SICARIO


Regia: Denis Villeneuve
Interpreti: Emily Blunt, Benicio Del Toro, Josh Brolin.
 
Ricordatelo quando ti chiederai se stai agendo al limite...il limite è stato spostato..

Ci sono film che hanno il potere taumaturgico di appiccicartisi addosso.
Li guardi, li termini, esci dalla sala (perché certi film vanno visti al cinema, ricordatevelo sempre..) torni alla tua vita e loro si installano lí, nella tua memoria cinefila, e non se ne vanno più. Opere che probabilmente non raccontano nulla di originale ma lo fanno cosí bene da riconciliarti con quel cinema ultimamente fonte di ben poche soddiafazioni.
È il caso di "Sicario", ultimo film del canadese Denis Villeneuve, di cui a questo punto dovrò recuperare quanto meno "Prisoners".
Parte forte "Sicario", con una scena di grande respiro cinematografico. Un'irruzione che nasconde qualcosa di più. E tanto forte parte quanto presto Villeneuve ci fa capire dove ci porterà.
Nella moderna frontiera. Quel luogo in cui il confine tra bene/male, giusto/sbagliato è labilissimo e dove il fine, molto spesso, giustifica i mezzi.
E le belle, ruvide storie di frontiera sono costellate di personaggi indimenticabili.
In "Sicario" abbiamo Kate. Kate è un'agente dell'FBI. Giovane, divorziata, senza figli, con un collega un po' fratello, un po' angelo custode, "indossa una maglia a settimana ed ha le sopracciglia che sembrano due bruchi"...ma è una donna d'azione, totalmente devota alla causa. Ligia al protocollo è il garante perfetto per una missione interdipartimentale contro il cartello messicano della droga, dove ogni regola potrà essere trasgredita. Kate, sorella putativa della Maya di "Zero Dark Thirty", dovrà combattere i trafficanti messicani e contemporaneamente scontrarsi con il muro di gomma eretto da Matt, cinico team leader della missione, pronto a qualunque compromesso pur di mantenere un apparente ordine territoriale. Con loro Alejandro, uomo ombra pronto a combattere per il miglior offerente, ma animato da un obiettivo ben preciso. E alla fine della missione le granitiche certezze di Kate saranno destinate a sgretolarsi...
Villeneuve si colloca tra Michael Mann e Kathryn Bigelow eppure riesce a creare un'opera con una sua ben definita personalità.
E si rivela alla sottoscritta come un grande direttore d'orchestra aiutato, senza dubbio, da tre attori eccellenti. Emily Blunt, forse la vera sorpresa del film, ha la fisicità e la fragilità giusta per il personaggio. Josh Brolin è la carogna perfetta mentre Benicio del Toro è al solito, una certezza.  Alejandro è la versione invecchiata e disillusa dello Javier Rodríguez di "Traffic", un uomo provato e svotato di ogni sentimento, deciso a tutto pur di riavere, apparentemente, quello che gli è stato tolto.
In una piccola parte anche il Jon Berthal di "The walking dead" che, da quando ha lasciato la serie, grazie probabilmente a quella faccia che pare uscita da un western, ha lavorato con grandissimi registi (era anche ne "il lupo di Wall Street").
Solidità ed esecuzione magistrale quindi, fanno di "Sicario" uno di quei thriller potenti come da queste parti piacciono tanto e ci hanno regalato la prima vera grande sorpresa della stagione.
Ormai quasi non ci speravo più.
 
 
 
 

Commenti

  1. sottoscrivo in pieno: film che ho visto ieri sera e a cui continuo a pensare.
    Solo un altro film mi aveva sconvolto e affascinato in questo modo negli ultimi anni e guarda caso il film era Prisoners.
    Pazzesco entri al cinema pensando di vedere un film di genere e ti ritrovi a riflettere sulla condizione umana: in questo caso poi non c'e' mai redenzione, il limite / confine / l'intercapedine della prima scena, tutto ti riconduce a pensare ad un'umanita' malata, senza speranza e senza legge....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a me ha fatto ricordare NON E' UN PAESE PER VECCHI: anche lì non c'è speranza, né legge... c'è solo la nostalgia dei vecchi tempi, quando gli sceriffi bastavano a fare giustizia

      Elimina
  2. Film solidissimo, concordiamo in tutto, anche nel dover per forza vedere certi film in sala: Villeneuve ti piacerà anche nei suoi film precedenti, ha una personalità forte e molto fotografica che riconcilia ;)

    RispondiElimina
  3. Ho letto a balzelloni perchè voglio vederlo, ho una discreta scimmia, prometto di tornare a leggere tutto dopo la visione, ma sono contento che ti sia piaciuto ;-) Cheers!

    RispondiElimina
  4. Sono davvero curioso. Quest'anno sembrano esserci tante belle cose!

    RispondiElimina
  5. Le prime recensioni sono ottime, bene così: da Villeneuve mi aspetto sempre molto!

    RispondiElimina
  6. A me aveva convinto la prima volta che ho notato la combo magica Del Toro - Villeneuve. Fammi sapere se recuperi Prisoners, io lo avevo amato!

    RispondiElimina
  7. Mi ispira troppo! *____*
    E, chiaramente, non lo danno da nessuna parte nel raggio di sessanta o settanta km da casa mia... grrr, che rabbia!!! XD

    RispondiElimina
  8. ne ho letto poco, finalmente una bella recensione...
    l'ennesimo film che questa stagione mi fa venire voglissima di andare al cinema... e adesso vedrò di non perdermelo, complici i 3 euro delle visioni

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

PAURA EH??POLTERGEIST-DEATHGASM-SCHERZI DELLA NATURA-THE SHALLOWS

SANTA CLARITA DIET

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL