Passa ai contenuti principali

LA LINEA GIALLA - BOLOGNA 2 AGOSTO 1980

Regia: Francesco Conversano, Nene Grignaffini
Interpreti: Valentina Lodovini, Ivano Marescotti, Olga Durano, Roberto Messina, Rolando Ravello
Probabilmente si tratta del post scritto in maniera peggiore di tutto il blog. La colpa è dell'IPAD che, evidentemente debbo ancora imparare ad usare come si deve. Avrei potuto aspettare il ritorno, lo so, ma ho preferito parlarne appena visto, altrimenti rischiavo di perdere per strada le sensazioni post-visione.
Fine dell'inutile premessa..
A Bologna, o ci stai mezz'ora o ci stai tutta la vita..
Sono sempre stata convinta che "casa" sia dove ci sono le persone che ami e di essere una persona fondamentalmente adattabile. A Bologna...Bologna (qui da noi puntualizzare è importante..)ci sono nata ed ho trascorso una infanzia che ora, all'età ormai adulta ben avviata, posso definire "banalmente normale nonchè fondamentalmente felice", quindi io seppur da tanti anni trasferita per svariate ragioni al paesello, a "Bologna Bologna" voglio sempre tanto bene. Alle volte ci porto i bacarosps, alle volte ci scappo da sola, in Cineteca,ed approfitto anche per girare un pò senza meta, e la osservo...Spesso la paragono ad una vecchia signora elegante ed un pò decaduta che ha perso la sua innocenza per sempre, forse, quel 2 Agosto 1980.
Città strana Bologna...
Se Mozart fosse nato a Bologna avreste detto che non sapeva suonare...
I bolognesi sono proprio buffi, non sai mai se stanno scherzando o se sono incazzati...
Il 2 agosto 1980 avevo da poco compiuto 6 anni eppure qualcosa mi ricordo. Eravamo dalla signora Franca, la lattaia del nostro quartiere..eravamo io e la mamma, saremmo partiti il giorno dopo per il mare, il negozio di papà avrebbe chiuso quel pomeriggio, a comperare il latte. E' entrata L. Zia della mia amica M.:"avete sentito?e' scoppiata una caldaia alla stazione..(si, la primissima versione era quella)"....poi tutto si perde nelle nebbie dell'infanzia
E poi a Bologna ad agosto bisogna starle vicino...non si può mica lasciarla da sola
Cos'è "La linea gialla?" 
E' un viaggio tra la realtà e la favola.
E' la storia di Angela per Angela, la bambina svanita nel nulla.
E' un bel docufilm coraggioso e toccante.
E' il racconto di chi è rimasto dall'altra parte ma non può e soprattutto non vuole dimenticare.
E' il confine della nostra memoria.

Un bravo a tutti coloro che lo hanno reso possibile dimostrando davvero una grande sensibilità.
Ed un bravo speciale a Valentina Lodovini, che si è assunta un grosso rischio, e invece si dimostra per l'ennesima volta ottima ed intelligente interprete.
Da proiettare nelle scuole.


Valentina Lodovini

Commenti

  1. Non posso che essere d'accordo su tutto quello che hai scritto. Lodovini compresa... meravigliosa!

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…