Passa ai contenuti principali

THE TERROR LIVE

Non ho un buon rapporto con il cinema coreano, anzi, ammetto vergognosamente di non avercelo proprio un rapporto con il cinema coreano. Ho avuto un breve incontro con un cartone animato, se così lo possiamo definire, "Padak" al "Future Film Festival un paio di anni fa, che mi ha fatto passare la voglia di mangiare sushi per un paio di mesi, per il resto nulla, il vuoto assoluto.
Così, quando l'amico Obsidian , lui si vero esperto in materia, ha chiesto al gruppo dei blogger una recensione, a scelta di un horror coreano da pubblicare "a blog unificati" per concludere il suo splendido Speciale "Whispering Corridors" io avrei dovuto declinare cortesemente l'invito e leggere gli altri. Invece ho accettato.
La scelta è caduta su "The terror live" diretto da Kim Byung-woo.
Trama: Young-hwa Yoon era un tempo un anchorman di successo, ma ora è ridotto a semplice annunciatore radio. Quando, durante il suo programma, una telefonata annuncia l'imminente distruzione del Mapo Bridge, la cosa viene considerata uno scherzo; dieci minuti dopo, però, il ponte salta davvero in aria. Nella speranza di risollevare la sua carriera, Yoon chiede e ottiene una diretta esclusiva con il terrorista attentatore; questi rivela di essere stato uno dei costruttori del ponte, e chiede al governo, sotto la minaccia di ulteriori attentati, di scusarsi pubblicamente per i suoi colleghi morti durante i lavori. Il governo, tuttavia, rifiuta di accondiscendere alle richieste, e il terrorista colpisce di nuovo. Yoon, sempre più coinvolto, cerca a questo punto di mediare tra le due parti, ma presto dovrà accorgersi che la sua stessa vita è in pericolo...
Prima di tutto chiedo scusa all'amico Obsidian ma da brava neofita la mia non sarà quella recensione seria ed articolata che l'occasione avrebbe meritato.
"The terror live" più che horror, come mi era stato preannunciato, è un thriller. Byeong woo Kim, spero di non aver scritto una fregnaccia, sceneggiatore della pellicola, usa un punto di partenza non originalissimo  e crea un thriller con i contro fiocchi.
Senza farci praticamente  mai uscire dallo studio televisivo, quello che succede all'esterno lo scopriamo attraverso i brevissimi e scarni collegamenti con l'inviata sul ponte, "The terror live" ci inchioda lì, davanti allo schermo come presupponiamo siano inchiodati davanti alla televisione gli spettatori del TG, in attesa di sapere se il terrorista libererà degli ostaggi o se la polizia lo catturerà...o se il ponte verrà fatto esplodere. "The Terror live" parte abbastanza lentamente, non me ne vogliate ma all'inizio pensavo di trovarmi di fronte a qualcosa di ampiamente già visto, ma poco alla volta ti incastra, con personaggi non così scontati, i "buoni" hanno qualche macchia ed i "cattivi", forse, persino qualche ragione, colpi di scena abbastanza inaspettati e ti porta ad un finale che sorprende parecchio, sarò ingenuotta, ma non pensavo terminasse in quel modo, lo confesso...
Oltre la componente più strettamente "thriller""The terror live" affonda il coltello contro un ambiente, quello televisivo, a cui interessa sostanzialmente soltanto gli indici d'ascolto e della vita di qualche poveraccio non gli importa nulla.
Insomma,  "The terror live" non dirà niente di particolarmente nuovo ma lo dice dannatamente bene.
Consigliatissimo  a quei pochi probabilmente che ancora non lo hanno visto.
Gli altri partecipanti a questa interessante iniziativa sono: 

White Russian
Non c'è paragone
Mari's Red Room
Pensieri Cannibali
In Central Perk
Director's Cult
Il bollalmanacco
La fabbrica dei sogni
Delicatamente Perfido
Recensioni Ribelli

Commenti

  1. Non lo avevo mai nemmeno sentito nominare, complimenti a me. Detto questo, segno, prima o poi lo recupererò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh...io praticamente non ho mai sentito tutti gli altri film recensiti...quindi...

      Elimina
  2. Malgrado mi piacciano molto quei matti dei Coreani, devo dire che questo mi mancava, segno e vado per il recuperone! Cheers ;-)

    RispondiElimina
  3. I thriller asiatici sono fighissimi. Ti consiglio Breaking News di Johnnie To che non è coreano, ma ha tematiche simili sull'uso dei network! Intanto grazie per la dritta! ;)

    RispondiElimina
  4. Questo mi manca, e non ne avevo neanche mai sentito parlare: lo segno al volo.

    RispondiElimina
  5. Da recuperare anche questo, oggi a quanto pare avrò modo di incrementare la lista!!!

    RispondiElimina
  6. Grazie per avermi definito "esperto in materia" ma sono costretto ad ammettere di non esserlo poi così tanto. La prova è il fatto che "The Terror Live" non l'ho ancora visto nemmeno io, anche se lo avevo già adocchiato di recente. La trama, dici bene, non è originalissima, ma è il modo migliore per dimostrare di saper creare qualcosa di buono senza grossi contribuiti esterni. Ce lo aveva dimostrato Orson Welles col suo celebre sceneggiato radiofonico "La guerra dei mondi" e ce lo hanno confermato in tanti dopo di lui. Alcune erano porcherie e sono vaporizzate in niente, altre sono diventate stelle del firmamento.
    Grazie per aver partecipato al KHD!

    RispondiElimina
  7. Questo non l'ho mai nemmeno sentito...

    RispondiElimina
  8. Neofita pure io, e forse forse essendo questo un thriller, potrei anche recuperarlo senza problemi! Queste iniziative arricchiscono sempre (troppo) le mie già lunghe liste.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non parlarmi di liste va, la mia occupa gia' un paio di volumi...e comunque questo merita!

      Elimina
  9. Come te, pure io ne sapevo poco e niente. Ho iniziato talmente bene che non ho intenzione di fermare qui la conoscenza! Segno anche questo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah...quindi dici che una volta cominciato non si smette piu'?

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…