Passa ai contenuti principali

LA PALLA ALLA BOLLA - GOAL OF THE DEAD







Regia: Benjamin Rocher - Thierry Poiraud
Interpreti: Xavier Laurent, Alban Lenoir, Jenny Arasse, Fabrice Colson

Trama: Sam Lorit, promessa non del tutto mantenuta in forza all'Olympique Paris, non ha lasciato un bel ricordo di se a Caplounge, piccolo paese di provincia dove è cresciuto e dove si è fatto conoscere nel grande calcio. Dopo 17 anni il club della capitale è atteso per una semifinale di coppa là dove la sua carriera ha avuto inizio: soppiantato ormai da giovani stelle rampanti, Sam spera almeno di riappacificarsi con i suoi vecchi tifosi, ma gli abitanti di Caplounge lo detestano. Soprattutto il padre del suo migliore amico d'infanzia, dottore cittadino, che per l'occasione ha ordinato un potente doping per caricare il figlio - capitano del Caplounge - ed avere vendetta.Gli steroidi sono però un pochino "particolari" e trasformano il ragazzo in una belva assetata di sangue che contagia in poco tempo tutti gli abitanti, radunatisi allo stadio per l'occasione. Per i pochi sfuggiti all'infezione sarà dura salvarsi...

Oggi qui a "500filminsieme" abbiamo un graditissimo ospite. Ve lo ricordate "Afterschock" vero? Bene, in attesa di vedere, prima o poi, l'ormai leggendario "inferno verde" di Roth è tornata la cara Erica de "Il bollalmanacco" per parlarci di "Goal of the dead".
Quindi come direbbero i migliori telecronisti sportivi...passo la palla alla Bolla....ovviamente la mia recensione la trovate nel suo blog.






"Chi mi conosce sa che io detesto il calcio. O meglio, come sport non mi farebbe né caldo né freddo se non fosse per tutto il giro di imbecilli, zoccole e soldi facili che lo hanno insozzato al punto tale da renderlo l'ennesimo, squallido esempio della decadenza della nostra Nazione; se a questo aggiungete anche il fatto che in quasi tutte le partite mediamente "importanti" tra i tifosi ci scappano morti, feriti o figure da cioccolatai, capirete quante volte mi sono augurata che lo stadio esplodesse cancellando dalla faccia della terra tutti i calciatori e buona parte delle tifoserie. Thierry Poiraud e Benjamin Rocher hanno esaudito, almeno nella finzione, i miei sogni, come già avevano fatto con i reality i realizzatori di Dead Set e decidono di fare piazza pulita della deficienza umana scatenando un'epidemia zombie nel bel mezzo di una partita di pallone, mescolando simpatia, satira ed orrore. La simpatia perché Goal of the Dead non fa paura neanche per sbaglio ed è fondamentalmente una commedia horror particolarmente gustosa e piena di momenti epici, con una sequela di gag che non si interrompono neppure durante i titoli di coda e una sfilza di personaggi uno più scemo dell'altro; la scemenza di questi ultimi richiama ovviamente la satira di costume, con la "stellina" della squadra (di colore, ci mancherebbe altro!) che viene coccolato e strapagato nonostante sia un idiota incapace e strafottente, il procuratore senza scrupoli, il vecchio calciatore ormai fallito che ha sfruttato il suo nome per farsi tutte le donne del creato, gli ultras di provincia che non farebbero paura nemmeno ad un bambino e, ovviamente, le groupies che aspettano solo di venire copulate dal primo calciatore di passaggio; l'orrore arriva infine con gli zombie e con una bella dose di gore e schifoserie assortite, visto che i morti viventi sono veloci, sanguinari e svomitazzano sulle povere vittime neanche fossero degli emuli di Linda Blair.

Se tutto quello che ho scritto sopra vi sa di già visto non avete torto, però Goal of the Dead funziona alla grande e diverte lo spettatore e forse buona parte della sua efficacia la si può trovare nella divisione in due parti, intervallate da un flashback che lì per lì parrebbe campato in aria ma che in realtà spiega un paio di cosette (nulla di indispensabile ma perlomeno c'è un minimo di approfondimento, per quanto ironico visto che il protagonista è un povero cretino); la prima parte, infatti, è interamente dedicata a presentare i personaggi e a descrivere le squallide vite degli abitanti di Caplongue, mentre nella seconda esplode la macellata che è diretta conseguenza delle premesse di cui sopra, come se i protagonisti gettassero finalmente le maschere di persone normali e si rivelassero per i mostri decerebrati che sono in realtà. Lo sparuto gruppetto di sopravvissuti si difende secondo i canoni di questo genere di horror ma in più i due francesini aggiungono l'ulteriore presa in giro di un pallone utilizzato a mo' di esca e di sfottò usati per far infuriare ancor più i mostri e in questo Poiraud e Rocher, nonostante il loro animo goliardico e sanguinario, dimostrano di aver compreso la lezione Romeriana: gli zombie siamo noi, basta che ci diano quello che vogliamo e diventiamo apatici, decerebrati e felici. Poi, certo, io per distinguermi "dalla massa" sto cercando dei significati in quello che alla fine è un gigantesco divertissement, quindi mi limito a dirvi ancora che, nonostante le sue oltre due ore di durata, Goal of the Dead non cala di ritmo nemmeno per un istante ed è veloce ed accattivante come un pallone tirato dritto in rete da Oliver Hutton. Fatelo vedere a chi la domenica non si scolla dal divano per paura di perdersi una partita, si faranno le grasse risate!"

 

Commenti

  1. secondo me il tifoso di cslcio medio e lo zombi hanno molte analogie...e mi sento così dopo i due schiaffoni di ieri sera...

    RispondiElimina
  2. E' stata la prima volta che mi sono divertita a guardare una partita di calcio, sorella! :D

    RispondiElimina
  3. La prima parte era un pò noiosetta secondo me,ho apprezzato molto di + il secondo tempo quando arriva il sangue a secchiate XD Il calcio come me lo metti me lo metti non lo sopporto!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Film che, nonostante la lunghezza, tiene bene il ritmo.E sfotte ancora meglio il
      calcio, che, per inciso, a me piace

      Elimina
  4. Mi ero stufato dei vari "...of the dead" e poi odio il calcio. Per assurdo questo accoppiamento funziona, il film non è male. Grazie per avermi ricordato Aftershock, dovrei recuperarlo... ottimo commento comunque sono molto d'accordo ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AFtershock lascialo dove è...fidati!!!

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…