Passa ai contenuti principali

SHARKNADO- 3 OH HELL NO!!!




Regia: Anthony C. Ferrante (e chi se no??)
Interpreti: Ian Ziering, Tara Reid, Cassie Scerbo, David Hasselhoff


Ormai è un appuntamento fisso, anche se un pochino mi vergogno ad ammetterlo. Da tre anni a questa parte al ritorno dalle vacanze, puntuale come le tonnellate di biancheria da lavare, scatta la visione di "Sharknado". Quest'anno poi, con me c'era anche il bacarospo, marito ha visto cinque minuti del primo e tanto gli è bastato, ormai grande a sufficienza per vederselo, nonché con una spiccata passione per i film trash.
Nonostante li abbia visti tutti e tre confesso di non essere una grande fan della serie (e allora perché continuo imperterrita??mistero...) ma debbo ammettere, e credetemi mai avrei pensato di dire una cosa del genere, che il primo film una sua dignità ce l'ha.
Nel suo essere orrendamente trash infatti, il primo capitolo, che come tutti ho visto spinta dall'etichetta furbescamente affibbiatagli di "più brutto film del mondo", conserva un suo decoro, una sua anima cialtrona che, alla fine, finiva pure con il far sorridere.
E soprattutto in confronto a stà porcheria qui era grande cinema d'autore.
Se già il secondo capitolo dimostrava pecche notevoli, a dirla tutta lo ricordo pure poco, "Sharknado 3" raschia veramente il fondo del barile.
Difficile definire una roba come "Sharknado 3".
Pare come se Ferrante e compagnia cantante siccome avevano a disposizione qualche soldino in più , si sono detti "dai, vabbè, esageriamo". Quindi, oltre assumere ben due tecnici che soffiassero dentro una cannuccia per fabbricare i tornado e costruire gli squali con la plastilina anziché con il cartone hanno...esagerato....sinceramente non mi viene altro da dire.
Il problema che Ferrante e soci hanno buttato dentro al calderone le cose un pochino, lo dico??Lo dico...alla cazzo di cane. Probabilmente il successone ha dato alla testa ai ragazzoni dell'Asylum. Peccato però, perché quasi quasi li stavo rivalutando, da pezzenti a sublimi cialtroni...peccato proprio...comunque torniamo al filmazzo va...
E ci avevo quasi creduto sapete?Perchè i primi 10 minuti, con tanto di omaggio a 007 e squali alla conquista della Casa Bianca sono a dir poco strepitosi.

Ecco....
Trash all'ennesima potenza, ma ammetto di essermi quasi divertita.
Peccato che tutto si fermi lì.
Dopo diventa un'accozzaglia inutile e pure un pochino noiosetta.
Fino a che la battaglia finale si sposta nello spazio ed allora ci siamo convinti di stare assistendo davvero ad una roba bruttissima, persino il bacarospo scuoteva la testa sconsolato alla visione di tale monnezza.
Perché, almeno secondo me, il principale difetto di "Sharknado 3" è che la volponata non diverte più (se mai ha davvero divertito...). L'unico momento in cui ho sorriso è stato il dialogo con il sergente Roberta Warren, strizzatina d'occhio ad altri amici dell'Asylum.
Abbiamo uno Ian Zering che corre per tutto il film con una sega elettrica in mano, ne abbiamo di ogni forma compresa una laser, e la faccia  contrita..Con lui, come al solito, una Tara Reid dallo sguardo sempre più ebete anche lei totalmente coinvolta nel ruolo..ci credono talmente tanto i cagnacci in quello che fanno da suscitare persino un po' di tenerezza.
 Questo capitolo segna poi il ritorno della sexi Nova, anzi SPRNova (sic...) interpretata da Cassie Scerbo a cui, spinti forse dalle sue due grandi capacità espressive (risic...)gli sceneggiatori forniscono un personaggio quasi da film vero.
Il resto è un cumulo di vip-vippini e vipponi che fanno a gara per essere presenti, e sbranati da uno squalone.
Svetta su tutti David Hasselhoff ormai in piena "seconda giovinezza trash", nei panni del padre di Finn.
E' grazie a lui che assistiamo ad uno "Shark in the space" fino al finalone dove forse, per la prima volta cosa è la saga di "Sharknado". Un esperimento social (non posso credere di aver detto una scemenza del genere...) da commentarsi in tempo reale. E proprio i social decideranno il futuro di uno dei personaggi. Votando sul sito si potrà decidere se April, protagonista del parto più idiota della storia, morirà o tornerà nel prossimo "Sharknado 4"...si, perché signori miei, non è finita. Fino a quando ci sarà un commento ci saranno squali.....anche se per quanto mi riguarda termina qui...non so se ce la posso fare a sostenere un altro capitolo del genere. Scoprirò se April morirà o vivrà leggendo il blog di qualcuno più coraggioso di me.





 
 
 


Commenti

  1. Già sai come la penso ;-) L'inizio alla casa bianca è micidiale, anche solo per il più improbabile presidente degli Stati Uniti mai visto... Dopo Bush ovviamente ;-) Dai al messimo te lo dirò io che fine farò April ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si mi sa che lo verrò a leggere da te...

      Elimina
  2. Concordo. Inizio alla grande, parte centrale debole, finale che si riprende con Hassellhoff. Ma il gioco mostra il fianco, ormai.
    E chissà il prossimo anno. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Boh..nonostante l'inizio io mi son già stufata del giochino, mi sa che l'anno prossimo passero'!!!

      Elimina
  3. Il più improbabile presidente degli Stati Uniti è Obama... abbandonate il pensiero unico... se ne siete capaci.

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…