Passa ai contenuti principali

BIG HERO 6

Un film di: Don Hall -Chris Williams
Con le voci di: Ryan Potter (Arturo Valli), Scott Adsit (Flavio Insinna)
Nomination: 1
Probabilità di portarsi a casa l'Oscar come miglior film d'animazione: buona
Quando parlavo di personale strada verso gli Oscar non potevo certo escludere la categoria miglior film d'animazione.
E' notorio il mio disappunto al Globe vinto per la categoria da quella cosetta lieve lieve di "Dragon Trainer 2" anzichè da "The Lego Movie". Disappunto durato poco visto che, mi sono detta, sicuramente "The Lego Movie" trionferà alla notte degli Oscar....infatti, manco nominato....vabbè, si sa che "qualche volta" l'Academy non ci azzecca del tutto....
Alla ricerca quindi di qualcuno per cui tifare alla notte degli Oscar, e purtroppo prive di "Frozen" (fosse per la bacarospetta vincerebbe lui tutti gli anni, valle a spiegare che non è  possibile candidare sempre lo stesso film...) siamo finalmente andate a vedere "Big Hero 6".Sinceramente non sapevo cosa aspettarmi. Avvezza a, seppur toste, da Rapunzel a Anna ed Elsa passando per Merida, principesse nonchè a cuochi un po' strampalati, Remi di Ratatouille, cito i cartoni preferiti dalla bacarospetta ovviamente, non avevo idea di cosa potesse offrirci. Non conoscevo la storia, nulla di nulla...quest'anno mi sono avvicinata agli Oscar pervasa della più totale ignoranza.
Ma la strategia evidentemente funziona, considerato che, spaziando tra diversi generi, ho visto cose fino ad ora davvero notevoli, alcune le ho amate di più, altre di meno, ma si tratta comunque sempre di pellicole di grandissima qualità.
Non fa eccezione questo ultimo, adorabile lavoro targato Disney. Se "Frozen" punta principalmente alle bambine, alla quinta canzone il bacarospo era in agonia tanto quanto la sorella era incantata, "Big Hero 6" è senza dubbio rivolto ad un pubblico più ampio.
Tra romanzo di formazione ed avventura Marvel, sorta di "The Avengers" per i bambini che piace anche ai grandi, "Big Hero 6" centra in pieno l'obiettivo primario di un cartone animato. 
Il livello tecnico, al solito, è altissimo, ma sappiamo bene di chi stiamo parlando. Quando si tratta di un cartone animato Disney persino il doppiaggio funziona.
Al di là di questo però All e Williams ci regalano una storia bellissima fatta di grandi emozioni e momenti di puro divertimento.
Incastrandoci dentro personaggi meravigliosi. Hiro e soci, nerd simpaticissimi sono gli amici che tutti quanti vorremmo avere, eroi perfetti versione 2.0  dotati di umanità e strabordante simpatia.
E vogliamo parlare di Baymax?
Baymax è Holaf al quadrato, anzi, vista la stazza, potremmo dire al cubo.
Un misto tra assistente medico, scopo per cui è originariamente creato ed un marshmallow gigante, l'evoluzione della specie iconica disneyana. Chi non si porterebbe a casa un baymax se potesse??
Insomma, l'ennesimo piccolo grande capolavoro, e bissare il successo di "Frozen" non era certo facile.
Sarà difficile che la Disney vinca per due anni di seguito, ma per a casa nostra sappiamo già per chi fare il tifo...



Smettila di frignare, fai la donna...




Commenti

  1. Non mi ha fatto impazzire, ma io sono molto vecchio stile, quando si parla di cartoni. Il fatto che questo fosse Marvel già non mi convinceva in partenza, anche se è carino, tutto sommato. Per me, molto meglio Frozen, anche se Baymax è carinissimo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che io invece mi aspettavo molto ma molto peggio proprio x aver adorato Frozen?invece pur essendo una cosa completamente differente l'ho trovato adorabile

      Elimina
  2. In realtà è proprio un film della Marvel, la prima vera collaborazione totale fra la Disney e la casa delle idee :)
    A me non è dispiaciuto, però mi è sembrato abbastanza confusionario negli intenti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo sapevo...questo dimostra la mia grande ignoranza in tema di supereroi e affini!certo, a tratti si fa un po fatica a capire dove va a parare ma nel complesso é un difetto che non nuoce al film, anzi...

      Elimina
  3. Io ovviamente tifo per Miyazaki ma Big Hero Six l'ho trovato davvero adorabile!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io di Miyazaki ammetto vergognosamente non aver visto nulla, ho sempre pensato fosse tristissimo, ma dovrò presto cominciare a colmare questa incredibile lacuna

      Elimina
  4. Molto, molto carino davvero.
    Personalmente io tiferò Ghibli e Dragon trainer, ma anche questo va più che bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so, a me il secondo Dragon Trainer ha colpito proprio pochino

      Elimina
  5. Promosso alla grande anche da me. Ci sono un paio di finali di troppo, ma la Disney ha saputo reinventarsi con supereroi e mondo fumettoso garantendo divertimento e un Baymax da desiderare :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi che siamo d'accordo su tutto, anche su Baymax..:-)

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…