Passa ai contenuti principali

CINQUECENTOTRASH - ULTIMI BAGLIORI D'ESTATE.


Nonostante l'autunno sia già arrivato, e cinematograficamente nonché televisivamente (ma sarà impossibile seguire tutto..) ci attendono cose abbastanza interessanti, nel blog è rimasto qualche fondo di magazzino estivo di cui vorrei parlare, tanto per riempire un po' i momenti morti. Cominciamo con due robette niente male, uscite dirette dirette dal nuovo ciclo "Notte Horror"  che, in mezzo a schifezze inenarrabili, ogni tanto propina pure qualche interessante pezzo di trash...


SHARK (3D)
 

Regia: Kimble Randall
Interpreti: Xavier Samuel, Sharni Vinson, Phoebe Tonkin e Julian McMahon

Trama: uno tsunami si abbatte improvvisamente sulle coste australiane, distruggendo tutto, compreso un supermercato dove stava avvenendo una rapina. I pochi sopravvissuti, presto si renderanno conto di essere davvero nei guai. L'acqua continua a salire, i cavi elettrici stanno per toccare l'acqua ed uno squalo di quattro metri si aggira affamato tra gli scaffali.
 Il primo capolavorone su cui volevo spendere qualche parolina è questo "Shark"(al cinema ci hanno aggiunto un posticcio quanto inutile - "3D), "filmone" australiano presentato qualche anno fa addirittura alla mostra del cinema di Venezia, ovviamente fuori concorso.
Dovete sapere che, quando si tratta di filmacci, una delle pellicole più apprezzate da queste parti è "Blu Profondo" di Renny Harlin, di cui, prima o poi parlerò. Intanto, se non lo conoscete, sappiate che "Blu Profondo" e' un caposaldo (non ridete..) del cinema "finto trash": laboratorio segreto in fondo al mare+squaloni geneticamente modificati+esplosioni...insomma, che volete di piu'? "Shark" purtroppo non raggiunge vette di cosí sublime tamarraggine. Peccato perché l'idea iniziale, la combinazione di sfiga suprema fatta di tsunami e mega squalo avrebbe potuto avere sviluppi interessanti. E invece si resta nell'ambito scemo del puro intrattenimento rigorosamente estivo, principalmente noiosetto con un paio si scene decisamente "scult". Attori per lo più inutili impegnati al minimo sindacale e meno espressivi degli squaloni.
Voto:5/10

  

FINAL DESTINATION 5
 
 
 
 
Regia: Steven Quale
Interpreti: Nicholas D'Agosto, Emma Bell, Miles Fisher, Tony Todd.

Trama:  un gruppo di dipendenti di una grande azienda,  si imbarca su un pullman diretto a un convegno di due giorni.  Mentre percorre lentamente il trafficatissimo ponte, Sam uno del gruppo, ha una visione a occhi aperti: il ponte sta per crollare e moriranno tutti. Si riscuote e quando capisce che qualcosa non va  approfittando di una breve sosta, scende frettolosamente dal pullman consigliando a tutti di fare altrettanto se non vogliono morire. C'è chi gli dà retta e chi lo segue per farlo ragionare: quelli che per qualunque motivo scendono dal pullman sono i soli a salvarsi dal crollo del ponte. Ma la morte non vuole che il suo disegno imperscrutabile venga alterato e si mette al lavoro.
i film della saga di "Final Destination" da queste parti sono assai apprezzati.
E l'ultimo era l'unico che mancava nella lista.
Fondamentalmente direi che cambia poco rispetto agli altri film. Una lunga serie di gente che, sopravvissuta all'incidente, assai scenografico, dell'inizio, muore male, anzi malissimo.
Però io a questo quinto capitolo non son riuscita a volergli male.
Perché come divertimento estivo il franchise funziona sempre...e per quel finale che io, forse perchè pure un po'
tonta inside, non mi aspettavo proprio...
Voto: 6/10



 
 
 



Commenti

  1. Il quinti Final Destination è una mattanza senza trama, che però a confronto di "Shark 3D" sembra quasi un film ;-) Cheers!

    RispondiElimina
  2. (mi sa che mi ha mangiato il commento)
    Li trovo due film complementari: Final Destination (e tutta la serie) non l'ho mai iniziato, mentre Shark 3D non sono mai risucito a finirlo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. due scemenze cosmiche (ma il primo FDestination ha un suo perchè) eppure in giro ho visto davvero molto peggio!

      Elimina
  3. Non mi sono dispiaciuti né in un caso né nell'altro. ;)

    RispondiElimina
  4. Shark 3D l'avevo già visto tempo fa prima che lo ri-mandassero su italia1..storia inverosimile ma ci sta, certo non è granché...Final Destination 5 finalmente sono riuscito a vederlo (era da tanto che aspettavo) li ho visti tutti e quest'ultimo mi è piaciuto, come tutta la saga ;)
    p.s. sul mio blog ho fatto anch'io la recensione di Final Destination 5 e non solo..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. FD e' un discreto divertimento a neuroni zero! benvenuto..anche se non ho ancora commentato son gia' passata da te!

      Elimina
  5. Troppo generosa!
    Per me due schifezzone clamorose. :)

    RispondiElimina
  6. Dai, qui ci si diverte a cervello spento, la cosa che amo di più in periodi intensi

    RispondiElimina
  7. Final Destination 5 mi era piaciuto, soprattutto per il twist finale. Squali... hm... ho già dato con Sharknado, per quest'anno basta così! XD

    RispondiElimina
  8. Tra parentesi in "Final Destination 5" torna anche l'icona Tony Todd che praticamente rimane l'unico membro del cast del capostipite ad essere presente nell'ultimo capitolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente....figura inquietante tra l'altro...

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…