Passa ai contenuti principali

THE DIRECTOR - INSIDE THE HOUSE OF GUCCI



Regia: Christina Voros

Se dovessi segnare un momento in cui ho iniziato ad apprezzare i documentari direi quando ho visto, spinta dalle recensioni entusiaste lette in giro, il meraviglioso "Sugar Man".
Poi ne sono arrivati altri, alcuni parecchio interessanti, mi vengono in mente l'ottimo "The last impresario" ed i primi tre episodi de "Le Cattedrali della cultura" visti entrambi al "Biografilm festival" dello scorso anno.
Di questo "The Director"avevo letto qualcosa ed, ammetto, mi ero incuriosita. Ma in sala, ovviamente, c'è stato il tempo di dire "oh...è uscito..." e poi zap...sparito! Sono approdata alla visione come spesso accade, durante una sera di zapping selvaggio. Per puro caso sono capitata su "Sky Arte" proprio mentre stava iniziando. 
Non amo molto la moda, a parte forse una smodata passione per le borse, ma mi piacciono le cose belle. Ed  ho trovato spesso i vestiti e gli accessori di Gucci molto belli.Poi si sa, cinema e moda sono sempre stati legati da un filo nemmeno troppo sottile, quindi "The Director" mi sembrava assai interessante.
Prodotto da James Franco, pare che dopo essere stato ingaggiato da Gucci per alcuni spot pubblicitari sia rimasto a suo modo affascinato da Frida Giannini, per 13 anni direttore creativo della maison. Da qui l' idea di realizzare un documentario, 18 mesi di riprese, per raccontare attraverso proprio la figura del suo direttore creativo, ciò che si cela dietro una delle case di moda più importanti al mondo.
Christina Voros accompagna, senza mai essere invadente (la vogliamo chiamare sensibilità femminile?) Frida Giannini e ci racconta una realtà indubbiamente più complessa e meno effimera di quello che il  mondo della moda appare ad una occhiata superficiale. Il risultato è il ritratto       forse intenzionalmente più professionale che privato, pochi accenni al compagno soltanto una scritta prima dei titoli di coda ci informa della nascita nel 2013 della figlia, di una donna di talento, e non arrivi a quei livelli se il talento non l'hai pensate pure quello che volete. Una donna determinata, forte elegante che ha saputo condurre con estrema intelligenza un colosso come Gucci per ben 13 anni dandogli una impronta creativa assolutamente personale, senza stravolgere una tradizione antichissima.
Pur non avendo quindi la potenza  (e la colonna sonora) di "Sugar Man", "The Director" è comunque un buon documentario. Un bel ritratto di donna fatto da una donna con sincerità e lontano dai luoghi comuni.
Consigliato.

Commenti

  1. Ne guardo sempre troppo pochi di documentari (24H al giorno sono poche...), fai bene a consigliarlo. Cheers!

    RispondiElimina
  2. Gucci è una delle case di moda italiane finite malamente (a quanto pare l'operato della Giannini non soddisfa). Ma la Jackie 'O, oh, è pur sempre la Jackie 'O!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sulla Jakie son d'accordo.a me,poterseli permettere, i vestiti periodo Giannini piacevano un tot...

      Elimina
  3. Non amo la moda, e le borsette che porto sono quasi sempre dedite alla praticità. Come dire, sticazzi del fescion! XD
    Però mi hai incuriosita...^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma infatti questo piu' che per la moda è interessante come ritratto di lei...

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…