Passa ai contenuti principali

PAN-VIAGGIO SULL'ISOLA CHE NON C'È




Regia: Joe Wright
Interpreti: Levi Miller, Hugh Jackman, Rooney Mara, Garrett Hedlund

non ho mai creduto alle favole della buonanotte...

Capita che tua figlia compia 7 anni e tu, due giorni dopo, debba andare a fare un intervento chirurgico all'ospedale. 
Roba programmata da tempo per carità, ma l'umore non era dei più festaioli (festa che tra l'altro abbiamo organizzato al cinema ed è riuscita alla grandissima), quindi l'idea della recensione al film l'hai, ovviamente, accantonata per un po'. 
Butti giù due righe quando per fortuna sei già a casa, tutto è passato ed è andato bene, in convalescenza un po' rintronata e con Netflix attivato dall'amore mio come regalo (ho visto la prima puntata di "Sense 8", non appena mi ci raccapezzerò a dovere ne scriverò qualcosa...).
Ma torniamo all'oggetto della recensione, ovvero "Pan viaggio sull'isola che non c'è".
Di cui, va detto, ho sentito le peggio cose. 
"Peter Pan" non rientra proprio tra i miei preferiti, eppure un'ennesima rivisitazione sotto forma di prequel di quello che, comunque rimane un classico, mi lasciava parecchio perplessa. 
E l'approccio scelto da Wright è abbastanza disorientante.
Almeno fino all'arrivo a l'isola che non c'è l'approccio scelto è abbastanza classico. 
È da quando Peter e gli altri arrivano sull'isola che il film va un pochino in confusione. 
Tenere alta l'attenzione dei ragazzini oggi lo sappiamo, è difficilissimo, quindi, per non deludere nessuno Wright butta nel calderone praticamente di tutto.
L'isola che non c'è sembra uscita da "Mad Max- oltre la sfera del tuono" ed accoglie i nuovi arrivati sulle note di "Smells like teen spirit" dei Nirvana (non sto scherzando e si, sono rimasta piuttosto attonita debbo ammetterlo...).
Barbanera, interpretato da un Hugh Jackman in caduta libera, senza dubbio il punto debole dell'intero film, è così imparruccato e così esagerato ad essere stucchevole.
Uncino non è il nemico, anzi, e somiglia vagamente ad un Indiana Jones, se possibile, ancora più paraculo. E poi abbiamo nell'ordine navi volanti, uccelli fantastici, principesse guerriere e fate luccicanti. Combattimenti, ed esplosioni e magiche apparizioni.
C'è stato un momento in cui, debbo ammetterlo, ero così stranita che pensavo quasi di stare guardando "Matrix".
Perché in "Pan- viaggio sull'isola che non c'è" c'è tanto, a volte c'è davvero troppo.
Però, se debbo essere sincera, non mi sento di condannarlo, principalmente per tre motivi.
Il primo che, in mezzo a tutto questo can-can c'è lei, Rooney Mara, che salva tre quarti di film da sola. Bellissima, magnetica, indomita, la perfetta principessa moderna, è lei a guidare Peter verso il proprio destino. Ovviamente il personaggio è diventata all'istante l'idolo di tutte le partecipanti alla festa. Abbiamo poi l'interessante debutto di Levi Miller, con quella adorabile faccetta da canaglia, resta in scena per tutto il tempo, reggendo bene, e si dimostra sicuramente più simpatico della maggior parte dei ragazzini visti al cinema di recente.
Il terzo motivo?Beh.. il terzo motivo è semplice. Alla fine ha divertito le bimbe, ed io, quando i bambini si divertono, sono abbastanza indulgente.
E i grandi?Beh, ogni tanto ci si perde e manca un pochettino di magia, ma fondamentalmente intrattiene e non annoia nemmeno i grandi.
Niente di trascendentale quindi, ma è una fiaba ed alle fiabe si vuole sempre bene, e "l'isola che non c'è "sta sempre là, "seconda stella destra, e poi dritto fino al mattino"...quindi va bene così.
 
 




 

Commenti

  1. Non ne ho sentito parlare né bene, né male. Non ne hanno parlato proprio, il che è peggio. Per una visione disimpegnata e per il bene che voglio al regista, be', ci sta.
    Io, invece, sono reduce dall'ultimo Hunger Games. Diludendo supremo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, nonostante tutto in giro secondo me c'è parecchio di peggio. Dell'ultimo HG debbo ancora recuperare la prima parte ma me la prendo con calma...

      Elimina
  2. concordo sul diludendo HG
    quanto a Pan, bisogna proprio che lo veda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah..secondo me se ti ci approcci senza troppe aspettative alla fine si rivela un piacevole intrattenimento come tanti....

      Elimina
  3. Pure io ne ho sentito le peggio cose e, nonostante la regia di Wright, non ho un interesse a vederlo nell'immediato.
    Però a leggere che c'è una canzone dei Nirvana sono rimasto abbastanza disorientato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti garantisco che eravamo in tante ad essere disorientate....

      Elimina
  4. Bah, detta così non mi piacerebbe granché... forse hanno voluto davvero fare una sorta di pastiche...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so sinceramente quale fosse l'intento...alla fine ne è uscita una cosuccia abba
      stanza innocua che non fa tanti danni...

      Elimina
  5. Me ne hanno parlato malissimo, sinceramente non ho tutto questo interesse per vederlo....mi fa tristezza vedere Jackman truccato così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Jackman è senza dubbio la parte più debole del film....

      Elimina
  6. Concordo con te... è tutto troppo! Deludentissimo. Soprattutto la trama che è scarsina e cambia senza ragione i presupposti del Peter Pan di Barrie e questo non va bene! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanto, troppo, un bel casino...però come ho detto alla fine non sono poi riuscita a volergli troppo male...:)

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…