Passa ai contenuti principali

GOLDEN GLOBE 2015 - I VINCITORI (ovvero tutto quello che c'è da recuperare al cinema...)

Questa notte sono stati assegnati i Golden Globe che, per quanto mi riguarda, mai come in questo caso si sono rivelati una occasione per riflettere su quanto poco visto quest'anno e sull'opportunità o meno di tenere ancora aperta la baracca...in attesa di una risposta illuminante in materia, vediamo di spendere, "a pelle" due parole sui premiati. Vedrete che mancano alcune categorie, specialmente in ambito televisivo, di cui non saprei proprio che dire, in quanto ignoro completamente chi siano i candidati ed i premiati....



Miglior film drammatico: 
Boyhood

Quello che era forse uno dei film più attesi dell'anno e che, inspiegabilmente, dalle mie parti non si è visto se non confinato in un cinema di periferia per una (una!!!) settimana, a saperlo che finiva così andavo a vedermelo questa estate a Nizza, comincia a mietere premi....speriamo vinca anche l'Oscar così qualcuno si deciderà ad onorarlo con una programmazione più seria...

Miglior film commedia o musicale: 
Grand Budapest Hotel
Perso anche questo ovviamente...ma dopo quella meraviglia di "Moonrise Kingdom" Wes Anderson è riuscito a conquistarsi un grosso credito da queste parti...a questo punto dovrò recuperarlo velocemente.

Miglior regista: 
Richard Linklater - Boyhood 
Un premio anche al coraggio (un film girato in 12 anni non è cosa da poco...). E lui mi ha regalato la trilogia dei "Before" quindi lo amo a prescindere...

Miglior attore in un film drammatico: 
Eddie Redmayne - La teoria del tutto 
Visto il trailer qualche settimana fa. Mi sono commossa. Pare una di quelle interpretazioni fatte a posta per vincere tutto. Un premio un pò paraculo??Forse...ma il film è in lista (sic!!).

Miglior attrice in un film drammatico: 
Julianne Moore - Still Alice
Del film si parla un gran bene. Lei, per quando mi riguarda, pur avendo preso parte anche a vaccate clamorose, potrebbe recitare la lista della spesa che ne uscirebbe alla grande comunque. Altro film che gradirei vedere...speriamo nella Cineteca...

Miglior attrice in un film commedia o musicale: 

Amy Adams - Big Eyes 
Del film si parla malissimo. Probabilmente io, che non sono burtoniana, mi è piaciuto davvero forse solo "Frankenweenie", lo apprezzerei parecchio; sono combattuta se vederlo o no, lo ammetto.Lei mi piace, sono riuscita ad amarla persino in "American Hustel".

Miglior attore in un film commedia o musicale: 
Michael Keaton - Birdman 
Non so dire nulla se non che probabilmente Michael Keaton è tornato, ed io non vedo l'ora di rivederlo all'opera.

Miglior attrice non protagonista: 
Patricia Arquette - Boyhood 
Un'attrice che mi è sempre piaciuta molto, e probabilmente ha ottenuto, fino ad ora,  meno di quanto meritava. 

Miglior film d'animazione: 
Dragon Trainer 2

Ecco quella che è ormai diventata la categoria in cui sono più esperta. E se permettete dissento rumorosamente. Non  ho ancora visto "Big Hero 6" (rimedierò in settimana) ma mi rifiuto di dire che "Dragon Trainer 2", cosuccia leggerina anzichenò, sia meglio di quella meraviglia di "The Lego Movie" eccheccaspita.....

Ed arriviamo ai premi televisivi:

Miglior serie - Drama

The Affair
Ne ho sentito parlare benissimo praticamente dappertutto; temevo si trattasse banalmente della solita questione di corna in salsa radical- chic...evidentemente sbaglio...ora sono curiosa assai. Attendo approdo su Sky Atlantic.

Miglior attore in una seria -Drama
Kevin Spacey - House of cards
E qui Signore e Signori, la fan-lady (che l'età da frangirl l'ho già passata da un po'...) nascosta in me,alla lettura della notizia ha esultato....era ora..

Miglior attrice in una seria -Drama
Ruth Wilson, The Affair
Ha battuto una brava, seppur un po' troppo squilibrata, Claire Danes di "Homeland" (ma la quarta stagione non mi ha convinta del tutto) e soprattutto la strepitosa Robin Wright di "House of cards"...ebbene si, dovrò proprio guardare "The affair"..

Miglior miniserie o film TV
Fargo
Ce l'ho sul MySky....

Miglior attore in una miniserie o film TV
Billy Bob Thorton - Fargo
Ha battuto il dinamico duo di "True Detective " e il commovente Mark Ruffalo di "The normale heart". In pratica ha fatto il colpaccio. Vedremo se in questo caso, lui resta comunque un grande, e' un colpaccio meritato...

Miglior attore non protagonista in una miniserie o film TV
Matt Bomer - The normal heart
Lui è Ruffalo sono state una delle coppie più belle ed intense viste sul piccolo schermo. Per me meritatissimo ma non sono obiettiva, durante la visione ho pianto come un vitello.

Miglior attrice non protagonista in una miniserie o film TV
Joanne Froggatt - Downton Abbey
Ammetto le mie colpe, non ho mai visto una puntata di "Downton Abbey", non è il mio genere. Quindi non entrò nel merito del premio...ma ho trovato la Michelle Monaghan di "True Detective" magnifica.



Io amo questi due...





Commenti

  1. Ti dico la mia su quello che ho visto :)
    Boyhood: meritatissima. Uno dei film più belli dello scorso anno.
    Poi il protagonista ha la mia età, è stato come rivedermi. Una cosa piccola ma miracolosa.
    Grand Budapest: non posso farci niente, non l'ho visto volontariamente, disgustato da quei colori. Mi mettono il mal di mare, anche se sto in poltrona.
    Redmayne: prova eccelsa, anche se Gyllenhall pure era fantastico. Visto anche Cumberbatch in The Imitation Game. Bel film, ma lui aveva troppa concorrenza effettivamente.
    Moore: Date un Oscar alla Moore. Come può non averlo vinto già? Manco in The Hours? Oscenità.
    The Affair: una grande sorpresa, dialoghi impeccabili, ottimo cast. La Wilson è una rivelazione e ha un personaggio tutto spigoli. Difficilissimo.
    Matt Bomer: grande prova, ma avrei premiato anche Ruffalo. Ma sì, in segreto tutti hanno pianto con quel film!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mamma mia, quanta roba devo ancora vedere..peró the affair proprio mi incuriosisce tanto..

      Elimina
  2. Sono contento per Boyhood e dispiaciutissimo per la Pike. Che, per carità, è stata battuta da una signora attrice... che interpreta una malata di Alzheimer. Mentre il miglior attore interpreta un malato di distrofia muscolare. A Hollywood se mimi una qualsiasi grave malattia hai l'oscar assicurato: che palle!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ragionamento che non fa una grinza il tuo, anche se adoro la Moore.Debbo recuperare assolutamente "gone girl", ho letto il libro ed è stupendo!

      Elimina
  3. Dragon Trainer 2 è superiore a The Lego Movie, infatti il fatto che abbia vinto mi ha sorpreso. Non ti preoccupare, agli oscar la spunterà il tuo preferito! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci speravo (purtroppo è stato snobbato..)

      Elimina
  4. Guarda, anche a me mancano parecchi titoli ma non ci pensare neppure a chiudere la baracca... guarda che noi abbiamo ancora un "Gol" in sospeso! :P

    Comunque, sono contenta per Boyhood, salvo che la regia avrebbe dovuto andare a Fincher, ovviamente.
    Per la Moore che ha vinto sulla Pike la bestemmia è partita automatica...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no non chiudo. Anzi per il "Gol" ti scrivo...

      Elimina
  5. il film di W. Anderson è una delizia, più per il palato europeo che per gli americani (infatti non vincerà l'Oscar)
    è una commedia nera: per contare i morti ammazzati ci vuole il pallottoliere...
    ma è bello bello bello

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…