Passa ai contenuti principali

I MERCENARI 3 - THE EXPENDABLES





Regia: Patrick Hughes
Intepreti (tra gli altri): Sylvester Stallone, Jason Statham, Jet Li, Antonio Banderas, Wesley Snipes, Mel Gibson, Harrison Ford, Kellan Lutz.

Trama: Nella squadra di Barney Ross un incidente mette in serio repentaglio la vita di uno dei membri. L'evento, unito alla ricomparsa di un vecchio e storico nemico spinge Ross a trovarsi un'altra squadra, fatta di giovani a cui non sia legato da una profonda amicizia, per portare a termine una nuova missione. Liberarsi degli amici di una vita e tenerli lontani dalla nuova missione però è più difficile del previsto.

"Cosa dirai all'Aia?"
"Io sono l'Aia!!!"

Sono una figlia degli anni '80.
E da brava figlia degli anni '80 cresciuta a pane e filmacci non potevo certo sfuggirmi l'occasione. 
vedere il manifesto quasi mi scendeva la lacrimuccia..caspita, praticamente tutti (o quasi) i maggiori action heroes dell'epoca riuniti in un solo film promettevano un ritorno temporaneo all'adolescenza condita da sano divertimento tamarro.
Promessa che, dico subito, non è stata assolutamente mantenuta.
Capisco la difficoltà di gestire un cast di "prime donne" di quella portata, ma quello che sarebbe dovuto essere l'apoteosi della saga, si rivela il suo anello più debole.
Tralasciando la regia scialbissima di Patrick Hughes, il problema maggiore del film è la sceneggiatura firmata da Stallone.
La contrapposizione tra nuova e vecchia generazione di mercenari non funziona per nessuna delle due compagini. 
I giovinastri, il nome di maggior richiamo è quello di Kellan Lutz proveniente dalla saga di "Twilight", reclutati probabilmente per portare i ragazzi d'oggi in sala, hanno più o meno il carisma dei bambolotti Hasbro. Delusione totale per le nostre vecchie glorie, ormai più vecchie che glorie, in stato di evidente stanchezza.
Sprecatissimo Statham. 
 L'amato Jasone nostro, colui che sarebbe dovuto diventare l'erede di Stallone. 
Il suo personaggio si riduce ad un paio di battibecchi con il suo capo Barney Ross degni di una commedia di quarta categoria.
Mel Gibson ripete la sua caricatura di cattivissimo già vista da più parti ma alla fine, incredibilmente, risulta il meno peggio di tutta la baracca.
E veniamo ad Antonio Banderas. Il caro Antonio, comunque fisicamente abbastanza in forma, si prende il ruolo di Galgo, mercenario latino introdotto da musichetta mariachi (caro Antonio non son più i tempi di "Desperado" eh...??) di ordinanza. Iperlogorroico, farebbe qualsiasi cosa per entrare nelle grazie di Ross e soci, dovrebbe essere il personaggio divertente della compagnia, alla fine risulta insopportabile. Giuro, vedere passare Banderas da Almodovar a robaccia come questa crea più sofferenza del sentirlo parlare con una gallina....
Stenderei un velo pietoso su un Harrison Ford ormai decisamente pensionabile, Indiana Jones ora somiglia ad uno dei reperti archeologici a cui dava la caccia, ed uno Schwarzenegger più bolso del suo degno compare Sly.
"I mercenari 3" poi si dilunga decisamente troppo.Nonostante la prima scena, quella della liberazione di Snipes, promettesse davvero bene, la prima parte induce allo sbadiglio prolungato, e per un film del genere non va certo bene. Non basta una  mezz'ora abbondante di crash, boommm, bang, ratttàtttàttà a salvare la baracca. E nemmeno una scena finale che fa presagire un quarto capitolo a farci sperare in qualcosa di meglio.
Forse per "I mercenari" è ora di una gloriosa e meritata pensione, prima che sia davvero troppo tardi.

Commenti

  1. Devi passare a Mercenaries, basta con gli Expendables!! :D Scherzi (e Gibson) a parte, una mezza delusione anche per me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mercenaries lo cerco di sicuro.. questo proprio diludendo al cubo...

      Elimina
  2. devo assolutissimamente andare a vedere tutto quel testosterone vacante...
    nel frattempo, ti ho nominata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. una occhiata la puoi pure dare... vista la nomina..appena riesco faccio post!

      Elimina
  3. il film più triste dell'anno e, considerato il flop che ha fatto, spero sia l'ultimo capitolo.
    addio mercenari, non ci mancherete! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. effettivamente un po' di tristezza mette...

      Elimina
  4. Senza dubbio il meno riuscito dei tre. Peccato.

    RispondiElimina
  5. Ecco l'utilità dei blog! Leggi e ti risparmi il tempo di una visione inutile... anche se in questo caso basta vedere la locandina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una occhiata la puoi pure dare..a me, per la veritá la locandina ispirava parecchio invece!!:-)

      Elimina
  6. Anche tu in linea con gli altri. Però lo vedrò lo stesso :P

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…