Passa ai contenuti principali

INSIDE OUT





Un film di: Pete Docter

Wow! Ho accesso all'intero catalogo delle parolacce e imprecazioni, questa nuova console è proprio una fig(biiip)!"


Se c'é una cosa che ho imparato da quando bazzico le gloriose lande bloggercinefile è come sia decisamente più facile scrivere di un film che non ti é piaciuto. I film brutti li massacriamo deridendoli anche un po'..ma quando qualcosa ci piace, a volte anche tanto, spesso si fatica a trovare le parole giuste per esprimersi; si ha paura di sfociare nel banale, di dire cose gia' lette innumerevoli volte, specialmente quando si tratta di un film che han gia' visto in parecchi.
Per quanto riguarda "Inside Out" quindi, pellicola su cui tutti hanno già detto tutto, parto da quello che non mi è piaciuto.
Il cortometraggio iniziale.
"Lava" è talmente melenso da risultare agghiacciante; i due vulcani sono pure brutti e la canzone è una nenia ipnotica destinata a rimanervi in testa, maledetta, per almeno un paio di giorni. Fine delle cose negative.
Ora passiamo ad "Inside Out".
Sono una fan della Pixar da sempre, anche nella sua forma cosiddetta (e perché poi??) "minore" con  film come "Cars" (in casa nostra un vero cult) e "The Brave". Quindi sapevo che non sarei rimasta certamente delusa.
Ma non mi aspettavo una cosa di questo genere.
Diciamolo pure: questa volta la Pixar ha decisamente alzato l'asticella verso l'alto. A costo di essere banale credo sara' difficile, d'ora in avanti, a livello di cartone animato,  non fare i conti con "Inside out". Perchè superarlo sarà davvero dura.
"Inside out" è un film innanzitutto visivamente meraviglioso. Le emozioni sono bellissime a vedersi, tenere, buffe. Il nostro cervello è una deliziosa, coloratissima macchina, un complicato eppure affascinantissimo flipper.
Ma "Inside out" non è solo una pellicola bella da vedere. 
A colpire sul serio sono le sue mille sfaccettature.
"Inside out" racconta un periodo difficilissimo della vita di ognuno di noi con una delicatezza ed una maturità rara. Il benefico effetto di tutte le emozioni il capire come la tristezza (non per niente la più adorabile ad essere tratteggiata), come il suo lasciarla andare è utile, anzi, spesso necessario per essere felici si rivela un viaggio sorprendente. Perché "Inside out" è  più complesso di quello che appare ed i più piccoli non riusciranno forse a coglierne i molteplici aspetti eppure statene certi, specialmente se già avvezzi al cinema lo ameranno tantissimo (alla bacorspetta e all'amichetta è piaciuto assai..).
Tocca tante corde "Inside Out", se non vi scende la lacrimuccia un pochino bruttini lo siete, e lo fa con maestria degna dei più grandi capolavori.
Cinema con la "C" maiuscola quindi, hanno scritto che d'ora in avanti in  animazione, ci sarà un  "prima e dopo Riley" che colpisce cuore e mente.
Sicuro vincitore del prossimo Oscar come miglior film d'animazione.
Imperdibile.
 
 
 
 
 
la tenerezza....
 
 

Commenti

  1. Lava è anche carino, ma finisce in un modo tremendo :-/ Per il resto sono con te, gran film, intelligente, roba rara al giorno d'oggi ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mamma mia Lava...:-o! Per il resto film grandioso, e più ci rifletto più ne son convinta...

      Elimina
  2. Ma come potete fra tutti aver odiato Lava? Io ho pianto come una pazza e continuo a farmi del male ascoltando la canzone originale in loop ininterrotto, ricominciando a piangere come se non avessi un domani XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la maledetta nenia? persino la bacarospetta era agghiacciata...

      Elimina
  3. LAVA? no, grazie... è abominevole! (forse è un'esercitazione di qualche apprendista pixariano)
    Quanto al film, è una goduria. Lo proporrò come miglior film del 2015, anche se SICARIO non scherza (ma sono generi troppo diversi)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione, due opere agli antipodi ma bellissime entrambe.

      Elimina
  4. Concordo: Lava un po' troppo melenso, mentre Inside Out è un gioello dell'animazione!

    RispondiElimina
  5. Concordo in tutto e per tutto.
    Film splendido, che setta uno standard che pochi altri titoli d'animazione hanno settato in passato.
    Bellissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. d'ora in avanti fare meglio sarà davvero difficile.

      Elimina
  6. Capolavoro della Pixar, il migliore. Concordo anche su Lava, uno dei corti peggiori di casa Pixar (se non il peggiore in assoluto).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. forse il Pixar della maturita'...soprende per bruttezza lava invece!

      Elimina
  7. Sono uno dei pochi a non definirlo un capolavoro... ma avercene uno al mese, di film così!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ho sentito gente a cui non è piaciuto...

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…