Passa ai contenuti principali

NON STOP


Regia: Jaume Collet - Serra
Interpreti: Liam Neeson, Julianne Moore, Anson Mount, Michelle Dockery

Trama: Bill Marks, un agente di sicurezza di un aereo, durante un volo da New York a Londra, si trova costretto ad affrontare un grosso imprevisto. Inizia a ricevere sul suo cellulare misteriosi sms in cui uno sconosciuto gli intima di chiedere al Governo di trasferire di 150 milioni di dollari  su di un conto corrente, altrimenti, ogni venti minuti un passeggero morirà...peccato che il conto corrente sia intestato proprio a Bill, che ovviamente, comincia ad essere sospettato di voler dirottare l'aereo.
 
 
Lo ammetto, non riesco a voler male a Liam Neeson.
Nonostante quell'immonda porcheria di "Taken" (ho smesso dopo il primo), ricordiamoci sempre che stiamo parlando dell'Oscar Schindler di "Schindler's List", quindi, nonostante la deriva action in una età in cui molti cominciano a fare parti da nonno, a me il buon Neeson fa simpatia.
Di questo "Non stop" avevo sentito parlare discretamente in giro.
L'altra sera lo hanno programmato su Sky e noi lo abbiamo recuperato.
L'aereo, si sa è un luogo molto utilizzato nel cinema. Il fatto di trovarsi a millemiglia sopra il cielo, in un luogo chiuso e fondamentalmente indifesi ha dato vita a molte pellicole di vario genere, dal catastrofico, al thriller passando per l'horror trash (qualcuno si ricorda una robaccia come "Snake on a Plane''?). Anche se spesso, disgraziatamente,  il disastro Germanwings è soltanto l'ultimo esempio,la realtà supera ogni più perversa fantasia.
Ma torniamo a "Non stop".
"Non stop" è un, come amiamo chiamarli da queste parti, "tamarro- movie" che non arriva a livelli di eccellenza di genere ma non sfocia nemmeno in una fantozziana cagata pazzesca.
Insomma, si fa guardare.
Collet-Serra usa bene quel poco che ha. La storia non è certamente tra le peggiori viste in giro. Gli sceneggiatori hanno azzardato persino un minimo di background nei personaggi. La tensione rimane abbastanza costante, il ritmo non cala e non è semplicissimo capire chi siano i responsabili del caos sull'aereo.
Neeson se la cava decisamente bene nei panni dell'eroe tormentato e, nonostante l'età, si dimostra pure in discreta forma fisica. Con lui Julianne Moore, brava pure quanto recita in cosucce del genere (che si sa, due figli costano...) e l'ex Peter Russo pronto a fare anche lui un po' di caos.
Certo, i momenti "WTF", specialmente durante il caotico finale, non mancano e la faccenda viene chiusa forse un po' troppo velocemente.
Ma nel complesso mi sento di salvare il film.
Visione perfetta se volete regalarvi una serata a neuroni zero. Cinema da pop-corn e coca-cola, per il realismo rivolgersi ovviamente altrove.
 
"Non si cambia il mondo con le parole Bill, a meno che non si scrivano con il sangue!"





Commenti

  1. Io Liam Neeson e Julianne Moore li adoro. Però è vero, ultimamente fanno robaccia - anche se a me il primo Taken aveva divertito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo è robaccetta, ma per una serata senza troppo impegno può andare.Il primo Taken è bruttino pero' pare sia meglio degli altri (che non ho visto pero'..)

      Elimina
  2. Film penoso. Ma Julianne Moore resta sempre bellissima !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dai che ho visto di peggio!:) Lei pero' davvero favolosa, anche qui!

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…