Passa ai contenuti principali

CINQUECENTOSERIAL - TRA INTERESSANTI RECUPERI E OTTIME NOVITÀ'

 
Oggi parliamo di serial, delizia e croce di ogni appassionato. Delizia perchè la qualità di quelle che una volta si chiamavano telefilm è eccelsa, croce perchè bisogna fare delle scelte, seguire tutto è umanamente impossibile. Questo post è un piccolo recap di ciò' che negli ultimi mesi ho iniziato e terminato oppure ho ancora in corso, ho tralasciato quelle, ovviamente, mollate per strada.


 
 
Hannibal seconda stagione: dopo la programmazione a dir poco schizofrenica della prima stagione immaginavo che, se avessi voluto continuare a seguire una delle serie più belle degli ultimi anni, ovviamente cancellata dopo sole tre stagioni,  avrei dovuto usare i canali "non tradizionali" così in estate ho approfittato per recuperare almeno la seconda stagione. E' stata una esperienza quasi estenuante. Giuro. Nonostante qualche momento trash, il lupo, ammetto che esteticamente siamo a livelli quasi insuperati. L'emoglobina scorre a fiumi ma con un'eleganza senza eguali. Mikkelsen è un Hannibal perfetto e Dancy è la sua perfetta metà (o forse la sua nemesi?). Non per stomaci deboli, la morte di Beverly mi ha perseguitata per un paio di giorni. E l'ultimo episodio è una vera bomba. Ma per la terza stagione aspetto un po'..
Voto: 8/10 
 
   
Quantico: una delle novità più attese e, per il momento, la delusione più grossa. Per carità, punto di partenza efficace  seppur non nuovissimo, ritmo buono ma un eccesso di patinatura che non gli giova per nulla. I protagonisti sono tutti belli, bellissimi, più adatti ad una scuola per modelli che al centro di addestramento per agenti FBI, peccato che a tanta bellezza non corrisponda altrettanta bravura. La protagonista poi,  Priyanka Chopra, è bella veramente da togliere il fiato, ma recita come un pechinese...insomma, spesso pare di stare guardando "Grey's Anatomy" e no...non è un complimento.
Voto:5/10 per ora (la terminerò senza troppi affanni..)


                                     

Zoo: ok, questa l'ho vista solo io. Ad un certo punto, per cause sconosciute (o forse no) tutti gli animali del mondo iniziano a comunicare fra di loro e a ribellarsi all'uomo...Ad indagare su questi attacchi letali la squadra più improbabile della televisione.  Al comando,  Chloe Tousignant, bionda analista dei servizi segreti francesi dall'occhio perennemente sbarrato. Con lei il figlio dello scienziato che aveva previsto tutto ma, guarda un po', era ritenuto da tutti un povero pazzo, a causa delle stranezze del padre fuggito in Africa con la madre per trovare un po' di pace, l'amico africano, una giornalista convinta che, dietro a tutto,  ci sia una importante casa farmaceutica già responsabile di parecchi casini, e un patologo animale con qualche piccolo segreto. Tratta da un romanzo di James Patterson, che cercherò di recuperare presto, è un vero e proprio "guilty pleasure" da godersi a neuroni zero, sorprendentemente rinnovata per una seconda stagione che mi auguro di rivedere presto. Grazie Rai 4 per queste sublimi stronzate!
Voto: 6/10
 
 

 
The Strain seconda stagione: dopo le enormi soddisfazioni date dalla prima stagione, nonchè la parziale delusione dei libri della trilogia, ero proprio curiosa di sapere quale direzione avrebbe preso la serie. E fino ad ora non mi dispiace. Certo, siamo nell'ambito trash con Eph eroe per caso (nel senso di essere talmente cretino che ci si chiede come possa sopravvivere ad una apocalisse, figuriamoci diventare uno dei salvatori del mondo) e Zack che ha tetronizzato "Cavvvvvvrrrrrrrr!", diventando immediatamente il ragazzino più rompicoglioni della storia della televisione, per tacere, ovviamente, di Nora...Però ci sono il professor Setrakian e Fet nonchè qualche elemento nuovo interessante.  Insomma, nonostante la scemenza generale, l'indirizzo preso sembra molto più dinamico rispetto ai libri fortunatamente, per le prime puntante ci piace assai....ci divertiremo parecchio.
Voto: 7/10 (la amo..che dire...)




 
Homeland quinta stagione: entriamo in zona capolavoro. Dopo la parziale delusione, se di delusione si può parlare per una serie di comunque altissimo livello come questa, di una quarta stagione non del tutto convincente,  una ripartenza che preannuncia una stagione con il botto. 
Una quinta stagione quasi una sorta di re boot dell'intera serie, attualissimo, si parla di Siria e spionaggio informatico, con una Claire Danes sempre più brava. Mi aspetto qualcosa di buono anche da Quinn, personaggio interessante fino ad ora utilizzato malaccio, e soprattutto da Alison, sperando di  avere grosse soddisfazioni.
Voto sulla fiducia: 8,5/10
 

 

Narcos:   Se per  una "sublime stronzata" come "Zoo" dobbiamo ringraziare Rai 4 per questa meraviglia sia lode sempre a Netflix. L'ascesa di Pablo Escobar , boss del narcotraffico che negli anni 80 tenne sotto scacco la Colombia,  è un capolavoro di  cui aspetto, con impazienza, la seconda, già confermata, stagione. Difetti..nessuno. Perfetta la ricostruzione storica che mischia immagini reali con finzione,  eccellente l'idea di far doppiare soltanto i personaggi di lingua inglese, tutti gli altri parlano spagnolo. Ottima la scrittura dei personaggi ed eccellente l'interpretazione di tutto il cast.
Su tutti svetta uno stupefacente Wagner Moura  letteralmente trasformatosi (guardate le immagini della sigla iniziale se non mi credete) in Pablo Escobar, uomo dalla personalità a dir poco complessa. 
Ottimi anche Pedro Pascal e Boyd Holbrook nei panni di Pena e Murphy (voce narrante della serie), i due agenti che diedero la caccia ad Escobar, ma ineccepibili son tutti gli attori, dal primo all'ultimo.
Una vera e propria bomba quindi, candidata tra l'altro a due Golden Globes, miglior serie drammatica e ovviamente attore protagonista per Moura, che consiglio assolutamente di non perdervi.
Voto: 9/10





 

 


 

 


 

 

 

 

 

 


 



 


 



 

Commenti

  1. Narcos pazzesca, una bomba.
    E spero che questa quinta di Homeland sia tosta come scrivi, ho sempre voluto un gran bene a questa serie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Narcos davvero uno spettacolo, Homeland 5 vai sicuro che merita !

      Elimina
  2. Hannibal, quanto mi manchi.
    Quantico carino - mi piace la parte ambientata in accademia, non quella contemporanea, e la protagonista è di un bello assurdo. Il pregiudizio, perciò, non me la rende particolarmente credibile sì, ma tant'è. Narcos mi manca, ma recupererò, chissà quando.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, Quantico non riesce proprio a convincermi. Narcos recuperalo immediatamente!!!!

      Elimina
  3. Hannibal, The Strain e Narcos, tre gran serie... Due tornano, una ahimè no (Sob!). Cheers! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. gia'...sob...anche se debbo ancora recuperare la terza stagione!!!

      Elimina
  4. Anche a me attira Narcos... Hannibal non so... nella prima ho dormito tanto ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Narcos recuperarla immediatamente...come hai fatto a dormire con Hannibal???

      Elimina
  5. Narcos mi ispira, ma anche The Strain, che è alla seconda su fox, ma che io mi son persa.... dovrò darmi da fare per recuperarla

    RispondiElimina
  6. Bello Narcos, non ho visto le altre serie

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…