Passa ai contenuti principali

AMORE CUCINA E CURRY




Regia: Lasse Hallstrom
Interpreti: Helen Mirren, Om Puri, Manish Dayal, Charlotte Le Bon

Trama: La famiglia Kadim, emigrata dall’India , si stabilisce nel caratteristico villaggio di Saint-Antonin-Noble-Val, nel sud della Francia. Un posto incantevole e raffinato, il luogo ideale dove aprire Maison Mumbai, un ristorante indiano a conduzione familiare. Ma a fronte della Maison Mumbai esiste già il rinnomato ristorante francese Saule Pleureur guidato da Madame Mallory che, ovviamente, non gradisce i nuovi dirmpettai. Le sue implacabili proteste danno luogo ad un’accesa battaglia fra i due locali, fino a quando la passione di Hassan, figlio minore dei Kadim per l’alta cucina francese e per Marguerite deliziosa “sous chef” di Madame Mallory, non riuscirà ad amalgamare magicamente le due culture, regalando a Saint-Antonin nuovi sapori di cucina e di vita che neanche Madame Mallory potrà ignorare. La donna infatti, sarà disposta a riconoscere il talento culinario del suo rivale e a prenderlo sotto la sua ala protettiva


"Come si dice?Se non puoi batterli, unisciti a loro"

Lo confesso, ormai non ci speravo piú.
Da parecchio ero alla ricerca di una commedia veramente valida.
Ma ad eccezione di "Smetto quando voglio", dove ho riso parecchio, il deserto.
"Amore cucina e curry", a casa nostra, ha attirato fin da subito l'attenzione in quanto rientra a pieno titolo nel filone "cibo-cucina" che dalle nostre parti è assai gradito fin dai tempi di "Julia e Julie", vero e proprio cult-movie personale della bacarospetta, e dell'adorabile "Ratatouille".
Hallstrom riadatta il libro "The Hundred-Foot Journey" di Richard Morais, mia prossima lettura, e ne fa forse il "Chocolat" al sapore di spezie del nuovo millennio.
Un etto di paesaggio da cartolina.
Un pizzicchino di prevedibilità, sappiamo già come andrà a finire,
Quattro etti d'amour ed voilà, il piatto è pronto...
Stucchevole?Mais no!Come spesso accade anche in cucina, Hallstrom mischia ingredienti assai semplici ed ottiene un risultato assolutamente delizioso.
In un panorama generale fatto di commedie becere e volgarotte "Amore, cucina e curry", il titolo italiano è assai bruttino, si distingue per una estrema eleganza. Sarà che invecchiando si diventa un pò bacchettoni, nonchè parecchio brontoloni, ma è stato un piacere godersi una commedia dove culi e sinonimi vari per una volta non comparivano.
Hallstrom parte dalla cucina per costruire una intelligente riflessione sull'importanza delle nostre origini.
Il cibo come memoria per non perdersi, ma tra profumi e sapori c'è anche spazio per allargare i propri orizzonti e, perché no, magari per innamorarsi della adorabile Marguerite, la bellissima Charlotte Le Bon.
Fotografia coloratissima e regia fluida donano sapore alla portata, senza alcun dubbio, ma  l'ingrediente principale di questa portata è un cast decisamente azzeccato guidato da una sempre insuperabile Helen Mirren. Personalmente ritengo che sia, insieme a Judi Dench, la vera grande signora del cinema di oggi, capace di recitare l'elenco telefonico al contrario ed essere comunque credibile.

In questo caso la sua Madame Mallory è una arpia prima protagonista di arguti battibecchi con Papa Kadim, poi pronta a trasformarsi in mamma putativa per Hassam non appena riconosciutone il talento.
Divertente e divertito, "Amore cucina e curry" sembra il prodotto di un cinema che non c'è più.
La banalità del bene?Eccesso di buonismo che farà storcere la bocca a molti?Nulla di nuovo sotto il sole?Permettetemi, chissenefrega...
Sarà pure così, ma "Amore cucina e curry" è una favola moderna che riesce a farti trascorrere due ore davvero piacevoli. Esci dal cinema sereno ed a cuor leggero.
Nonché incredibilmente affamato.
Opera intelligente piacevole e garbata quindi, una piccola perla rara davvero sorprendente, candidata al premio personale di miglior commedia dell'anno.


Commenti

  1. Nonostante la tua recensione, continua a non ispirarmi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  2. Bella recensione. Ma il nome di Hallstrom mi fa tremare di paura.

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…