Passa ai contenuti principali

FEAR THE WALKING DEAD - IL PILOT




 
Domenica 23, negli Stati Uniti, ha debuttato sulla rete AMC l'attesissima serie "Fear the walking dead", ancora prima di iniziare onorata dal premio "serie dal titolo più orrendo della tv".
La serie,  spin-off prequel di "The walking dead" è ambientata a Los Angeles, e racconta l'inizio dell'Apocalisse. Acquistata praticamente ovunque, da noi sarebbe dovuta andare in onda in contemporanea con gli Stati Uniti sul canale "Horror channel" ma il 1 luglio, giorno dopo l'annuncio della clamorosa esclusiva, il canale ha interrotto le trasmissioni sulla piattaforma di Sky, quindi al momento non si hanno notizie della messa in onda della serie e chi vorrà darci uno sguardo dovrà, come spesso accade, provvedere con altre modalità.  "Fear the walking dead" ha una prima stagione composta da 6 episodi, ed una seconda già confermata "a scatola chiusa" (grosso errore..) di altri 15. Il pilot della serie, va detto, ha ottenuto ascolti strepitosi, classificandosi come  il telefilm più visto della AMC, e critiche assai tiepidine...a ragione o a torto??Andiamo a scoprirlo.
Senza neppure confrontarlo con quella meravigliosa trashata di "Z-nation", ne uscirebbe con le ossa rotte, anche paragonandolo al pilot della serie "madre", la prima stagione è stata la sola che abbia avuto senso di esistere, il primo episodio di "Fear the walking dead" non fa proprio una gran figura.
I protagonisti sono Madison, consulente scolastico con qualche problema in famiglia (clichè N.1).
Il figlio più grande Nick è un drogato; sarà lui a vedere per primo uno zombie ed ovviamente non verrà creduto (cliché N.2). Se state già addormentandovi sappiate che c'è pure un'altra figlia Alicia, all'apparenza perfettissima (cliché N.3) fidanzata con un ragazzo di colore,  e già sappiamo destinato a fare una brutta fine,così simpatica da augurarle di essere sbranata dopo due minuti dalla sua prima apparizione. Madison ha anche un compagno, talmente anonimo da non ricordarmi neppure come si chiama, mi sembra Travis ma forse mi sbaglio, dotato di ex moglie e figlio con cui ha un pessimo rapporto (e siamo al cliché N.4). Il dinamico quartetto non brilla per acume, anzi pare difficile credere che quattro cretini di tale portata sopravvivranno  ad una apocalisse zombie....come dite??Coorrrlllvvv Grimes gira  indisturbato per i boschi da 5 anni e nessun zombie se lo è ancora sgraanocchiato???Ok, errore mio...
Una cosa di buono ammetto "Fear the walking dead" ce l'ha: l'ambientazione. Mollare i boschi e i campi di grano, di cui francamente ne abbiamo piene le scatole, a favore di una città complessa come Los Angeles potrebbe, e dico potrebbe, portare a buone cose, a patto però di accelerare un po' il ritmo.
Capisco trattasi di episodio introduttivo, ma il povero spettatore vede uno zombie all'inizio ed uno alla fine, per il resto i quattro deficienti per oltre un'ora parlano, parlano, parlano....e noi rischiamo di assopirci invocando la seconda stagione di "Z nation"!!!
Le premesse non sono ottime quindi, ed il rischio di trovarci di fronte ad una "soap opera" con gli zombie è elevato fin da subito. Ma le puntate sono solo sei.
Proseguiremo nella visione???Vedremo se, dopo la seconda puntata, qualche margine di miglioramento ci sarà, altrimenti non andremo certo oltre...



 





 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 

Commenti

  1. Concordo, i canaloni di cemento di LA sono sempre quelli di "Vivere e morire a LA" o di "Terminator" sono un bello stacco dopo tutti 'sti boschi, io lo commento domani ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Los Angeles é l'unico motivo per cui guarderó almeno la seconda puntata...

      Elimina
  2. Ho deciso di evitarlo, mi farò bastare la (oramai terribile) serie madre. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io la serie madre l'ho mollata dopo quattro stagioni, questa vedremo che fare dopo la seconda puntata...

      Elimina
  3. Hai proprio ragione. L'unica cosa che mi ha fatto risorgere dalla posizione da invertebrata che avevo assunto sulla poltrona è stata la vista dei canaloni di L.A.. Il resto è tutto un susseguirsi di cliché numerabili...
    Z Nation, ti aspettiamo a braccia aperte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vedo l'ora di vedere la seconda stagione di quella sublime idiozia di Z nation!!

      Elimina
  4. Non so ancora se proverò a guardarlo oppure no: onestamente ho mollato la serie originale dopo tre stagioni piene, in parte proprio perché, come dicevi giustamente tu, ne avevo un po' le scatole piene di boschi e campi di grano...
    L'ambientazione urbana mi attrae, così come pure il fatto che sia composta da soli sei episodi, però! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Los Angeles pare, come ho già scritto, la sola cosa interessante di tutta la serie. dopo il secondo episodio vedremo...

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…