Passa ai contenuti principali

FANTASTIC 4 - I FANTASTICI QUATTRO


Regia: Josh Trank
Interpreti: Miles Teller, Kate Mara, Jamie Bell, Michael B.Jordan.

Come ho già detto in passato, non sono una esperta di fumetti. Nel caso de "I fantastici 4" mi ricordo un cartone animato dove c'era "la donna invisibile"(che mi piaceva un sacco..) - "la cosa" - "l'uomo torcia" e "l'uomo elastico"...zero background, non mi chiedete il nome dei cattivi...Anni dopo è arrivato il film di Tom Story, quello con Jessica Alba, Chris Evans e "il tizio che muore come un cretino in San Andreas". In quell'occasione ho imparato i nomi de "la donna invisibile" (Sue Storm), "la cosa" (Ben Grimm), "l'uomo elastico" (Richard Reed) e "la torcia umana"(Johnny Storm)....ah, già...il cattivo si chiama Dottor Destino. Il film me lo ricordo moderatamente bruttino. Il primo. Il secondo non l'ho neppure preso in considerazione quando ho visto sul manifesto un tizio color argento che sfrecciava su una sorta di surf volante..Motivi per cui ho deciso di guardare questo "Fantastic 4" ?Sostanzialmente due. Da quando ho visto "The Avengers" e l'ho pure trovato divertentissimo (purtroppo non posso dire lo stesso di "Age of Ultron") mi sono incuriosita nei confronti dei supereroi; e poi volevo vedere, dopo lo splendido "Whiplash", come se la a sarebbe cavata il giovane Miles Teller in un blockbuster (o presunto tale...).
"Fantastic 4" è stato  spernacchiato praticamente in tutti i luoghi e in tutti i laghi, "Fantastic Flop" è forse l'epiteto più educato con cui è stato apostrofato.
Ma il diavolo è così brutto come lo si dipinge? A caldo, l'ho persino commentato da qualche parte, ho detto "si"; dopo aver metabolizzato il film dico "abbastanza".
La regia dei "Fantastici 4" è stata affidata a Josh Trank, responsabile del non apprezzatissimo, da queste parti (probabilmente sono ormai fuori target) "Chronicle" e comunque meritevole di aver fornito un punto di vista quanto meno insolito sui supereroi,  è stato vessato da traversie produttive da più parte ampiamente descritte che non starò a ripetere, anche perché rischio di non essere precisissima in merito.
Per farla breve, il risultato visto sullo schermo non è quello pensato originariamente da Trank, come il regista pare abbia velenosamente precisato su un twitter, bruciandosi così probabilmente la carriera (o dando il  via ad un luminosissimo futuro..chissà...il marketing a Hollywood può riservare grandissime sorprese...)
"Fantastic 4" parte anche benino.
Lasciando perdere le diatribe strettamente riservate ai fans più duri e puri, personalmente mi interessa poco che Johnny Storm qui sia nero quando in originale è biondo con gli occhi azzurri (particolare che a quanto pare invece ha fatto incavolare gli appassionati in tutti i continenti), l'idea di trasportare la nascita della prima squadra di supereroi in un contesto adolescenziale, età piena di "super problemi" in condizioni normali figuriamoci quando ti trovi coinvolto in un incidente intergalattico e ne esci trasformato, non era neppure malaccio.
Dopo una mezz'oretta in cui potevamo pensare di stare guardando qualcosa quanto meno piacevole cominciamo a notare gli scricchiolii che porteranno il film al disastro.
Ben Grimm è il migliore amico di Richard Reed dai tempi della scuola, così ci viene detto. Bene, di Ben Grimm ce ne scordiamo per un bel po' a favore del quartetto Richard-Sue-Johnny-Victor. 
Poi all'improvviso a qualcuno è venuto in mente che Ben Grimm sarebbe diventato "La cosa" quindi viene ripescato in fretta e furia prima dell'incidente e spedito dentro al frullatorone insieme agli altri 3.
Anche il personaggio di Victor, soffre di leggerissima approssimazione. Quello che è, cito fonti più esperte della sottoscritta, "uno dei migliori cattivi apparsi in un fumetto" qui fa la figura da nerd-complottista-paranoico (e pure un po' bimbominkia a dirla tutta...) pronto ad ucciderci tutti perché i governi del mondo son brutti, sporchi e cattivi.
"Fantastic 4" soffre pure di un incipiente prolasso verbale che può andare bene se sei "Gli Avengers" ma in altri casi, sommata ad una totale assenza di umorismo puo' risultare letale.
E infatti per 90 minuti, incidente a parte, succede ben poco. Se consideriamo che  il film ne dura 100 è facile capire come la resa dei conti sia, come dire, piuttosto frettolosa. Bim..bum..bam ...due lucine, un flash e il mondo è salvo.
E Teller come se la cava?  Teller, come del resto gli altri giovani protagonisti, fa il possibile in un film che non è forse, quello pensato inizialmente.
Sarebbe interessante vedere quale fossero le reali intezioni di Trank, il film che voleva fare e, a quanto pare, non gli hanno permesso di fare.
Ecco, "Fantastic 4" più di brutto è probabilmente un film sbagliato a cui hanno messo mano decisamente in troppi. Un pastrocchio annunciato destinato a scontentare, come puntualmente avvenuto, sia il pubblico degli appassionati sia quello dei profani.




Commenti

  1. Invece, da profano, sai che non l'ho trovato così brutto?
    In generale, trovo brutto il cinecomic, e questo - senza personaggi né troppo seriosi né troppo sopra le righe - per la prima ora scorre. Poi, soprattutto a causa di tagli alla sceneggiatura di cui leggevo in giro, è arrivato il mezzo disastro. E' gestito male, questo sì, ma il cast su cui - prima di vederlo - si sparava a zero se la cava benissimo e, con un po' di cura aggiunta, poteva diventare qualcosa di discreto.

    RispondiElimina
  2. Io lo vedrò ma già gli F4 li sopporto poco (nonostante siano i primi supereroi che ho letto) e poi i film fin'ora usciti mi hanno fatto schifo. Tu di certo non indori la pillola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. buttaci una occhiata...ma solo quando non avrai niente di meglio da fare...

      Elimina
  3. Sai come la penso, dalle mie parti l'ho già bastonato, questo film di fantastico ha solo il modo scientifico con cui tutte le persone coinvolte sono riuscite ad auto-distruggersi, una vera Caporeto ;-) Cheers!

    RispondiElimina
  4. Io da fumettaro odio i F4 :-P
    Credo sia come dici te, più che un film brutto è un film sbagliato. E penso che il risultato venuto da Trank si riassuma nella scena dell'incontro fra Ben e Reed dopo la trasformazione, qualcosa di davvero inquietante. Si fosse continuato s quella scia ne sarebbe venuto fuori se non altro qualcosa di decisamente curioso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. gia'..l'avessero lasciato fare forse qualcosina di insolito usciva...

      Elimina
  5. Concordo con te, più sbagliato che brutto, con una prima parte nettamente migliore della seconda.
    Occasione sprecata.

    RispondiElimina
  6. anche io mi accodo alla lista di quelli che sono d'accordo con te e con la tua recensione...
    il film andava visto, ma il finale mi ha quanto meno intristito... e poi l'assenza di Lee e delle scene Marvel post titoli di coda... quanto dolore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..... poi commento, ma veramente ci son rimasto male sia di Lee che delle scene post titoli di coda (anche perchè io son rimasto in sala fino alla fine :( )

      Elimina
    2. Un pasticcio...senza alcun dubbio...

      Elimina
  7. Ne ho sentito parlare ovunque malissimo e sinceramente mi è totalmente passata la voglia di vederlo.

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…