Passa ai contenuti principali

LA PIRAMIDE




Regia: Gregory Levasseur
Interpreti: Ashley Hinshaw, Denis O'Hare, James Buckeley, Christa Nicola

Trama: Cairo, agosto 2013. Un gruppo di archeologici americani scopre una nuova piramide sepolta nella sabbia del deserto, nonostante i gravi disordini scoppiati nella zona, una troupe arriva per filmare la grande scoperta: si tratta di una piramide piuttosto particolare, di soli tre lati anziché quattro. Il dottor Holland e la figlia Nora, a capo della spedizione, non vedono l'ora di potervi entrare. Lo stesso vale per la documentarista Sunni, accompagnata dal cameraman Fitzimmons, mentre Michael Zahir è l'esperto di robotica, con al seguito Shorty, un mini-robot su cingoli dotato di telecamera, in prestito dalla NASA. I piani per il documentario e l'esplorazione della piramide vengono travolti dall'ordine che giunge dai Beni Culturali: causa l'aggravarsi dei disordini bisogna sbaraccare tutto. Nora convince il papà a mandare dentro almeno Shorty per una breve ricognizione. Solo che Shorty dopo un po' perde il contatto e allora, nonostante un militare egiziano pressi gli americani perché vadano a prendere l'aereo, il gruppo si inoltra nella piramide per recuperare il robottino, oggetto assai costoso. Ben presto però si perdono nei meandri della piramide e scoprono di non essere soli...

Ci sono i film brutti, e film che, quanto meno partono da una idea intrigante.
Lo ammetto, ci sono cascata come l'ultima delle pivelle.
La voglia di vedere qualcosa di assolutamente disimpegnato, unita al fascino che suscita in me la civiltà egizia mi hanno incuriosita.
E all'inizio pareva neanche così male. Nulla di miracoloso, ma qualcosina di guardabile.
Persino l'essere un mockumentary non pesava troppo, evidentemente la telecamerina di Fitzi era un modello più recente  quindi il fastidioso ballonzolamento era più attenuato.
Per un po' andava tutto ben(ino).
Ero pronta ad assistere alla consueta mattanza dei quattro (o erano cinque non mi ricordo più) imbecilli di turno, questa volta persi dentro la piramide, a cuor leggero, consapevolmente  e senza fare troppi voli intellettuali.
Poi sono arrivati loro...
I gatti...carnivori...e qui si comincia ad intuire qualcosa...ma io, stoica come non mai, mi sono detta, "evvabbè" e sono andata avanti.
Dopo i gatti..ribadisco, carnivori realizzati in perfetto stile Asylium, ecco apparire Anubi. Anubi, secondo l'iconografia egizia (correggettemi se sbaglio) è raffigurato come un essere mezzo uomo e mezzo sciacallo.Quindi potete tranquillamente immaginare lo sconforto, con attacco di risata isterica, quando è comparso un tizio con una testa di cane, realizzata con colla e plastilina probabilmente dal figlio seienne di qualche componente del cast assunto per l'occasione come tecnico degli effetti speciali. 
Una roba che, al confronto, la mummia di Boris Karloff era l'ultima frontiera nel campo del make up. Il poveraccio poi, non oso immaginare neppure il caldo sotto quel testone, passa tutto il tempo facendo "argh argh" dietro ai restanti imbecilli fino a quando non li piglia e li massacra o almeno credo considerando che non si vede una mazza. Fino al finalone con colpo di scena
Insomma, se spesso i francesi, quando si tratta di horror, hanno riservato piacevoli sorprese, questa volta hanno mancato completamente il bersaglio.
"La piramide" è una poracciata degna del peggior Asylium nei cui confronti non mi sento di infierire più di tanto, è un po' come sparare sulla Croce Rossa.
 Perchè su questa selva informe di mockumentary, salvo rare eccezioni ormai non ci son più parole da sprecare. Non fanno paura, non fanno schifo, fanno abbastanza pena.
Peccato però perchè questa volta avrebbe potuto funzionare.

c'è nessuno????


Commenti

  1. Anche secondo me "peccato". L'idea di base non era male, ma l'ho trovata meglio sviluppata in Necropolis, che con quell'intrugio di La divina commedia e mitologia mi aveva molto affascinato, pur essendo tutt'altro che perfetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Necropolis l'ho mancato..ma mi sa che aspettero' direttamente il passaggio su Sky!

      Elimina
  2. No no no questo genere di robaccia non mi frega più! (disse quella che ha guardato Mercy...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io Mercy lo salterò proprio (disse quella che guardò Smiley..)

      Elimina
  3. Mi avevi troppo tentato su Twitter, ne parlo oggi!

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…