Passa ai contenuti principali

REC 4 APOCALIPSIS





Regia: Jaume Balaguerò
Interpreti: Manuela Velasco, Javier Botet, Paco Manzanedo

Trama: Angela Vidal è sopravvissuta ai terribili eventi di Madrid. Viene trasportata in un luogo remoto per stare in quarantena, in isolamento per numerosi giorni,  una vecchia petroliera ancorata in mezzo al mare, lontana dalla costa e circondata dalle acque.Ma presto l'infezione esploderà di nuovo... 

Ci hanno segnalato un altro caso a Barcellona. 
Fammi indovinare...un matrimonio?

Sono una grande, grandissima fan della saga di "Rec".
Nel 2007, o giù di lì (la mia precisione non si smentisce mai..), Balaguerò e Plaza hanno diretto l'unico vero mockumentary che abbia ragione di esistere. Un capolavoro del genere che  ha fatto letteralmente morire di paura mezzo mondo, la maledetta bambina bionda ha popolato  i miei incubi per giorni e che ha ottenuto un successo strepitoso. Inevitabile il sequel, di cui ammetto non avere un gran bel ricordo, anzi l'ho praticamente rimosso (dovrei rivederlo) e che, al contrario, ha ottenuto critiche piuttosto tiepidine.
Ed arriviamo al 2012. Balaguerò, "quello intelligente"(cit.), lascia l'operazione interamente in mano a Plaza, probabilmente per dedicarsi a quel capolavoro di perfidia che è lo splendido "Mientras Duermas" (da noi conosciuto con l'orrido titolo di Bad Time) di cui se siete curiosi potete rileggere la mia recensione qui. L'aver lasciato tutto in mano a Paco Plaza da vita a "Rec 3 Genesis" (qui), un'ora o poco più strapiena di sangue e zombie con una protagonista assai efficace, la bellissima Leticia Dolera, ed un finale crudelissimo che ha ottenuto pernacchie praticamente ovunque mentre a me, ovviamente, ha divertito tantissimo.
Per l'ultimo capitolo della saga, ma il finale uno spiraglio aperto lo lascia, Balagueró riprende possesso della sua creatura e dirige in solitaria. 
Il risultato?Così così...
Premetto che questo film l'ho visto in lingua originale sottotitolato, male, in inglese. La traduzione italiana infatti è "leggermente" approssimativa ed i dialoghi sembravano scritti da uno zombie ubriaco. 
Ergo la difficoltà di comprensione deve avermi fatto perdere per strada qualche cosa.
Balaguerò, come giá fece Plaza per il terzo capitolo, abbandona completamente la tecnica del found footage a favore di qualcosa decisamente più tradizionale. Di questo gli siamo grati, senza alcun dubbio, ma proprio in Rec il found footage aveva trovato la sua migliore espressione. Quindi, mentre nel terzo capitolo il cambio di rotta funzionava alla grande in quanto si trattava completamente di un'altra storia con altri protagonisti, qui, togliendo la maledettissima camera a mano il film perde gran parte del suo fascino (non posso credere di aver detto una cosa simile....).
Pur facendo continui a riferimenti a tutta la saga, compreso il terzo vituperatissimo capitolo grazie ad una nonnina piuttosto confusa, il ritorno di una Manuela Velasco che probabilmente ha stretto un patto con il diavolo (è uguale ad 8 anni fa..), ha disgraziatamente scatenato il confronto con il primo capitolo. E purtroppo, questo "Rec4" ne esce piuttosto maluccio.
Balaugerò non è un cretino, si vede, e forse si tratta di normale evoluzione di una saga, ripetersi non è mai bello. Però la trasformazione di una perfetta macchina per fare paura in un
normalissimo zombie movie che una volta visto si dimentica sa di grande diludendo.
Ecco, l'ho detto.
Certo, ci sono tanti, tanti zombie, tra cui un paio di scimmie protagoniste forse dei momenti migliori della pellicola, che corrono veloci, ringhiano e mordono chiunque li capiti a tiro. Abbiamo anche l'indomita eroina, rigorosamente in canottiera che spacca tutto. Manca però il terrore puro e assoluto, quello messo addosso dal primo capitolo.
Qui mi è parso spesso di stare più dalle parti di un "Resident Evil" qualsiasi, con tanto di scienziati non proprio raccomandabili, anzichè in un lavoro di Balaguerò...e come parassiti quelli di "The Bay" sono decisamente più inquietanti dell'iberico vermone
E no. Pur riconoscendone alcune qualità oggettive, e girato bene e la Velasco se la cava sempre alla grande, non vi colto il gran divertimento decantato da tanti.
Insomma, una cosetta così che, come ho detto passa e va.
Come conclusione dei una delle saghe horror migliori degli ultimi anni scusate, ma per me è davvero un pò pochino.






Commenti

  1. Non all'altezza del primo, storico capitolo ma comunque molto divertente. E temo di aver beccato la tua stessa versione, fortunatamente lo spagnolo lo mastico ancora abbastanza da ignorare simili traduzioni fatte coi piedi....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti riferisci a questa traduzione "primaveeeera Angela!!!"....teribbile...e il problema è proporio che, al contrario del terzo capitolo, io qui mica mi son divertita...

      Elimina
  2. Grande, grandissima delusione. Un film che si prende troppo sul serio (se non nel finale) e che ricorda tanti altri film. Peccato, si poteva fare qualunque cosa e invece si chiude a sta maniera. Quasi quasi ho preferito Rec 2 che è un tutto dire.

    RispondiElimina
  3. Io della saga ho visto solamente il terzo e posso solo dire di non aver avuto paura nemmeno mezzo secondo, l'ho trovato davvero ridicolo e la fine è solo l'ultimo dei suoi problemi xD
    Se dici che ne vale la pena vedrò il primo, ma io sono per gli horror più atmosfera e meno sangue, tipo Insidious.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi assolutamente recuperare il primo...

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…