Passa ai contenuti principali

DYLAN DOG- VITTIMA DEGLI EVENTI



Regia: Claudio Di Biagio
Interpreti: Luca Vecchi, Valerio Di Benedetto, Sara Lazzaro, Alessandro Haber, Milena Vukotic

Trama: Adele è perseguitata da misteriosi incubi. Disperata, non le resta che rivolgersi ad uno specialista, Dylan Dog...

Ogni individuo è vittima della propria maledizione

Il personaggio di Dylan Dog lo conosco di fama.
Non ho mai letto uno dei suoi album, la mia conoscenza fumettistica è veramente ridotta. Ho visto cinque minuti del film americano ed al di là di tutto l'ho trovato veramente orribile.
Allora perché guardare "Vittima degli Eventi?".
Perché ne ho letto qui dalla cara Bolla, e ne parlava davvero bene
Così, nonostante il mio background in materia fosse praticamente azzerato, mi è venuta una curiosità incredibile.
Siamo di fronte ad una pellicola totalmente italiana, e la mia diffidenza verso il new Italian cinema, commedia o meno, si veda il tremendo "Cose Cattive", è notoria.
Ma questa volta sono stata miracolosamente smentita.
"Vittima degli eventi" è un prodotto che ha convinto appassionati di Dylan Dog, leggendo in rete hanno gradito parecchio, nonché profani come la sottoscritta.
Un corto (o forse medio)metraggio, 50 minuti o poco più reperibile aggratis su Youtube, davvero pregevolissimo.
Dal punto di vista tecnico siamo di fronte a qualcosa di davvero molto curato, già sopra  la media rispetto a tante pellicole nostrane passate in sala, quindi figuriamoci a che livello siamo rispetto a quello che passa youtube...
 Claudio Di Biagio, che non conoscevo (probabilmente sono troppo vecchia) ha girato, bene e Luca Vecchi ha scritto, benissimo un gioiellino fresco, furbo e godibilissimo.
Bravi gli interpreti, accompagnati in questa avventura da due grandissimi come Alessandro Haber e Milena Vukotic.
Successo più che meritato quindi, pare addirittura abbia travalicato i confini europei, a dimostrazione che qualcosa di buono anche dalle nostre parti c'è. 
E speriamo di rivedere presto Di Biagio e soci su grande schermo.

Commenti

  1. è un fan movie rispettoso ma che ha anche quello scatto in più...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente visto che riesce ad essere piacevole anche per chi come me non ha mai letto un suo fumetto.

      Elimina
  2. Prodottone di tutto rispetto che rispolvera alla grandissima ciò che fece maestoso il cinema italiano d'un tempo : pochi soldi, molte idee e talento.

    Io son come te sull'Italian Comedy...Ma vuoi ricrederti almeno un po' ? Recuperati subito Zoran, il mio nipote scemo e molto anche L'Arbitro (http://cinematografiapatologica.blogspot.it/2013/09/larbitro-2013-di-paolo-zucca.html)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. D'accordissimo su tutto!ed i due film li recuperero' quanto prima!

      Elimina
  3. Sono contenta che ti sia piaciuto, ogni tanto anche il cinema di genere italiano ne azzecca una! :)
    E prima o poi un Dylan Dog leggitelo, alcuni numeri hanno fatto storia!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio carino e dopo averlo visto mi è venuta voglia di
      Leggere pure il fumetto!

      Elimina
  4. Altro commento positivo, altro motivo per vederlo. Fa piacere ancor di più sapere che un buon Made in Italy è possibile...

    RispondiElimina
  5. Pare strano ma qualcosa di buoni c'è...guardalo che vale la pena

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…