Passa ai contenuti principali

SHARKNADO 2 - The second one


Regia: Anthony C.Ferrante
Interpreti: Ian Ziering, Tara Reid, Vivica A.Fox.

Trama: Fin e April sono in volo per New York. Lui è un eroe nazionale, lei ha scritto un libro "come sopravvivere ad un tornado di squali" (sic...). Tutto sembra andare per il meglio, a New York li attendono la sorella di Fin e tra loro due le cose stanno ricominciando a funzionare...ma la tragedia è in agguato....e sarà soltanto il preludio all'incubo che li attenderà a New York...la tempesta, anzi, LE tempeste perfette che presto colpiranno New York, facendo piovere...squali!!!!


Even the Sharknadoes are tougher in New York...


Era ampiamente annunciato.
Dopo l'incredibile, ed a tratti inquietante confesso, successo del primo "Sharknado", ritorna il dinamico duo The Asylum/Syfy con l'inevitabile sequel "Sharknado 2".
Non sono una estimatrice del primo, tremendo capitolo, quello che penso lo trovate scritto qui, e soprattutto dopo la visione dell'incredibile "Apocalypse Pompeii" (se credete che con Sharknado si sia toccato il fondo guardatelo e scoprirete come al peggio non c'è davvero limite..) sarei dovuta restare  alla larga da quello che già dal trailer prometteva essere un monumento mondiale al trash.
Invece, tornata bella rilassata dalle ferie ho deciso di rilassarmi ancora per 85 minuti, più o meno, e dare una occhiata a "The Second One ".
Un paio di piccoli meriti, rispetto al suo predecessore, il secondo capitolo ce li ha, debbo ammetterlo. Tecnicamente è un pochino più decente. Certo, siamo sempre di fronte ad un prodotto abbastanza infimo, gli squali questa volta son di plastilina anziché cartone e quanto meno la fotografia è più nitida, togliendo al film la fastidiosa patina giallastra che faceva tanto filmino amatoriale.
E  vogliamo parlare dei primi dodici minuti?Parliamone pure.
La lunga sequenza prima dei titoli di testa è qualcosa di assolutamente assurdo, capolavoro trash come se ne son visti pochi.
Cominciando con la coda dell'aereo che fa capolino tra le nuvole come la pinna di uno squalo e passando per Robert Hays, leggendario Ted Striker de "L'aereo più pazzo del mondo", solo uno dei tanti vips (o presunti tali) che compaiono in numerosissimi cameo, protagonista di un dialogo  imperdibile, assistiamo a 12 minuti idioti eppure incredibilmente divertenti.
Peccato che finisca tutto lì.
Dopo la sigletta degnamente "scult" il film perde inesorabilmente terreno e si affloscia senza pietà. Se il primo "Sharknado" era, mi si perdoni il francesismo, una pellicola cazzona consapevole di esserlo, il suo seguito è tremendamente stupido eppure si maschera da opera seria. Ian Ziering ci mette l'anima poraccio, e c'è da capirlo visto che non se lo filava nessuno da vent'anni, ma era e rimane un cane senza pietà, come Tara Reid, anche se la signora ci mette un pochino più di impegno rispetto alla volta scorsa. La parte newyorkese si riduce ad un'autocitazione del primo capitolo, compresa la scena della sega elettrica, e di altre film horror, con Finn che si comporta come una specie di Ash dei poveri. Ma Ferrante, che comunque tanto scemo non deve essere, non è Raimi, non dimentichiamolo mai...
Il finale poi, in un tripudio di squali squartati ed in fiamme, perde completamente la bussola, ma non potevamo aspettarci tanto di più in fondo...
A conti fatti mentre nel primo capitolo eravamo di fronte ad un semplice "brutto", qui siamo dalle parti del "brutto senza appello" che, più che divertire, alla fine annoia, baciato però anche questa volta da un successo di quelli con pochi precedenti, nell'attesa, ahinoi, di un terzo, e già annunciato, capitolo.
A proposito...qualcuno sa spiegare che cavolo è successo a Vivica A.Fox??Chi è quella donna che si è mangiata Vernita Green??




Commenti

  1. Non ho ancora osato, ma tanto è lì che mi aspetta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. osa osa, che non vedo l'ora di leggerti!

      Elimina
  2. Ce l'hai fatta anche tu, eh? Concordo dalla prima all'ultima parola: se avessero girato un teaser con i primi 12 minuti sarebbe stato un capolavoro. Purtroppo hanno voluto esagerare con un intero film, e allora...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse han esagerato davvero troppo...non oso pensare a cosa si inventeranno per il n. 3!

      Elimina
  3. Sto ancora aspettando, ma non vedo l'ora di vederlo, nonostante non ne stia leggendo come avrei voluto!

    RispondiElimina
  4. A te so che il primo è piaciuto. Questo é la sua versione "seria" (diciamo così..).

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…