Passa ai contenuti principali

THE EAST



Regia: Zal Batmanglij.
Interpreti: Brit Marling, Alexander Skarsgard, Ellen Page, Patricia Clarkson.

Trama: Sarah è una giovane agente impiegata lavora presso un'agenzia privata di spionaggio, la Hiller Brood, che cura gli interessi di grandi aziende americane e multinazionali. Viene scelta per una importante missione sotto copertura. Dovrà infiltrarsi in un collettivo anarchico chiamato "The East" responsabile di azioni di disturbo ai danni di compagnie accusate di crimini ambientali o pratiche contro la salute dei cittadini. Il contatto con i membri del gruppo la porterà a vivere in un mondo completamente diverso dal suo e soprattutto a mettere in discussione le proprie certezze...

"mentici noi ti mentiremo, spiaci noi ti spieremo, avvelena il nostro habitat noi avveleneremo il tuo..."

Siccome è un periodo che di andare al cinema non se ne parla, in attesa che la situazione migliori un pochino, ma l'estate si sa non favorisce certo incursioni in sala, considerato anche la scarsa qualità delle uscite,  il blog sta assumendo una piacevole connotazione "vintage" attraverso il rispolvero di vecchi film ed il recupero di qualcosa del tanto perso durante le passate stagioni.
Di e con Brit Marling sto ancora cercando il momento giusto per vedere  "Another earth". Nonostante ne abbia letto bene praticamente ovunque, mi ha sempre dato l'impressione di una qualcosa eccessivamente "radical.- chic" per i miei gusti. Quella stessa aura di "radical chiccismo" che, sensazione pura, mi pareva circondasse la sua protagonista e sceneggiatrice Brit Marling.
Insomma...a dirla fuori dai denti la ragazza "a pelle" non mi dava troppa fiducia. Continua a non essere il momento giusto per vedere "Another earth", i miei neuroni al momento si rifiutano di guardare film troppo impegnativi, ma dopo aver recuperato "The East" su Brit Marling almeno sulla Marling sceneggiatrice, mi sono ricreduta.
Certo, "The East" non è esente da difetti e botte di radical chic da manuale, la cena con le camice di forza l'ho trovata fastidiosissima, la figlia del ricco convertita alla causa è di una banalità sconsolante, eppure il film lentamente decolla.
Pare, ma non si sa mai quanto voci di questo tipo siano verità o marketing, che il film sia nato da una esperienza vissuta per un paio di mesi dall'attrice e dal regista, esperienza dagli  strascichi abbastanza positivi evidentemente, considerando che qui, di sfumature di grigio non ce ne sono.
Ma se si ha l'intelligenza di "passare oltre", ci si trova di fronte ad un buon thriller.
Una volta entrati nello spirito della storia,  è difficile non essere dalla parte dei componenti di "The East", capita allo spettatore quello che succede a  Sarah, si  rimane invischiati nella storia. Il ritmo è sempre buono, e qualche riflessione la si fa, senza dubbio.
Assai coinvolto il buon cast. La Marling se la cava bene, i dubbi che piano piano attanagliano Sarah sono credibili, Skargard è dotato di un'ottima presenza scenica (chiamiamola così...) nonchè di grande carisma, ma a dominare è Ellen Paige decisamente brava, ma non è una novità.
Quindi, nonostante i dubbi iniziali, sarà che i recuperi di questa estate quanto vanno bene sono semplicemente guardabili,  mi è piaciuto. Ed "Another Heart" è ancora lì...

Commenti

  1. viva il radical-chicchismo e viva brit marling! :)
    e recupera another earth

    RispondiElimina
  2. Another Earth è ancora lì anche per me, magari prima mi recupero questo che al cinema da me non è mai arrivato e mi ero scordata di metterlo in lista...

    RispondiElimina
  3. Buon film. Another Earth, comunque, è superiore!

    RispondiElimina
  4. sono un po' a corto di thriller ultimamente, quasi quasi :)

    RispondiElimina
  5. Da vedere sia questo , che Another Heart. =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo, come hai letto, per me una visione la vale tutta...sull'altro pure io sono in attesa di recupero.

      Elimina
  6. Mi è piaciuto, da vedere ma non resterà nella mia personalissima filmografia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non imprescindibile, ma un buonissimo film, e di questi tempi è già tanto...

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…