Passa ai contenuti principali

OMAGGIO A WES CRAVEN - SCREAM 3 E SCREAM 4

Il 31 agosto ci ha lasciati un grande maestro del cinema. L'uomo che ha regalato alla nostra generazione  tantissime notti insonni, e per questo lo ringrazieremo per sempre (ai ragazzi oggi tocca al massimo Ore Peli...), perchè "avere paura d'avanti ad uno schermo è il modo migliore per esorcizzare la paura" (cit....più o meno). In preda a sincera commozione, i soliti amici blogger, su iniziativa della cara Bolla, hanno deciso di rendergli doveroso omaggio. 
E per farlo in modo quanto meno sentito, ho scelto, un po' provocatoriamente per la verità, due dei suoi film più bistrattati a dimostrazione di come, quando c'è il genio, persino i film meno riusciti siano destinati ad essere ricordati...
SCREAM 3: E' oggettivamente indifendibile, me ne rendo conto.
Se il primo capitolo riscriveva le regole, il secondo le cambiava di nuovo, il terzo manda tutto letteralmente in vacca.
Craven il suo nuovo sceneggiatore Ehren Kruger (parente dello zio Freddy??) a pezzi quanto di buono costruito. "Scream 3" è un pastrocchio pop, mi si perdoni il francesismo, decisamente cazzaro, infarcito di vip in remunerata vacanza premio pronti a fare qualunque idiozia pur di apparire in quello che si pensava fosse l'ultimo capitolo della saga culto responsabile della rivoluzione del cinema horror....Ma....quando si parla di film, ammettiamolo, di oggettivo c'è poco o nulla. Quindi getto la maschera, non quella di Ghosface ovviamente, e confesso l'inconfessabile: a me "Scream 3" è piaciuto. Un sacco. Anzi, vi dirò di più, ad ogni passaggio su Sky, ogni anno responsabile di un omaggio al grande maestro in occasione del suo compleanno, purtroppo in questo 2015 si è trattato di solenne tributo,   io lo riguardo, sempre, e sempre lo riguarderò (cosa che, ammetto, non faccio con il secondo capitolo).Perché? Semplicemente perché mi diverte, e tanto.  Il giochino metacinematografico usato da Craven in maniera molto più cupa già per chiudere la saga di Nightmare qui diventa il giochino delle tre carte, con il falso film diventare vera realtà dentro il vero film...fino a quel finale appiccicato un pochino con il nastro adesivo, giusto giusto per farla finire in qualche modo. Insomma, probabilmente il maestro non ne aveva molta voglia, così ha buttato tutto in allegra caciara dimostrando di sapersi ancora divertire...Passeranno ben 11 anni prima che Craven (per soldi, per amore...sono in pochi a saperlo..) decida di rimettere mano al personaggio di Ghosface  e di dare vita a SCREAM 4.
Nonostante la saga ormai non avesse apparentemente più nulla da dire. E quando non si ha più nulla da dire cosa fa un grande uomo di cinema come era Craven?
Prende il primo capitolo della serie e lo adatta ad una nuova epoca.
Le generazioni cambiano, la percezione degli eventi è differente, come dice Linus "la tragedia di una generazione è lo scherzo di un'altra" i protagonisti invecchiano e le regole del gioco vengono per l'ennesima volta stravolte. Dieci anni dopo Sidney torna a Woodsboro per presentare il suo libro. Da tempo ha ripreso in mano la sua vita, ma il ritorno a casa non significa ritrovare solo i vecchi amici...e questa volta Ghostface ama filmare i suoi delitti...
"Scream 4" è una gigantesca autocitazione, qualcuno dice una autoscopiazzatura a dimostrazione di quanto detto prima sull'aver esaurito le idee, del primo capitolo, aggiornato all'era di youtube e dei social network.
Adesso l'horror fa meno paura, le nuove generazioni sono smaliziate ed avvezze ad ogni porcheria, la saga di "Stab" diventa un'occasione per fare festa...il metacinema diventa un gioco.
E' piaciuto a pochi "Scream 4". Forse lo hanno apprezzato maggiormente quelli cresciuti con la saga di quel pubblico giovane a cui era probabilmente destinato. Doveva essere l'inizio di una nuova trilogia ma non se ne fece nulla. In compenso è approdata in TV l'orrenda serie sfruttatrice del franchise, quella a quanto pare assai gradita a chi, all'uscita del primo "Scream" era appena nato vista una seconda stagione già confermata.
Per quanto mi riguarda questa sorta di "auto-remake" funziona.Sarà che i protagonisti "storici" rimangono senza dubbio più incisivi della banda di giovinastri piazzati lì per attirare il pubblico, sarà quella sua aria un pochino retrò ma ho trovato "Scream 4" un piacevolissimo intrattenimento, lontano dall'epocalità (ma si può dire epocalità??..boh...tanto è un sentito e cialtronissimo omaggio, niente di ufficiale...) di altre opere di Craven, comunque migliore di tanta robaccia che gira per le sale.
È stato il suo testamento ....
Che dire di più..se non, appunto, grazie di tutto Wes, sei riuscito a terrorizzare anche il bacarospo ( ma prima o poi riuscirò a fargli vedere "Scream" per intero...)...e scusa per questo omaggio un po' raffazzonato...

 

 
Il Bollalmanacco - Il serpente e l'arcobaleno   
Non c'è paragone - La casa nera   
Mari's Red Room - L'ultima casa a sinistra
Scrivenny - Scream 
Combinazione casuale - Nightmare - Dal profondo della notte
White Russian - Red Eye
Pensieri Cannibali - Nightmare - Nuovo incubo
In Central Perk - Nightmare - Dal profondo della notte
Il Zinefilo - Dovevi essere morta
Montecristo - L'ultima casa a sinistra
Director's Cult - La casa nera



 

 

Commenti

  1. Il terzo capitolo non mi è mai piaciuto, il quarto già un pò meglio, in ogni caso hai ragione, noi Wes, loro (porelli) Oren Peli. Si stava meglio quando si stava peggio... Nel senso che avevamo molta più paura noi grazie a Craven! ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il terzo è terribile ma io
      lo
      amo lo stesso...hai ragione avevamo piu' paura noi..

      Elimina
  2. Secondo i miei gusti il terzo capitolo è un po' il più debole dell'intera saga. Non che non mi sia piaciuto, ma è quello che mi è piaciuto (molto) di meno diciamo. Il quarto invece, contro ogni pronostico e a più di un decennio di distanza, merita assolutamente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi che in linea di massima concordo..:)

      Elimina
  3. Odio il terzo capitolo della saga con tutte le mie forze ma la colpa non è di Craven, è stato praticamente costretto a girarlo. Il quarto... ci credi che devo ancora vederlo? XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so' Craven non ne aveva voglia, e si vede, pero' io non riesco a voler male neanche al terzo capitolo. il quarto merita, recuperalo

      Elimina
  4. Io amo tutta la saga. E' vero, il terzo capitolo è pessimo ma ci si riprende con il quarto che a me non ha esaltato ma è veramente un caleidoscopio di citazioni/autocitazioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono d'accordo, pure io nell'insieme la saga la amo, tutta!

      Elimina
  5. Bruttino il terzo, mentre il quarto è uno dei più brillanti a mio parere.
    Grandissimo Wes.

    RispondiElimina
  6. La saga di Scream non mi è mai piaciuta, ma Wes si perdona sempre. :)

    RispondiElimina
  7. Ho recuperato la saga da pochissimo, e sono contenta di averlo fatto in un'età in cui (non del tutto ma almeno più di prima) ho potuto apprezzarla davvero. Eccezion fatta per il 3, che te lo dico a fare?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, il 3 è piuttosto indifendibile,lo ammetto...

      Elimina
  8. Per quanto mi riguarda il primo e il quarto Scream sono i migliori della saga mentre il tre è pessimo e il 2 carino.

    RispondiElimina
  9. Se ti è piaciuto persino il terzo, vuol dire che forse ami la saga di Scream più di me. :)

    La serie tv però non è affatto orrenda. La prima puntata non è eccezionale, ma poi migliora un sacco e gli ultimi due episodi sono una bomba. Anche Wes apprezzava.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. forse io son fuori target...dopo la quarta puntata ho mollato...

      Elimina
  10. Dopo gli incubi del primo capitolo, ho affrontato ad occhi per lo più chiusi il secondo, poi mi sono fermata. Certo, non sembrano essere all'altezza degli altri questi altri capitoli, ma no, quella maschera continua a farmi tanta, troppa paura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. gli altri due sono decisamente piú blandi...tieni forte la mano del
      giovane e buttati!

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…