Passa ai contenuti principali

SMETTO QUANDO VOGLIO



Regia: Sydney Sibilia
Interpreti: Edoardo De Leo, Valeria Solarino, Valerio Aprea, Paolo Calabresi, Libero De Rienzo, Pietro Sermonti.

Trama: Pietro Zinni ricercatore e genio trentasettenne, perde il posto di lavoro a causa dei tagli all'università. Per sopravvivere ha un'idea:sintetizzare con l'aiuto di un suo amico chimico una nuova sostanza stupefacente tra quelle non ancora messe al bando dal ministero. La cosa in sé è legale, lo spaccio e il lucro che ne derivano un pò meno...  mette così insieme una banda criminale, reclutando i migliori ex colleghi finiti a lavorare chi benzinaio o come lavapiatti e chi a giocare a poker..il successo è immediato, i soldi anche. Peccato che il tutto risulti irrimediabilmente difficile da gestire.

Si è vero, sono laureato, ma è un errore di gioventù del quale sono profondamente consapevole!


La commedia all'italiana, come ho già scritto in altro post, non so se sia morta, sicuramente tanto bene non sta. Diciamo che si divide in due categorie: cosucce carucce, l'abuso della desinenza -ucce fa presagire attacchi di bile cronica, in cui la vita è sempre bella e tutto finisce sempre bene, e tremende porcherie di una stupidità tale e di una volgarità così gratuita  da far rimpiangere i "cinepanettoni" di antica memoria.
"Smetto quando voglio" sembrava un caso a sé. 
Praticamente se ne parlava bene un pò dappertutto, addirittura troppo. Ai tempi della sua uscita l'ho, come capita spesso, mancato clamorosamente e soprattutto, abbastanza consapevolmente. Sia per questioni di organizzazione famigliare, trovare qualcosa adatto a tutti e 4 è durissima, sia perchè quando leggo in termini troppo entusiasti di un film finisco con il diventare piuttosto sospettosa e subodoro la fregatura. A queste due ragioni ci aggiungo una personale antipatia per De Leo che per un periodo è comparso praticamente ovunque. Quindi "Smetto quando voglio" è finito nella lista, ormai sempre più lunga, dei recuperi. Fino a sabato 26 luglio, giorno del mio 40 compleanno. Pioveva e faceva un freddo che neanche a novembre...e che si fa nelle serate d'inverno?Si va al cinema..."Transformers 4" no, "Anarchia"..che scherziamo...il resto nulla...tentiamo con "Smetto quando voglio"...tanto la bacarospetta ormai è abituata...e se ha visto "Colpi di fortuna.."...così è scattato il recupero.E, una volta ogni tanto debbo ammettere che sono d'accordo con chi il film lo ha sostenuto. Certo, non siamo di fronte al miracolo italiano così rumorosamente strombazzato in giro, ma debbo ammettere che "Smetto quando voglio" è un buon film.
Sibilia e soci hanno il merito di proporci qualcosa che esce decisamente dai suddetti, ed abusatissimi schemi caruccio/volgare di cui accennavo prima. Una storia diversa, non scontata e decisamente attuale...nonché pure piuttosto divertente.
Anche se, a ripensarci bene, la risata ha un sottotesto piuttosto amarognolo. Diciamocela tutta,in un paese dove la precarietà è una consuetudine, la meritocrazia non esiste e si avanza, quanto meno in certi ambienti, solo a colpi di intrallazzi politici, ci sarebbe ben poco da ridere...Zinni e soci un pò i Fantozzi del nuovo millennio?Forse un pò meno grottesco, ma il paragone a tratti con il personaggio di Villaggio ci può anche stare. Si ride   ed anche parecchio, con l'intelligenza delle cose fatte per bene. Buona la confezione, forse un finale un tantinello troppo frettoloso, buone le prove degli interpreti, De Leo se la cava davvero bene, con eccezione di una Solarino un tantino spenta, ma il ruolo non l'aiuta, ottimo quindi il risultato, fresco ed interessante. Attendiamo fiduciosi Sibilia e soci ad altra prova...


Commenti

  1. Mi è piaciuto da morire!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche dalle mie parti..successo unanime!

      Elimina
  2. Una graditissima sorpresa, incredibilmente valido! :D

    RispondiElimina
  3. I dubbi iniziali erano gli stessi visto come veniva incensato ovunque, ma la sorpresa è stata tanta, quasi quanto il divertimento che, sì, ha un risvolto inevitabilmente amaro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande sorpresa, solitamente i film plurincensati son cavolate, ma mette un po di tristezza pensare alla situazione in cui si trovano i protagonisti perchè rispecchia perfettamente la realtá di oggi..

      Elimina
  4. Visto giusto ieri, piaciuto anche a me almeno si tenta di far qualcosa di diverso rispetto alla solita commedia. Sempre con Edo Leo mi è piaciucchiato anche La mossa del pinguino...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, quanto meno è qualcosa di diverso ed attuale. Su De Leo ci avrei scommesso poco, invece se la cava davvero bene.Prima o poi vedró anche la mossa del pinguino a questo punto.

      Elimina
  5. Gran bel film, vedi che anche noi quando vogliamo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovremmo impegnarci cosí più spesso porca paletta!:-)

      Elimina
  6. Carino, anche se per me non all'altezza di certe recensioni entusiastiche.
    Comunque piacevole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me va oltre la semplice carineria. Speriam piuttosto non resti un caso isolato!

      Elimina
  7. hai fatto bene a recuperarlo, a me è piaciuto e hai ragione si ride amaro...

    RispondiElimina
  8. recupero doveroso. La risata e' amarognola perchè la situazione e' difficile per tutti, disastrosa per molti e pare non sia destinata a migliorare..

    RispondiElimina
  9. devo ammettere che avevo parecchi pregiudizi sul film, causati sia dalla pioggia di elogi che aveva ricevuto che dall'onnipresenza di Leo durante il periodo di promozione del film. mi sa che anch'io lo terrò come "visione da serata invernale" non appena mi si presenterà l'occasione :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…