Passa ai contenuti principali

SCHERMI E LAVAGNE - QUANDO LE GRANDI PASSIONI COMINCIANO DA PICCOLI


Il giorno prima dell'inizio dell'anno scolastico io e la bacarospetta abbiamo partecipato ad un evento assai interessante di cui avrei dovuto parlare, ovviamente, nei giorni successivi. Ma poi siamo stati fagocitati dalla routine quotidiana, che tradotto in parole povere significa crollare schiantati sul divano, quindi ve lo racconto solo ora.
La Cineteca di Bologna, tra le numerose magnifiche iniziative organizza un cineclub per bambini e ragazzi denominato "Schermi e lavagne"; tecnicamente viene definito "progetto di educazione all'immagine in movimento" come specificato sul sito che vi invito a visitare. Al suo interno tanti progetti bellissimi per ogni ordine e grado scolastico, interessanti laboratori a libera frequenza e, per l'appunto, un cineclub. Ogni sabato e domenica un film per ragazzi, spesso si tratta anche di opere poco conosciute o che hanno avuto una pessima distribuzione. E per presentare degnamente tutte le iniziative della stagione "Schermi e lavagne" organizza ogni anno un "open day" a cui quest'anno, la piccoletto e' già cinefila in erba, abbiamo partecipato molto volentieri.
Il pomeriggio è cominciato con un laboratorio dove venivano svolte sperimentazioni in stop-motion.
I bimbetti, tra cui anche la mia nonostante fosse una delle più piccoline, hanno creato e dato vita tramite questa tecnica di animazione, con l'aiuto di esperti, a razzi, alieni e mostri spaziali. Un'esperienza simpatica e divertente, come spesso accade quando si tratta di dar modo ai bambini di sviluppare la propria creatività, piaciuta molto a tutti i partecipanti.
Il pomeriggio è proseguito poi con una proiezione di una selezione dei lavori realizzati nel corso dei laboratori dell'anno passato, davvero deliziosi, seguita dal capolavoro di Steven Spielberg "E.T. - l'extraterrestre". Non lo vedevo da una vita, forse due, e debbo ammettere che è stata una emozione grandissima.Ci sarebbe da scrivere un saggio su un film ormai entrato nella leggenda, ma questo non è il luogo adatto e soprattutto io non sono la persona giusta. E' sufficiente dire che si tratta di un film invecchiato benissimo, capace di entusiasmare anche i bambini di oggi, forse più smaliziati di quelli di allora, di far ridere e piangere come trent'anni fa, davvero un capolavoro immortale dello zio Spilby.
Dopo il film una bella merenda, riservata ovviamente ai bimbetti, noi adulti ci siamo dovuti accontentare di fotografare...
Concludeva la giornata un ultimo laboratorio davvero carino, la costruzione di una nave spaziale utilizzando oggetti riciclati (per esempio bottiglie di plastica) a cui però non abbiamo potuto partecipare...abitando fuori città abbiamo dovuto lasciare anzitempo la compagnia altrimenti si sarebbe fatto davvero troppo tardi...ma non siamo andati via senza quella tesserina che vedete lì sotto...perché le grandi passioni cominciano davvero da piccoli...








Commenti

  1. Ma che meraviglia! E' un vero peccato che iniziative simili dalle mie parti non ci siano ma d'altronde io non potrei partecipare.. U__U

    RispondiElimina
  2. Guarda che la bacarospetta era una scusa...a vedere Et sarei andata comunque!!:-)

    RispondiElimina
  3. Oddio ma perché qui non ci sono questi "laboratori"?
    Adesso vado al comune e propongo il mio laboratorio cinematografico...cazzarola è meraviglioso. *_*

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…