Passa ai contenuti principali

MENIAMO LE MANI 2 - THE ROCK




Ah...Michael Bay regista raffinato, elegante, profondo cantore dell'animo umano...ovviamente sto' scherzando (ma non credo che qualcuno pensasse dicessi sul serio...). Maicol Bei, come viene chiamato amichevolmente da queste parti é uno dei grandi misteri della cinematografia moderna, l'altro è il suo amico scemo Marcus Nispel.
L'uomo che non sussurra alla cinepresa, ma la usa come si trattasse di un'arma termonucleare. Il bombardiere inesorabile dei nostri occhi e soprattutto delle nostre orecchie.
L 'inventore di inenarrabili boiate,su tutti la saga dei "Transformers", colui che però è riuscito a partorire anche, ammettiamolo pure, almeno un paio di divertentissime cazzate. E non sto' parlando soltanto di "Armageddon" ormai (vergognosamente) riconosciuto come guilty plesure da parecchi cinefili, compresa la sottoscritta. Mi riferisco, nel caso specifico, a "The Rock".
Sull'isola di Alcatraz, un commando di Marines mercenari guidati dal generale Hummel, eroe di guerra, sequestra i turisti in visita e installa una batteria di missili. Li lancerà su San Francisco se non gli saranno versati 20 milioni di dollari da destinare alle famiglie dei soldati morti sul campo a cui non è stato tributato alcun onore. Per neutralizzarlo viene mandato un biochimico dell'FBI, che si avvale dell'aiuto di un ex agente segreto britannico in prigione da 30anni, il solo detenuto ad essere mai fuggito da Alcatraz...

Ci sono solo due persone di cui mi fido: una sono io, l'altra non sei tu...Ecco, basterebbe questa frase a far capire il tenore generale della pellicola.
"The Rock" è una Beiata, o sarebbe meglio dire una boiata, allo stato puro. Il regista, all'epoca trentenne, gira il suo giocattolone, qualcuno dice imbeccato dal produttore Bruckheimer, deliziando gli adolescenti dell'epoca, ed incassando una barca di dollaroni, cosa che, ahinoi, continuerà a fare per almeno altri due decenni..e senza avere la minima intenzione di smettere a quanto pare...
Brommm, Bang...Crash, Buuuuummmm, ratàtàtàtà..ecco...finita la recensione.
Perché "The Rock" è sostanzialmente questo, sprecare tante parole mica serve. Sceneggiatura?Due paginette due, che non è troppo importante. L'imprinting è il consueto. C'è un cattivo, fondamentalmente nemmeno poi così cattivo, in questo caso qualche ragione ce l'ha, che tiene sotto scatto il mondo o una sua parte. E c'è l'uomo normale  incaricato ficcato per l'appunto in una situazione straordinaria che, con l'aiuto di altri (ex agenti segreti, poliziotti, robot poco importa) il mondo lo deve salvare...e lo salverà ovviamente!
Il resto?? Il resto è caaaasinoooooo!!! Se condito da qualche battuta sagace  che scatena 
le risate dei ruminatori di pop-corn che popolano la sala è anche meglio.
E qui ovviamente si casino ce ne è a bizzeffe,condito persino da una discreta coppia di protagonisti che batti beccano virilmente intanto che prendono a cazzotti i cattivoni.
Non manca, ovviamente il consueto pippotto propagandistico, anzi, qui di propaganda e retorica ne girano a badilate. Allora???Allora perché io lo trovo divertentissimo e tutte le volte lo riguardo, ora che lo programma anche Sky persino nello splendore dell' HD?
Sostanzialmente i motivi sono due.
Il primo: Sean Connery. Il mitico, amatissimo da queste parti,quanto ci manca, qui è in forma smagliante.
Mena come un fabbro, spara come un cecchino e gigioneggia alla stragrande. Ma soprattutto, da grandissimo attore qual'è,  mangia in testa a Cage, ma con estrema classe, ovvero riesce a  non far fare a Nicola Gabbia proprio la figura dell'imbecille. L'altro motivo è Richard Harris, sono anche io tra quelle che subiscono da sempre il suo fascino debbo ammetterlo, attore capace di dare un tocco di classe persino a vaccate di questa portata.
Quindi il buon Michael questa volta si risparmia almeno parzialmente il pennacchio grazie a due attori in vacanza premio che, comunque dimostrano di saper fare davvero bene il loro mestiere.
E' inutile fare gli snob, "The Rock" è una baracconata tanto roboante quanto divertente, un pò lungo forse, ma Bay è spesso esagerato anche nella durata dei suoi film, un giocattolone per una serata a neuroni zero, magari in compagni....insomma, l'esempio perfetto per il secondo anno dell'iniziativa "MENIAMO LE MANI", che, dopo i fasti dello scorso anno, se volete rileggere la mia recensione la trovate qui, in questo 2014 si ripete, in un'unica giornata.....celebrano con me gli eroi boom-crash-bang:

Commenti

  1. Armageddon lo odiai fin da subito ( visto al cinema) , questo invece lo adddddoro....al cinema mi divertiì come un matto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come Armageddon...è ganzissimo dai...e pure questo è troppo divertente!!!

      Elimina
  2. Oh, sarà anche una Beiata ma, come dice Bradipo, l'ho adorato!! :D Quando ancora Cage era riddiculus ma sopportabile e gradevole!

    RispondiElimina
  3. Grande ripescaggio, questo: e grande Sean!

    RispondiElimina
  4. questo film lo dovrei vedere...e recuperare dato che non l'ho mai visto...ma non menarmi eh? xD scheeeerzo hahaha

    RispondiElimina
  5. Premettendo che a me i film dei Transformers divertono e che Armageddon è un mio guilty pleasure... questo non l'ho mai visto .___.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il primo Transformers ok,ma gli altri...questo recuperalo che ti divertirai!

      Elimina
  6. Mai visto nemmeno questo. Devo andare a ripetizioni?

    RispondiElimina
  7. Pensa che Roger Ebert lo apprezzò. Lo vedrò solo per Sean ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sean renderebbe comunque speciale qualunque cosa..guardalo e ti divertirai!

      Elimina
  8. I film che impazzavano negli anni Novanta. Nostalgia portami via!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…