SELMA - LA STRADA PER LA LIBERTÀ


Regia: Ava DuVernay
Interpreti: David Oyelowo, Tom Wilkinson, Carmen Ejongo, Tessa Thompson.
Nominations: 2
Probabilità di vittoria come miglior film: praticamente nessuna, ed è un vero peccato
Probabilità di vittoria per la miglior canzone originale: non conosco gli altri candidati ma "Glory" è bella e francamente, se vincesse, non ci sarebbe nulla di scandaloso.

Ci sono film sfortunati o, più precisamente, vittime di coincidenze sfortunate. "Selma"è  uno di questi. 
Candidato all'Oscar come miglior film, si scontra con colossi quale "Boyhood" vincitore annunciato, lo vedrò probabilmente dopo il 22 febbraio, e "Birdman", per tacere di "Whiplash" per quanto mi riguarda il migliore ma almeno (speriamo) in quel caso Simmons si porterà a casa l'Oscar, e prevedibilmente, ne uscirà con le ossa rotte.
Ed  è un vero peccato. 
Il film diretto a Ava DuVernay, a cui una candidatura come miglior regia non sarebbe stata malaccio, racconta la marcia guidata dal reverendo King ed altri esponenti religiosi, da Selma a Montogomery , capitale dell'Alabama, per rivendicare il diritto di voto tramite la registrazione nelle liste elettorali da cui i neri erano di fatto esclusi negli Stati razzisti del sud è davvero bello.
Ava DuVernay non si limita soltanto ad uno sterile racconto dei fatti, ma entra direttamente nella vita degli uomini, e delle donne, protagonisti di importantissimo momento storico, e del loro leader Martin Luter King. L'uomo che vediamo sullo schermo non è nè un Santo nè un eroe. E' per l'appunto, un uomo dotato di dubbi, incertezze, paure e debolezze, tradisce la moglie, come  uno qualunque, a volte persino quasi stanco di combatter. King soffre, come soffrono coloro che hanno deciso di seguirlo in questa lunga ed importantissima battaglia, emblematica e straziante a questo proposito la scena alla camera mortuaria. Quella offerta da David Oyelowo è una interpretazione misurata eppure intensissima e lui candidato tra i migliori attori non sarebbe stato maluccio, ma le scelte dell'Academy spesso sono discutibili,
Il rischio della retorica c'era tutto, inutile negarlo.
Invece "Selma " è un film ottimamente "old style". 
Girato molto bene, bellissimo finale con le vere immagini della marcia mischiate a quelle del film, necessario, impossibile non indignarsi di fronte a quanto raccontato, solido e potente.
Avrebbe forse meritato di più.
Piccola considerazione personale. L'ho visto sabato 14 febbraio in una multisala cannibalizzata...si, dalle sfumature di Grey. 9 sale, le due uniche libere programmavano, per l'appunto, "Selma" e "Taken 3". Io e il marito pensavamo di assistere ad una proiezione privata, io lui e pochi altri, invece...sorpresa sorpresa, la sala, neppure piccola, era strapiena....allora qualche speranza (forse) cinematografica per il genere umano c'è ancora dai...

What happens when a man stands up...says enough is enough?





Commenti

  1. come ben sai la pensiamo praticamente in maniera identica, su questo film. E anche su "Glory". :)

    RispondiElimina
  2. Lo guarderò. Ti confesso che il genere non mi piace - hai presente quei romanzi che, in occasione del giorno della memoria, scritti a tavolino, escono tutti in blocco? ecco, questi film sui diritti civili degli Oscar li vedo costruiti allo stesso modo - ma sono pronto a stupirmi ;) Boyhood resterà sicuramente il mio preferito. Birdman anche no, ahahaha!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Boyhood lo guarderò dopo gli Oscar (non sono riuscita prima). Pensa che a me "Selma" nonostante quell'essere old style ha emozionato molto di più di Birdman in tutta la sua grandiosità!

      Elimina
  3. Questa è già la seconda recensione positiva, che sovverte almeno in parte le basse aspettative che nutrivo.
    Speriamo bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Niente di miracoloso ma un buonissimo prodotto, solido e ben costruito.

      Elimina
  4. Promozione anche da queste parti, sono più fiducioso sul fatto che possa piacermi. :)

    RispondiElimina
  5. Io non l'ho trovato niente di che come infatti ho scritto sul mio post in cui ne parlo.
    Probabilmente mi fa questo effetto proprio perchè paragonato soprattutto a "Birdman" è completamente nullo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono due cose completamente differenti e forse tu, sei molto giovane, apprezzi sicuramente qualcosa di più innovativo come Birdman

      Elimina
  6. 'Glory' è la favorita numero uno per l'oscar... anche se a me piace più 'Lost stars', ascoltata in 'Tutto può cambiare'. Sono un romanticone ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lost stars non la conosco..dovrò colmare la lacuna!

      Elimina
  7. visto ieri sera e in linea di massima condivido la tua opinione, compreso il fatto che non vincerà l'Oscar come miglior film...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No.. non é l'anno giusto decisamente...

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

SANTA CLARITA DIET

PAURA EH??POLTERGEIST-DEATHGASM-SCHERZI DELLA NATURA-THE SHALLOWS

RING 3