    Questo bottiglia ulteriormente il film. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. inizia male e finisce peggio...terribile

      Elimina
  2. Io comunque ci voglio credere!
    Anche perché ritengo che fino a "The village" (sì, compreso "Signs"), il nostro Shallallalapolly abbia fatto gran bei film.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io salvo solo "il sesto senso" che, a questo punto, penso sia stata solo una gran botta di fortuna...:

      Elimina
  3. Penso che il film abbia delle cose molto valide e delle cose davvero poco valide, la premessa che hai ben sottolineato è tra queste ad esempio ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ne ho letto cose egregie, il problema è che io questi aspetti validi non li ho proprio visti..:-)

      Elimina
  4. Tu sei stata la più cattiva di tutti :D comunque ho notato che in molti hanno scritto che the visit è un found footwge ma in realtà non è un "filmato ritrovato" ma un mockumentary. Lo specifico perchè fosse stato un found footage ci saremmo potuti risparmiare quel finale orribile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per la precisazione.. faccio sempre un po' fatica a distinguerli (sara' che me fan schifo entrambi..)

      Elimina
    2. Mmm, non so Frank, secondo me è più un incrocio. Intenzionalmente sarebbe un mock, ma molte sequenze sono dei footage che in un montaggio tradizionale non ci starebbero a fare granché. Mock o found, una mezza cagata, in ogni caso :D

      Elimina
    3. eh...son d'accordo con Death

      Elimina
  5. Non è tutto questo disastro, ma comunque è un film imperfetto, ci manca qualcosa per renderlo davvero grande...alla fine è soltanto un film con poche pretese...e pensare che a me è piaciuto persino l'ultimo dominatore dell'aria...Shyamalan non mi è piaciuto da After Earth in poi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. niente...io e Scibabà non ci siamo pigliati...

      Elimina
  6. Ti dirò che, da detrattrice di Shyabadà post-Signs, non l'ho trovato affatto male. Alcuni momenti troppo WTF e altri irritanti, l'odioso bimbetto reppuso su tutti, ma il twist finale mi ha lasciata brasata! Ne parlerò domani sul blog.

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…