Passa ai contenuti principali

FEAR THE WALKING DEAD - 1 STAGIONE



Alla fine, nonostante il pilot non mi abbia convinto per niente, ho deciso di darle una possibilità ed ho visto la prima stagione di "Fear the walking dead" serie, ricordiamolo per l'ennesima volta, spin-off/prequel di quel "The walking dead" che ci sta ammorbando oramai da 5 stagioni, con la sesta in strombazzatissima rampa di lancio credo lunedì prossimo.
Oddio.."ammorbando"...forse sono un pochino cattivella. Diciamo che per tre stagioni "The walking dead" è stata abbastanza interessante e se si fosse chiusa lí sarebbe stato meglio. E invece è iniziata la deriva soap operistica che, dopo la morte più cretina della  storia di ogni serie TV, quella di Beth, mi ha costretto a dire basta. La stagione comunque della "serie madre" ad avermi convinto di più è stata la prima; il suo pregio maggiore???Quello di essere composto da soli sei episodi. Diciamocela tutta, la non eccessiva lunghezza in una serie nata come "horror" è indispensabile, altrimenti si rischia, come è successo, di andare decisamente troppo per le lunghe e degenerare inesorabilmente.
La breve durata è stata anche la molla che alla fine, mi ha fondamentalmente convinto a dare una chance a "Fear the walking dead" (il cui destino italiano è a tutt'oggi sconosciuto...).
Purtroppo, rispetto alla prima stagione della serie madre "FearTWD" possiede delle grossissime pecche. Certo, il raccontare qualcosa di cui sappiamo già sostanzialmente lo svolgimento, l'inizio dell'epidemia, non giova.
Ma il ritmo è lento, lentissimo, almeno per i primi quattro episodi.
Gli zombie non si vedono, principalmente si intuiscono. Nonostante la splendida ambientazione, come avevo già accennato parlando del pilot, Los Angeles avrebbe potuto essere una splendida alternative ai boschi e valli d'or di cui abbiamo decisamente le scatole piene, per la maggior parte del tempo il povero spettatore è costretto ad assistere a dinamiche familiari a tratti così atrocemente noiose da far rimpiangere Rick - Lory e compagnia cantante.
E allora arriviamo al punto debole della storia, i personaggi.
Perché raramente, nemmeno nella serie madre, mi è capitato di vedere un branco di caratteri scritti così male.
Prima di tutto è mai possibile che nessuno, e dico nessuno, dei personaggi di questa serie abbia mai visto un film horror?Capisco lo scoramento, l'angoscia per una cosa senza dubbio impossibile da spiegare come un morto che si alza e riprende a camminare...ma dico, perchè comportarsi costantemente come un branco di amebe?A nessuno li viene in mente un certo Romero??Insomma Alicia, tu così intelligente e così inutile, non pensi che se al tuo fidanzato manca mezza spalla per un morso forse forse non ha soltanto l'influenza?
In "FearTWD" il solo pronto ad affrontare l'emergenza pare un ex torturatore salvadoregno, persino il riccastro finale puzza di fuffa, gli altri personaggi, compresa Madison, la sola ad essere dotata almeno nei primi episodi di un minimo di spessore, hanno l'intelligenza di un'oloturia quando non si meriterebbero, vedi l'insopportabile figlio di Travis, di finire sgranocchiati con allegria.
Quando si stava avviando verso il suicidio annunciato, nonostante una seconda stagione già preannunciata, Kirkman da bravo furbastro piazza l'unica puntata decente di tutta la serie.
L'ultima.
Dove finalmente vediamo un pochinino di ritmo, qualche zombie, e intuiamo forse una storia dietro a sto piattume. Non solo, il fetentone, come è nel suo stile, fa secco l'unico personaggio capace di suscitare un minimo di interesse e ci lascia lì, con un palmo di naso e qualche curiosità.
Bastardo.
Ma questa volta non credo mi fregherà più...perchè diciamo la verità, il rischio "fotocopia" con la serie madre è decisamente alto, e il tedio dietro l'angolo.
Quindi per quanto mi riguarda basta così, al massimo darò un'occhiata alla web serie (durata 16 minuti), visto che quando si parla di aerei la curiosità si accende irrimediabilmente.
C'è tanto altro da recuperare di meglio e poco tempo per farlo, è questa la verità, quindi il destino di Madison e company, un po' come quello di Rick e soci, mi limiterò a leggerlo da altre parti.






Commenti

  1. Hai avuto più fegato di me, io colto da una crisi acuta di "Sbadiglismo" ho mollato dopo il primo episodio ;-) Non mi perderò la serie madre però... Ormai sono affezionato alle "Scemeggiature" di Kirkman e soci ;-) Cheers!

    RispondiElimina
  2. ti dirò..l'ultimo episodio è discreto...ma non basta a convincermi a vedere un'altra stagione! vorra' dire che le vicende di Rick e soci le leggero' dalle tue parti

    RispondiElimina
  3. Ero convintissimo mettessero questa serie in coda a quella madre su Sky.
    Non che la cosa cambi di molto, visto che la guarderei online, però il fatto che ancora non si sappia nulla dell'edizione italiana inquieta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti è un po' strano...magari la trasmetteranno piu' avanti...boh..

      Elimina
  4. Veramente oh... ma su sky non la danno? In ogni caso avrei voluto vederla. Cioè, la voglio vedè! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no ancora non la danno, ma on line la trovi senza problemi!!!

      Elimina
  5. Patendo non poco la serie principale, visti i commenti alle prime puntate non ho avuto né la forza né il coraggio di avvicinarmi.
    E mi confermi che ho fatto bene :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma si...é evitabilissima senza dubbio!

      Elimina
  6. Ti dirò, a me non entusiasmava manco la serie originale, quindi credo che questo lo salto e tanti saluti, chi s'è visto s'è visto.

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…