Passa ai contenuti principali

U WANT ME 2 KILL HIM?


Regia: Andrew Douglas
Interpreti: Jamie Blackley, Toby Regbo


Trama: Mark, sedici anni, conosce Rachel su internet e inizia con lei una relazione virtuale. Si scopre ben presto innamorato e disposto a far qualsiasi cosa per lei, compreso accettare l'amicizia con John, imbarazzante e solitario fratello di Rachel. Quando la ragazza sarà assassinata dal violento compagno John e Mark inizieranno ben presto a sviluppare propositi di vendetta.
Ma le loro azioni attireranno l'attenzione di un dipartimento segreto del Governo, e Mark verrà reclutato per commettere un assurdo crimine, che diverrà uno dei casi più incredibili dell'intero sistema giudiziario inglese.

Chi ha deciso, nel proprio tempo libero, di dedicarsi a gestire un blog di cinema, oltre la (parziale) insanità mentale, ha anche un grande privilegio. quello di imbattersi spesso e volentieri in film poco conosciuti quando non totalmente ignoti al grande pubblico. Opere che, per logiche da me ignorate, non vengono distribuite nella beneamata madrepatria, dove si preferisce puntare, evidentemente su altro senza magari, rischiare di distribuire qualcosa che esca un pochino dagli schemi.
E soprattutto pellicole che, spesso e volentieri, sono meglio delle schifezze distribuite in sala.
Mi sono imbattuta in "U want me 2 kill him?" durante un pomeriggio in cui ero convalescente, causa antipaticissima influenza.
Confesso che ero alla ricerca di qualcosa di disimpegnato, il precedente film scelto era il grezzissimo "Redd Inc.", e scegliendo "U want me 2 kill him?" pensavo, beata ignoranza, mi sarei trovata di fronte all'ennesimo teen movie magari pseudo horror perfetto per una visione a neuroni zero e per essere massacrato in una recensione.
Invece, grossa sorpresa, ho visto un thriller psicologico davvero interessante.
 "U want me 2 kill him?" racconta di  solitudini e fragilità adolescenziale che può portare a conseguenze disastrose. Ma lo fa senza mai cadere nella più bieca banalità.
Girato molto bene, ha una solida sceneggiatura che mantiene intatta la tensione, nonostante sia un film oggettivamente lento non annoia mai, fino al twist finale, quando il film mostra il suo vero volto e sfocia in un dramma. Apparentemente emotivamente freddo, alla fine riesce comunque a suscitare un profondo senso di inquietudine ed a spingere te, persona adulta a qualche riflessione.
Molto bravi i protagonisti. Toby Regbo poi quasi perfetto nella parte di John, negli occhi ha una tenerezza mista a follia che non si dimentica facilmente.
Insomma, "U want me 2 kill him?" è un film che avrebbe meritato sicuramente migliore destino. Un'opera valida, solida e ben fatta. Se riuscite ripescatela dall'oblio.
Ah...che ci crediate o no, la storia è incredibilmente vera.

Commenti

  1. Concordo! L'ho beccato per caso e l'ho trovato validissimo.
    Oltretutto conoscevo gli attori, tra telefilm e teen movie, e qui li ho trovati particolarmente in parte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per me una novitá assoluta, mai conosciuto nessuno dei giovani protagonisti, davvero una bella sorpresa...

      Elimina
  2. Ancora non l'ho visto ma ho letto l'articolo della storia vera. Molto creepy.

    RispondiElimina
  3. sembrerebbe essere un film per me :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…