Passa ai contenuti principali

EXAM

 

Regia: Stuart Hazeldine
Interpreti: Adar Black, Luke Mably, Jim Mistry, Nathalie Cox, Pollyanna McIntosh.
 
Prima di tutto un doveroso ringraziamento al "collega" Caden de "il buio in sala" per aver segnalato il film.
"Exam" è una pellicola di cui ignoravo l'esistenza (e sai la novità...) ma appartiene ad un genere assai apprezzato da queste parti, il cosiddetto "thriller da camera", ovvero un gruppo di persone messe in un ambiente circoscritto e sottoposte ad una forte tensione..
Qui abbiamo 8 candidati in lizza per un posto di lavoro. Sono i migliori, quelli rimasti dalle precedenti selezioni. Ora affronteranno l'ultima fase, un esame scritto. 80 minuti di tempo per risolvere un quesito. Ma in questo caso non dovranno cercare la risposta, bensì la domanda...il foglio davanti a loro infatti è bianco...
Come fare a recensire un film come "Exam" senza incappare in pericolosi spoiler?Proviamoci..
Stuart Hazeldine, anche sceneggiatore del film, parte da una idea niente male e soprattutto molto semplice. Un colloquio di lavoro, un esame appunto per accedere ad una posizione importante.
Ma presto scopriamo che dietro c'è altro, qualcosa di molto più grande che riguarda tutti (mamma mia che fatica girarci intorno...).
8 persone,  intelligenti preparate,  ma spesso trovare la domanda è veramente più difficile che cercare le risposte, e gli scheletri cominciano ad uscire dagli armadi.
"Mors tua vita mea"..e allora vaffanculo al gioco di squadra...o forse no.
Lo scopriamo in 80 minuti di che pasta siamo fatti.
 80 minuti belli tesi, riescono in una impresa apparentemente difficile ultimamente, ovvero quella di non farmi alzare dalla sedia.
Poi arriva il finale...
Probabilmente per i più smaliziati facilmente intuibile.
Sicuramente un tantinello frettoloso, considerato soprattutto la tensione accumulata fino ad ora e lasciata lì, pronta ad esplodere.
Eppure concordo con Caden...un gran bel finale capace di ribaltare tutte le nostre  prospettive iniziali.
Bravi tutti gli attori, la sola che ho riconosciuto è Pollyanna McIntosh, ovvero colei che ha popolato i miei incubi con "The woman".
Insomma, un film non nuovissimo, è del 2009, probabilmente molti di voi lo avranno già visto.
Se qualcuno non lo ha ancora fatto però ripescatelo, ne vale la pena.
 










Commenti

  1. Vedi con la blogroll come ti acchiappo al volo? ;)

    Ti ringrazio per l'addirittura doppia citazione.
    In realtà sono arrivato al film in ritardissimo anch'io, chissà quanti ci sarebbero da ringraziare prima...
    Ecco, grazie a te sono sempre più felice della mia scelta "redazionale", attuata sin dal primo giorno di blog, ossia fergermene degli spoiler (avvertendo comunque...).
    Altrimenti scrivere bloccati lo trovo innaturale e anche limitante e non giusto per chi scrive.
    Tutto sto pippone per dirti che sono perfettamente d'accordo sulla valutazione comunque.

    Ahah, a presto ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione. la prossima volta avviso e metto spoiler che scrivere così è stata una faticaccia!!!

      Elimina
  2. Grazie per la dritta, questo titolo mi mancava ;-) Cheers!

    RispondiElimina
  3. Visto tanti anni fa (cinque, sei?) e mi era molto piaciuto.
    Ricordo ancora la risposta al test, dimmi tu ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bello bello si...e la risposta non è così facile..

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…