Passa ai contenuti principali

THE GALLOWS - L'ESECUZIONE



Regia: Chris Lofing e Travis Cluff
Trama: 1993. In una scuola la rappresentazione teatrale di The Gallows si rivela un po' troppo realistica e l'attore principale muore impiccato tra la costernazione generale. Giorni nostri, stessa scuola. La classe di teatro decide di riproporre l'opera. Ma l'attore principale non è esattamente Robert De Niro...quindi per evitare una figuraccia, il suo migliore amico lo convince a penetrare nottetempo in teatro per distruggere la scenografia. Peccato che qualcuno,o qualcosa, abbia deciso di non farli uscire...

Scrivo di questo "The Gallows" il giorno della scomparsa di Wes Craven.
E penso che la nostra è stata una generazione fortunata perchè ha potuto morire di paura con estrema classe, godendo dell'operato di un genio, mentre agli adolescenti di oggi al massimo tocca Oren Peli o robaccia come "The Gallows", per tacere degli inutili remake di cui, visti gli incassi, evidentemente alle new generation importa meno di niente.
Quindi Wes, pure tu spesso responsabile di grosse cagate ma sempre sublimi, perdonali perchè sti deficienti non sanno quello che fanno, anzi forse lo sanno fin troppo bene e per questo fanno ancora piu' incavolare.
Di "The Gallows" avevano parlato male tutti quindi partivo con aspettative praticamente azzerate. Però un pregio debbo ammettere  ce l'ha, dura poco. Per il resto fa talmente schifo che non me la sento neppure di infierire troppo.
Vi risparmio il mio consueto pistolotto contro i mokumentary, ma in questo caso si dovrebbe più parlare di found footage perché mi si potrebbe obiettare il fatto di smettere semplicemente di vederli invece di sbofonchiare come una zia brontolona non appena la tortura è finita, la verità è che stavo cercando un film poco impegnativo in vista di una sessione intensiva di stiro.
Bene, in "The Gallows", per circa una quarantina di minuti, più o meno non succede nulla.
Sappiate soltanto che, mentre i quattro dementis, o meglio le loro scarpe, blateravano ad minchiam io non solo ho stirato, ma ho pure dato lo straccio al pavimento della cucina e commentato in giro.
Poi inizia a succedere qualcosa.
O meglio Lofing e Cluff (pare una marca di cereali del discount..)  il dinamico duo responsabile di cotanta boiata vuole farci credere stia succedendo qualcosa. Noi non vediamo nulla di più del "Bignami del perfetto found footage" . Telecamera sballonzolante; buio pesto, scarpe che corrono con colonna sonora di tonfi e urla. I due disgraziati si ricordano che dovrebbe esserci un fantasma, e quindi in penombra ogni tanto appare un tizio con cappuccio e cappio in mano. Immancabile poi la tizia frignante che prima di essere uccisa biascia qualcosa davanti alla telecamera (grazie Blair Witch Project ...).
E l'agonia, giuro ho fatto una fatica atroce a terminarlo, prosegue fino al finalONE.
Quel finalONE da parecchi classificato come sorprendente, ma a me è parso solo un grosso "WTF" scritto con i piedi, senza spoilerare direi che uno spettatore intelligentemente medio a fronte di un finale del genere si pone davvero parecchie domande su quanto possa essere veramente sensata una cosa come "The Gallows". Ma la cosa più fastidiosa è l'atteggiamento di Lofing e Cluff. Vedo di spiegare.
Nulla contro le cialtronate consapevoli, sono uno dei miei personali e vergognosissimi "guilty plesure", quello che mi indispone sono i sedicenti cineasti come questi due qui, convinti basti un telefonino, o una telecamerina, per trasformarsi nei nuovi maestri del cinema horror. E allora davvero meglio cento film dell'Asylum di porcate come "The Gallows".
Il problema è che loro, e Jason Blum responsabile con la sua  Blumhouse della nuova ondata horror qui ribattezzata "bubusettete 2.0", hanno ragione. " The Gallows" è stato un successo. 
Siete pronti per l'immancabile seguito??









Commenti

  1. Inguardabile. Per fortuna, l'ho giù scordato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. terribile..in effetti pure io mica lo ricordo più..

      Elimina
  2. Tra le mie visioni a breve, ho letto un pò zompettando qua e la per ora ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. giuro...non vedo l'ora di leggere cosa scriverai su stà schifezza...

      Elimina
  3. Che cosa brutta. E la sono pure andata a guardare al cinema

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma brutta proprio..da farsi rimborsare il biglietto...

      Elimina
  4. E dire che il trailer mi aveva vagamente inquietato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. forse il (poco) che c'é di buono lo han messo tutto proprio nel trailrt

      Elimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Io appena ho sentito la parola Found Footage ho deciso di fare a meno della visione di questa pellicola.

    RispondiElimina
  7. mi aveva parlato del trailer con toni entusiastici mio fratello. ma lui guarda la spazzatura, forse avrei dovuto immaginarlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tra questo e la Piramide non so quale dei due fa piú schifo sinceramente

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…