Passa ai contenuti principali

RECUPERI DI INIZIO ESTATE (COSI' ACCORCIAMO UN PO' LA LISTA...)

E' che scrivo poco ultimamente. Lavoro molto, per fortuna, poi ci sono un paio di progetti in ballo, uno non so nemmeno come andrà a finire ed i miei due bacarosps stanno concludendo l'anno, ed è tutto un sussegursi di "saggitorneifestegite" varie. Però di film ne guardo.Alcuni meritano una recensione più lunga, nel bene e nel male, altri come questi solo qualche parola.

Non sposate le mie figlie



Regia: Philippe de Chauveron
Interpreti: Christian ClavierChantal LaubyAry AbittanMedi SadounFrédéric Chau
Trama: Claude e Marie Verneuil sono una coppia borghese, cattolica e gollista. Genitori di quattro figlie, tre delle quali coniugate rispettivamente con un ebreo, un arabo e un asiatico, vivono nella loro bella proprietà in provincia e pregano dio di maritare la quarta con un cristiano. La loro preghiera viene esaudita. Euforici all'idea di celebrare finalmente un matrimonio cattolico, ignorano che Charles, il futuro marito della figlia minore, ha origini ivoriane. Alla delusione si aggiunge l'animosità del padre di Charles, ex militare intollerante e insofferente alla colonizzazione europea in Africa
 
"Indovina chi viene a cena" del nuovo millennio? Forse no. Certo che questi francesi ne sanno davvero una più del diavolo. Ultimamente pare sfornino commedie a getto continuo, e tutte decisamente gradevoli.
Senza scomodare infatti un capolavoro di tale portata posso dire che "Non sposate le mie figlie" rientra sicuramente tra queste.
"Non sposate le mie figlie" ci mette di fronte ai nostri pregiudizi, spesso nemmeno noi siamo capaci di ammetterli, ma lo fa in maniera così garbata e delicata che è impossibile non volergli bene.
Del tutto privo di volgarità, di questi tempi dote assai rara ed apprezzata, in certi momenti è davvero divertente.
Promosso a pieni voti.
7
 
A girl walks home alone at night

 
 


Regia: Ana Lily Amirpour
Interpreti: Sheila Vand, Arash Marandi

Da qualche tempo declamo in giro la mia voglia di leggerezza. E allora, perché un film come "A girl walks home alone at night"?Lo ammetto, principalmente per il titolo. Un po' come successo per il magnetico "Only lovers left alive" in italiano seppur corretto decisamente meno suggestivo "solo gli amanti sopravvivono" anche qui il titolo, assai intrigante, e non oso pensare come possa venire tradotto in caso di distribuzione italiana, mi ha presa per mano e condotta verso il film. Però questa volta la magia non è scattata.
"A girl walks home alone at night" rimane comunque un ottimo esordio, questo è incontestabile. Parliamo di una pellicola coraggiosa, formalmente curatissima, assai stilosa e con una colonna sonora di grande impatto.
Eppure, porca miseria, l'ho patito tantissimo. Sarà stato l'enorme ostacolo della lingua, si lo so che c'erano i sottotitoli ma è stato pesante lo stesso, sarà stata la grande lentezza che permea il tutto ma io dopo l'iniziale entusiasmo dei primi minuti mi sono annoiata parecchio.
Lo promuovo comunque perché gli esordi "forti" vanno sempre premiati.
7,5

Brick Mansion




Regia: Camille Delamarre
Interpreti:Paul Walker, David Bell, RZA

Se per quanto riguarda "A girl..." non ho messo la trama per non spoilerare troppo (a beneficio dei pochi che non lo hanno ancora visto) per "Brick Mansions"'non l'ho messa semplicemente perchè lo trovo inutile.
Remake di un film francese che non ho mai visto, prodotto da Luc Besson e rientrante nel bene amato sotto genere "tamarro movie".
Lo ammetto, l'ho recuperato esclusivamente per la presenza della buon'anima di Walker che, dopo la saga di "Fast and Furious" era ormai una garanzia quando si trattava di un certo tipo di film (e un po' ci mancherà si...). E anche qui Walker non delude nella parte del poliziotto che presto si accorge di come i cattivi non sian poi così cattivi...ma il marcio si trova da altre parti.
"Brick Mansion" non delude certo gli appassionati del genere.
Niente di nuovo o particolarmente folgorante, anzi tutto ampiamente giá visto, ma tra parkour, pallottole, mazzate e inseguimenti assai improbabili, la cattura del primo criminale da parte di Walker è da lasciarti a bocca aperta per l'idiozia, il film scorre che è una meraviglia, divertendo parecchio.
Ed al bacarospo è piaciuto assai.
Promuoviamo anche lui.
6


Commenti

  1. Che carino il francese, anche se troppo all'americana maniera, per i miei gusti.
    Gli altri due mi mancano. Il secondo voglio recuperarlo, il terzo pure no :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma guarda, il terzo fa il suo mestiere, ovvero quello di intrattenere, in modo assai piacevole!

      Elimina
  2. Concordo con te su A girl walks home alone at night, mentre Brick Mansion è inutile e basta già l'orginale mi era piaciuto il giusto, hai perfettamente ragione ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspetto comunque la regista di A girl..alla prossima prova!

      Elimina
  3. A Girl Walks Home ecc. devo ancora vederlo ma a pelle mi ispira davvero molto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma sai che son proprio curiosa di leggerti?

      Elimina
  4. non sposate le mie figlie l'ho visto anche io: gradevole, ma niente di più

    RispondiElimina
  5. un piacevole intrattenimento e nulla di piu'...

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…