Passa ai contenuti principali

TOWER BLOCK


Regia: James Nunn - Ronnie Thompson
Interpreti: Sheridan Smith, Russell Tovey, Jill Baker, Jack O'Connell

Trama: Periferia di Londra. Un giovane viene inseguito da due loschi figuri fin dentro ad un tower block, palazzone fatiscente prossimo alla demolizione. Qui viene picchiato selvaggiamente ed ucciso nell'indifferenza dei pochi abitanti rimasti. Solo una donna tenterà di intervenire ma dopo esser stata malmenata deciderà di non dire nulla alla polizia. Un mese dopo un misterioso cecchino comincia ad uccidere gli abitanti del palazzo uno ad uno. Chi è? Perchè lo fa? Tocchera' ai sopravvissuti scoprirlo cercando contemporaneamente di uscire vivi dal palazzo.La lotta per la sopravvivenza ha inizio...

Ci sono film dai budget faraonici, iperpubblicizzati e con cast altisonanti che  si rivelano sonore schifezze. Poi ci sono film "piccoli", distribuiti poco e male ma si rivelano piacevolissime sorprese.
Di questo "Tower Block" passato un paio di anni fa al " Torino Film Festival" e credo neppure distribuito nelle italiche lande (come al solito in caso contrario smentitemi pure...) avevo letto bene in giro per la rete. L'ho recuperato grazie a Sky che, insieme a inenarrabili porcate (si, ho visto "Pirahana 3dd" e no, non ne parlerò..) ogni tanto permette il recupero di cose assai interessanti.
Anche qui, come per "the terror live" partiamo da un soggetto non propriamente originale: un gruppo di persone tenute sotto assedio da sconosciuti dotati di cattivissime intenzioni (cfr.ovvero vogliono farli secchi tutti). Qualcosa che in passato in tanti han proposto spesso bene, a volte benissimo, un certo Carpenter vi dice qualcosa?...insomma....il rischio di cascare nella cavolata o, quanto meno, nel "già visto" era elevato.
 Invece Nunn e Thompson, registi della pellicola, ne escono davvero alla grandissima.
"Tower Block" infatti è un "assedio-movie" (lo vogliamo chiamare così?) di quelli notevoli. Ispirati un pochettino proprio da sua maestà Carpenter confezionano un film dal ritmo serratissimo.
Grazie anche ad una ambientazione per quanto mi riguarda spaventosissima, gli orrendi palazzoni immensi che troneggiano pure in alcune periferie nostrane e ben si prestano, bisogna ammetterlo, a film del genere "Tower Block" è un thriller tosto, grezzo (ma  in questo caso fidatevi, è un pregio) e senza troppi fronzoli.
C'è qualche ingenuità, il finale dopo un po' si intuisce, ma viene perdonata.
Molto bravi anche gli attori, su tutti la tostissima eroina per caso interpretata da Sheridan Smith. E no, non sempre i più buoni si salvano.
Insomma, buon prodotto di genere, che avrebbe meritato dalle nostre parti una distribuzione decisamente migliore...ma non dico nulla di nuovo...







Commenti

  1. A me è piaciuto, visto a qualche TFF tempo fa, Jack O'Connell qui sfoggia una discreta faccia da bastardo, un film bello teso, mica male. Concordo con il tuo commento ;-) Cheers!

    RispondiElimina
  2. volevo scrivere esattamente quello che ha scritto Bara, quindi a questo punto direi che non ce n'è più bisogno! :)

    RispondiElimina
  3. Mai sentito nominare, Devo segnarlo ;)

    RispondiElimina
  4. Niente male, e concordo: uno dei tanti titoli interessanti ignorati dalla nostra distribuzione.

    RispondiElimina
  5. Visto ed apprezzato. Riguardo ai distributori italici ed alla loro cecità...beh, stendiamo un velo pietoso.

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…