Passa ai contenuti principali

HOTEL TRANSYLVANIA DUE

 
Un film di: Genndy Tartakowsky
Con le voci (italiane) di: Claudio Bisio, Cristiana Capotondi, Paolo Villaggio.
 
La stagione cinematografica è iniziata, senza alcun dubbio, sotto il segno dell'animazione. 
Inutile negarlo, sarà la voglia di leggerezza, sarà che i bambini dominano il mercato, ma in questo inizio d'anno (si, per me l'anno inizia a settembre) i cartoni animati dominano nettamente.
Ne abbiamo di  deliziosamente scemi destinati a diventare cult, "I Minions", di meravigliosamente complessi forse più adatti ad un pubblico più adulto ma così visivamente belli da deliziare i bambini di ogni età, "Inside Out" (sicuro vincitore dell'Oscar per il miglior film d'animazione...presto da queste parti) e abbiamo "Hotel Transylvania 2".
In  questo secondo capitolo, Mavis e Johnny si sposano e diventano genitori del piccolo Dennis. Presto  tutti si cominciano a domandare se sarà umano o vampiro, e  nonno Drac spera di aver passato al piccolo i suoi geni e i suoi canini succhiasangue. Soprattutto perché Mavis, qualora Dennis si rivelasseumano, minaccia di trasferirsi con il marito e il figlio in California e crescerlo fra i sui simili. Ci penserà Drac, coadiuvato da Frankenstein, Murray la Mummia, Griffin l'Uomo Invisibile, Wayne il Lupo Mannaro a cercare di tirare fuori il mostro che potrebbe nascondersi in Dennis: e per far questo il vampiro approfitta di un viaggio esplorativo di Mavis e Jonathan in California.
"Hotel Transylvania due", come già il suo (fortunatissimo..ma pare che anche questo secondo capitolo stia ottenendo un successo strepitoso) predecessore è un film davvero simpatico. Attraverso personaggi sgangherati, e gag divertentissime, Tartakowsky riesce ad affrontare comunque anche temi importanti, come la tolleranza e l'accettarsi per quello che si è; sullo sfondo il tentativo da parte di una donna dallo spirito fortemente indipendente come Mavis di ridefinire la propria esistenza, ora che è diventata madre, e di cercare di fare la scelta migliore per il proprio figlio. Nonno Drac, efficacemente doppiato in italiano da Claudio Bisio, insieme a tutta la compagnia di mostri ormai incapace di spaventare chiunque assomigliano alle comiche di un tempo e sono la colonna portante di un film che divertente tantissimo, meraviglioso il "training" del piccolo Dennis dove i nostri dimostrano di aver perso il mostruoso appeal di gioventù, che non conosce un secondo di noia. L'aggiunta di un paio di personaggi davvero efficaci, i genitori di Johnny e nonno Vlad, doppiato in italiano da Paolo Villaggio,  insieme ovviamente al piccolo Dennis, o dovremmo dire Denisowic ,  completano quella che si dimostra un piacevolissimo sequel. Senza avere le finezze stilistiche di "Inside Out", "Hotel Transylvania due" riesce nella sua semplicità a risultare una piccola ed esilarante delizia che diverte i bambini ma strappa parecchie risate anche ai più grandi. 
 
 
 
 
 
 
La mia recensione di "Hotel Transylvania due" la trovate anche su Mamme al cinema... 



 

 


Commenti

  1. Il primo mi era piaciuto proprio poco, ma ho sentito dire da tutti che questo è meglio, la tua recensione mi ha convinto... Me lo guardo! ;-) Cheers!

    RispondiElimina
  2. Il primo era simpatico, tante bellissime gag...se il secondo sarà lo stesso vale la pena vederlo ;)

    RispondiElimina
  3. Il primo mi era piaciucchiato, ma aveva una comicità fin troppo demenziale anche per i miei gusti. Questo non so, una parte di me vuole vederlo per completezza, l'altra un poco se ne frega.

    RispondiElimina
  4. Il primo non mi era dispiaciuto, penso che una possibilità a questo numero due la darò.
    Staremo a vedere.

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…